close
legalizzazione

Le farmacie di Buenos Aires importeranno e consegneranno olio di cannabis

Blog-Cannabis

Ne beneficeranno solo i pazienti con epilessia refrattaria

In Argentina, ottenere un'autorizzazione è un percorso ingombrante e costoso. Lo svantaggio di ottenere legalmente la cannabis è la creazione di un mercato parallelo in cui esiste un prodotto che afferma di essere olio di cannabis ma che in realtà è olio d'oliva senza cannabinoidi e che costituisce un pericolo per la salute pubblica. Nei prossimi giorni, le farmacie di Buenos Aires inizieranno a distribuire olio di cannabis genuino ai pazienti con epilessia o che sono resistenti ai trattamenti disponibili.

28 lo scorso giugno, la conformità di a camera settoriale di cannabis in Argentina è stato formalizzato con l'obiettivo di rispondere alle proposte e alle sfide del settore medico e industriale.

Tramite un potere trasferito dal paziente o dal suo rappresentante, i farmacisti inizieranno il processo di importazione dell'olio attraverso un permesso speciale rilasciato dalANMAT (National Drug Administration, Food and Medical Technology) quando le opzioni terapeutiche non saranno efficaci.

Il presidente del Collegio dei farmacisti di Buenos Aires, María Isabel Reinoso, ha confermato questa mattina a Guillermo Lobo che "Le farmacie saranno responsabili di assicurare che il processo sia legalmente registrato. ilANMAT consente ai farmacisti di occuparsi delle formalità doganali, di consegnare alla propria farmacia e quindi di distribuirlo al paziente ".

per leggere come
La cannabis può essere legalizzata nel Regno Unito?

Il processo pilota è stato condotto nella città di Bahía Blanca, il paziente ha effettuato l'ordine tramite una farmacia approvata, eseguendo così la stessa procedura durante l'importazione di farmaci oncologici nel paese.

Secondo Reinoso, non ci sono costi per la famiglia. La procedura per consentire ai pazienti di accedere all'olio di cannabis per uso personale è sempre complicata. Aiutiamo il farmacista in modo che possa farlo. Non esiste un registro approvato, la farmacia non ha fatturato questo servizio. Il quadro normativo rimane lo stesso. Non vi è stato alcun cambiamento nella legge o nelle risoluzioni in vigore. Questo accordo con le farmacie mira a semplificare le procedure con i pazienti.

Uno dei punti critici identificati dall'esperimento pilota è il numero di moduli da completare. Una soluzione sarebbe quella di tenere registri come quelli per i farmaci ontologici. L'obiettivo è che coloro che desiderano avere accesso ai prodotti di cannabis importati non debbano seguire il processo di fronte ad Anmat, ma piuttosto che le farmacie gestiscano l'applicazione prima dell'agenzia. Questo servizio andrebbe a beneficio del paziente che dovrebbe andare solo in farmacia nella sua zona.

Se è un farmaco, la farmacia deve fornirlo. ti assicuro che il prodotto che intendi utilizzare contiene le indicazioni sull'etichetta, che non è il caso di un mercato parallelo. La cosa più importante è che il processo è sicuro e garantisce legittimità e conservazione nelle mani dei professionisti ", afferma Reinoso, che riunisce i professionisti delle farmacie 4479 del territorio di Buenos Aires al fine di replicare questa procedura in futuro e non in qualsiasi parte del paese.

Nel mese di marzo 2017, la legge 27350 ha regolato la ricerca medica e scientifica sull'uso medicinale della pianta e dei suoi derivati ​​e quindi consente la produzione di pazienti con epilessia refrattaria. Diversi studi hanno dimostrato che i derivati ​​delle piante, in particolare il petrolio, possono essere utilizzati e utili ad altre patologie.

per leggere come
Marijuana depenalizzata in Illinois

Epilessia refrattaria

L'Organizzazione Mondiale della Sanità descrive questa malattia come una malattia cerebrale cronica che colpisce tutto il mondo. È caratterizzato da crisi ricorrenti e colpisce l'1% della popolazione mondiale. È un disturbo causato da un aumento dell'attività elettrica dei neuroni che colpisce ripetutamente i movimenti incontrollati.

tag: ArgentinaOlio di cannabisleggefarmacia