close
salute

La vaporizzazione può aiutare gli anziani a automedicare?

Blog-Cannabis

Negli ultimi quindici anni, la spruzzatura è diventata una vera alternativa al tradizionale metodo di consumo dei fiori di cannabis. Ma per quanto riguarda gli anziani?

La cannabis medica, essendo consumata principalmente dalla combustione, offre spesso l'opportunità di assimilare gli stessi prodotti che costituiscono la pericolosità della sigaretta. Il consumo per combustione può quindi essere una triste ironia mentre un numero di persone preferisce l'inalazione senza combustione per vaporizzazione: è il metodo di somministrazione che consente un effetto più rapido ed efficace.

È difficile confrontare la tossicità delle sigarette (il cui fumo contiene circa i composti chimici 7000) con quella della cannabis, ma solo quando viene fumata, la combustione dei suoi materiali vegetali (o pirolisi) rilascia anche prodotti tossici. Infatti, come per il tabacco, i catrami della combustione della canapa sono ricchi di composti cancerogeni.

Un modo per proteggere la tua salute mentre usi la cannabis è quello di ridurre le sostanze tossiche legate al fumo attraverso la vaporizzazione.


Perché l'aromaterapia è un'opzione affidabile?

Nella fascia di età avanzata, la spruzzatura è diventata uno strumento indispensabile. Molti anziani vogliono sostituire i farmaci oppioidi oi neurolettici e la cannabis sta diventando la scelta migliore.

Spruzzare è un'opzione che non è aggressiva per il sistema respiratorio, offrendo la possibilità di automedicazione con cannabis, mentre rinuncia agli effetti collaterali delle loro solite prescrizioni e alla preoccupazione di bruciare.
Pertanto, per i pazienti più anziani, la vaporizzazione è diventata uno strumento indispensabile.

Da 2006 a 2013, il consumo di cannabis tra gli anziani è aumentato del 250% con un tasso di progressione ancora maggiore da allora.

Diversi sintomi da trattare negli anziani

cancro: Per i malati di cancro, la cannabis medica li aiuta contro la nausea e il vomito dovuti alla chemioterapia.
Malattia mentale: Per chi è interessato all'ansia, attacchi di panico, depressione, disturbo da stress post-traumatico o disturbo ossessivo-compulsivo, la vaporizzazione è la scelta di relax.
Dolore cronico e malattie del sistema immunitario: Per coloro che hanno dolore cronico, dolore al sistema nervoso, inclusa la sclerosi multipla (SM) o l'artrite, la vaporizzazione è un metodo che consente un risultato molto più rapido rispetto ai farmaci.
Malattia respiratoria: Per i problemi di frequenza cardiaca e bassa pressione sanguigna, lo svapo consente un benessere che riduce anche lo stress che porta ad attacchi di cuore.
Malattia di Alzheimer: Per la malattia di Alzheimer, che colpisce il 10% degli anziani, la molecola di THC aiuta a rallentare la progressione della malattia.
l'anoressia: Per i problemi di anoressia e perdita di fame, molto comune tra gli anziani, la cannabis può ristabilire l'appetito sapendo che il 78% delle morti dovute all'anoressia riguarda gli anziani.
Dipendenza dalla droga: Per i pazienti che vogliono liberarsi di oppioidi o altri farmaci con effetti collaterali avversi, sempre più studi dimostrano che la cannabis è una via d'uscita dalla droga.

Una persona anziana che usa un vaporizzatore è più interessata all'effetto medico piuttosto che alla ricerca di effetti ricreativi. Pertanto, la vaporizzazione è diventata un'alternativa sana ed economica per questa classe di anziani la cui salute è più spesso delicata.


Distinguiamo i tipi di vaporizzatore 2: table e portable

Il vaporizzatore è uno strumento medico disponibile in due versioni. Prima il vaporizzatore da ufficio, solo per uso domestico, che è considerato l'opzione migliore per un anziano.

Un spray da tavola consente un'alta qualità di uso di cannabis medica a vapore. Permette anche una gamma di temperature più varia a seconda delle esigenze e con una batteria la cui durezza di vita è più lunga.

La versione portatile, più versatile, lo rende più facile da usare fuori casa. La spruzzatura consente di rispondere molto rapidamente ai sintomi dei pazienti in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. E poi, più discreto rispetto al fumo, il vapore prodotto è più leggero, più puro e meno rilevabile dalle persone vicine.

Vantaggio della vaporizzazione per gli anziani

l'appetito: Molti anziani perdono il desiderio di mangiare, vaporizzando la cannabis permette loro di riguadagnare l'appetito e quindi di riprendere forza ogni giorno.
sonno: Spray li aiuta a recuperare il sonno e a cullare il loro dolore. Possono riposare meglio e avere una vita più sana e confortevole per godersi al meglio la vita.
Save: Inoltre, questa alternativa ai farmaci è più economica, una soluzione ideale per le pensioni di piccole dimensioni.
prevenzione: Gli anziani sono solo una piccola parte della popolazione, eppure rappresentano una gran parte delle prescrizioni di farmaci con effetti collaterali e rischi di dipendenza. Lo spray di cannabis consente un uso sano ed efficace che sostituisce i loro farmaci e il loro lato dannoso.

Insomma

Potrebbe non essere facile convincere una persona anziana a iniziare a spruzzare, ma una volta informati sugli effetti positivi dell'inalazione della cannabis in questo modo, tutti i dubbi scompaiono. Uno degli argomenti più convincenti è che la vaporizzazione, a differenza del fumo, non ha effetti collaterali e con temperature più basse può avere un effetto psicoattivo minimo fornendo aiuto medico. efficace.

Spruzzare è l'unico metodo che è il più raccomandato dei medici e che promette anche di essere il futuro del cannabis medico.

Promo Black Friday su Namaste Vape cliccando qui:

tag: anzianovaporizzazione