close
Scienza

Trova la giusta tensione per il tuo DNA

Mani del chimico che tengono le provette del DNA, priorità bassa del modello dell'elica del DNA
Blog-Cannabis

Tutti reagiscono alla cannabis in modi diversi. Ma ancor più interessante, ognuno può avere sensazioni più o meno forti a seconda della tensione.

La pianta e il consumatore sono come due pezzi di un puzzle: devi trovare la corrispondenza giusta. Strain Genie dice di cercare la cannabis più adatta a te. Il loro motto è semplice: "La cannabis è complessa. Anche tu. "Ma cosa è veramente?


Il modo di scegliere la propria cannabis è stato a lungo un riflesso di un menù del ristorante scritto in una lingua sconosciuta.

Si finisce per scegliere un piatto senza sapere se era piccante o no, se contenesse prodotti a digerire bene, se fosse privo di allergeni a cui si sarebbe sensibile, ecc

Troppo spesso, un ceppo potrebbe essere adatto per una persona, essendo totalmente inadatto per un altro. In breve, era un vero gioco di roulette russa.

Naturalmente, alcuni aspetti del tuo stile di vita, come la quantità di esercizio che fai, i tuoi schemi di sonno e la tua dieta, hanno tutti un ruolo nel modo in cui reagirai ad un prodotto di cannabis in un dato giorno. Tuttavia, il fattore più critico è la composizione del sistema endocannabinoide: le sostanze chimiche e i neuroni nel cervello e nel corpo che rispondono ai cannabinoidi.

Il DNA contiene istruzioni specifiche su come il tuo sistema endocannabinoide è "cablato" rispetto ad altre persone.

Una rapida introduzione al DNA

Il DNA (acido desossiribonucleico) è una molecola lunga che contiene le istruzioni per costruire ogni parte di un organismo. Il DNA è composto da quattro composti che accoppiano: (A) Adenina, (T) Timina, (C) Citosina e (G) Guanina. 99,5% delle combinazioni di coppie di basi che compongono gli umani sono identici da una persona all'altra. La differenza di 0,5% è ciò che ti rende unico. Le varianti sono le differenze genetiche che compongono questo 0,5%.

Molti lettori possono avere familiarità con il termine "gene", che è semplicemente una sezione del DNA che trasporta il codice di fabbricazione e l'organizzazione di molecole specifiche che possono servire da elementi costitutivi per diverse parti e funzioni di un particolare gene. corpo. Varianti di geni specifici sono state identificate come determinanti di migliaia di tratti diversi, che vanno dal fatto che ci siano o meno blu o occhi verdi alla presenza o all'assenza di distrofia muscolare. Mentre vengono condotte nuove ricerche sulla cannabis e sul corpo, stanno iniziando a emergere sempre più legami genetici che possono prevedere la tua risposta alla cannabis.

Cannabis e il tuo DNA

Con i geni che contengono le istruzioni per la creazione di enzimi e proteine ​​che compongono tutti i componenti del vostro cervello e il corpo, è facile vedere come questo potrebbe influenzare il sistema endocannabinoide e, infine, la vostra esperienza con la cannabis . Un esempio estremo è la carenza clinica endocannabinoide (CDSC) - una malattia genetica in cui il corpo di chi l'indossa produce molto meno cannabinoidi e recettori endogeni rispetto a quella di una persona sana. L'ECDC ha una chiara connessione tra il DNA e l'uso di cannabis: se si stanno portando un CECD gene, avrete bisogno di molto di più di cannabis per ottenere gli stessi effetti che una persona senza questo gene. Altri legami genetici che predicono la tua risposta alla cannabis potrebbero essere un po 'più insidiosi.

Prendi i geni CYP2C9 e CYP2C19 per esempio; codificano un enzima che si rompe THC e CBD rispettivamente. Varianti di questi geni possono rendere meno efficaci gli enzimi creati fino a 30%. Ciò significa che i consumatori con queste varianti sarebbero meno efficaci nell'abbattere THC e CBD. Questo processo di decomposizione è una variabile critica da considerare quando si assumono sostanze chimiche. In effetti, alcuni farmaci mirano specificamente a questo sistema di decomposizione creando farmaci che inibiscono la degradazione delle sostanze chimiche endogene in modo che possano rimanere più a lungo efficaci e produrre "di più" del risultato desiderato.

Ad esempio, lo SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, l'antidepressivo farmaceutica principale) ritardare la degradazione della serotonina (un neurotrasmettitore positivo umore stabilizzatore) nella sinapsi (il piccolo spazio che permette la trasmissione di neurotrasmettitori da neuroni) in modo che la serotonina (che di solito è meno presente nelle popolazioni depresse) possa continuare ad agire e dare una persona "più felice". Allo stesso modo, la lenta degradazione del THC farà sentire l'utente "più alto" più a lungo. Sfortunatamente, questo può anche causare sonnolenza tra gli utenti della variante fino a tre giorni dopo il consumo iniziale.

Naturalmente, una visione d'insieme di varianti e CYPC9 CYP2C19 una persona possiede può aiutare a guidare i modelli di dosaggio e le categorie di prodotti tra cui scegliere (per esempio, scegliere uno spray piuttosto che prodotto alimentare tale degrado è sub- ottimale, dal momento che la maggior parte del danno è dovuto al fegato). Queste informazioni sul metabolismo dei farmaci hanno alimentato il fiorente campo della farmacogenetica, dove i medici adottano un approccio personalizzato ai farmaci in base al DNA del paziente.

Analisi del DNA per consumo personalizzato

Data l'efficacia della cannabis come opzione di trattamento per un'ampia varietà di disturbi e malattie e l'affidabilità del DNA per determinare la probabilità che un individuo sviluppa una malattia particolare, è evidente che, alla luce delle predisposizioni gli utenti possono ottimizzare la loro scelta di prodotti di cannabis. Date le decine di migliaia di prodotti e varietà di cannabis disponibili sul mercato legale, i consumatori si trovano di fronte con le opzioni nultitude con diversi rapporti di cannabinoidi e terpeni - le variabili più critiche per determinare i diversi effetti e benefici cannabis medica.

Una tale gamma di prodotti, combinata con la comprensione del suo DNA, consente una selezione personalizzata di prodotti collegando i punti tra i diversi risultati di ricerca. Ad esempio, una serie di geni può predisporre una persona a sviluppare la malattia di Alzheimer e la demenza. Dall'altro lato dell'equazione, gli studi hanno dimostrato che il pinene (un terpene presente nella cannabis e in altre piante come il pino) ha un effetto neuroprotettivo che migliora in modo specifico la memoria. Agli utilizzatori di cannabis con tali predisposizioni si consiglia di adottare misure preventive di salute scegliendo sistematicamente prodotti ad alto contenuto di pinene. Esistono associazioni simili tra gli utenti che tendono a sviluppare la schizofrenia o che hanno episodi psicotici, mentre i prodotti con basso contenuto di THC e alto contenuto di MCI possono avere effetti antipsicotici. Un ragionamento simile si applica alle persone ad alto rischio di cancro che sono in grado di beneficiare di alti prodotti antitumorali del THC.

Poiché le normative iniziano a consentire agli scienziati l'accesso alla cannabis a fini di ricerca, altre conoscenze che possono aiutare a determinare l'efficacia dell'uso di cannabis a livello individuale sono certamente all'orizzonte. Altre vie potrebbero anche fornire informazioni su altri aspetti dell'uso di cannabis. Ad esempio, una nuova ricerca ha anche svelato i geni 2018 35 che ti fanno 11% in più di probabilità di essere un consumatore di cannabis e ha rivelato una sovrapposizione interessante l'uso di cannabis con un gene (CADM2) che è sempre stata associata con assunzione di rischi. Tali informazioni, combinate con i geni che predispongono le persone all'abuso, potrebbero essere utilizzate per guidare le interruzioni di tolleranza programmate.

Qualunque sia l'applicazione, ulteriori ricerche su DNA, cannabinoidi e terpeni promettono di perfezionare l'approccio personalizzato della cannabis che tutti i consumatori dovrebbero prendere in considerazione.

Sapere come trovare la giusta tensione nel proprio DNA

Il corpo umano ha milioni di cellule che reagiscono alla cannabis. Il sistema endocannabinoide funziona in modi molto diversi a seconda della persona.

Sapere come il proprio sistema interagisce con le molecole di cannabis è essenziale. Avevamo già indicato come esiste Tipi 3 profili genetici che trasformano il THC in modo diverso.

Questo è di fare un passo avanti.

L'obiettivo non è semplicemente determinare come il suo corpo metabolizza le molecole di cannabis. Strain Genie analizza il DNA e seleziona i prodotti a base di cannabis che corrispondono perfettamente a ciascun genoma.

Renditi conto che ognuno è diverso

Quelli con un particolare tipo di gene (o "variante allelica"), per esempio, non rispondono bene alla cannabis commestibile ("commestibili").

"Gli individui con questa variante di alleli hanno dimostrato un metabolismo enzimatico epatico che influisce sulla capacità del THC di decomporsi correttamente negli alimenti". fa precisamente uno a Strain Genie.

Pertanto, se si dispone di questo tipo di geni, si consiglia di evitare "edibles".

E se Strain Genie scopre di avere un maggiore rischio di sviluppare malattie come il morbo di Alzheimer, verrai associato a ceppi di cannabis che migliorano la memoria.

Tutto inizia con un test del DNA

Per determinare il livello di compatibilità con questo o quel ceppo, è necessario eseguire un test del DNA. Molte aziende, come 23andme o Ancestry.com, offrono questo tipo di servizio.

Una volta ricevuti i risultati, è sufficiente trasferirli a Strain Genie per un'analisi. Tuttavia, l'esame non è gratuito e costa 30 di dollari.

Ancora più sottile, questo servizio è in realtà associato a WhoahStork, che opera come un marketplace online e partner clinico in tutta la California, ma anche in Colorado, Nevada e Oregon. L'obiettivo è, dopo aver determinato il profilo genetico, di vendere e consegnare la cannabis direttamente a casa.

Trova la giusta tensione per il tuo DNA
5 (100%) 4 voto [s]
Blog-Cannabis
tag: DNAAlimentaregenetico