close
legalizzazione

Il Lussemburgo non vuole solo la legalizzazione, ma vuole che sia legale in tutta Europa

Cannabis medical Luxembourg
Blog-Cannabis

L'ambizione del Lussemburgo è quella di legalizzare a fini ricreativi e di convincere altri paesi europei a fare altrettanto.

Cannabis ricreativa e terapeutica libera, legale per tutti: questa è l'idea del Lussemburgo per sé e per il resto d'Europa. Il ministero della Salute lussemburghese dovrebbe presentare una proposta per l'avvio del processo legislativo in autunno, con l'obiettivo di renderlo legge entro due anni. In questo caso, il Lussemburgo farà parte di un breve ma crescente elenco di paesi come Canada, Uruguay e 12 Stati degli Stati Uniti che lo hanno legalizzato, con ovvie e tangibili conseguenze sulla qualità di ciò che è venduto e al crimine, drasticamente diminuito.

Il ministro della sanità, Etienne Schneider, è uno dei principali sostenitori della legalizzazione della cannabis. Cita le ragioni legate alla salute come uno dei principali fattori. Ha aggiunto che i giovani avevano già erba sul mercato nero, entrando in contatto con i trafficanti di droga che fornivano cannabis di qualità sconosciuta e avevano accesso a droghe più pericolose. "Questa politica antidroga che stiamo attuando da anni 50 non ha funzionato", ha detto Schneider Politico. Ai sensi della legislazione proposta da Schneider e dal ministro della giustizia, Félix Braz, Il Lussemburgo legalizzerebbe l'intero mercato della cannabis, dalle licenze per la sua produzione alla legalizzazione del suo consumo, in una struttura altamente regolamentata. Ciò vieterebbe la coltivazione in casa e probabilmente imporrebbe un limite di età, possibilmente 18 anni, per l'acquisto. Schneider prevede inoltre un divieto di acquisti da parte di non residenti, per evitare il turismo della droga. Anche perché l'idea del Lussemburgo degli antiproibizionisti in Europa è quella di creare un effetto domino con gli altri paesi dell'UE.

per leggere come
Legalizzazione in Francia

Certo, puoi già trovare erba nei bar di Amsterdam o nei club di cannabis sociale in Catalogna. Tuttavia, il Lussemburgo vuole andare oltre e diventare il primo paese dell'Unione Europea a legalizzare la cannabis.

Legalizzare la cannabis richiede molto di più che dichiarare la sostanza legale. È necessario un mercato regolamentare completo, compresa l'impostazione di imposte e controlli di qualità. Proibire tutto ha reso le cose più interessanti per i giovani, ha affermato Schneider.

Nonostante queste misure, i paesi vicini rimangono nervosi. Malta Goetz, un avvocato specializzato nel mercato della cannabis a fini medici in Germania, ha affermato che la legge lussemburghese potrebbe creare un effetto positivo sull'UE.

"La pressione sociale sarà così forte che, se uno degli Stati membri dell'UE sarà legalizzato, verrà presto discusso seriamente negli altri", ha affermato.

I paesi dell'UE sono anche profondamente divisi sulla cannabis più in generale. La maggior parte si sta ancora chiedendo come rendere la cannabis terapeutica disponibile per i pazienti. Quest'anno l'Irlanda e la Francia hanno messo in atto sistemi sperimentali per la cannabis terapeutica. In tal modo, i loro ministri della salute hanno affermato che ciò non porterebbe alla legalizzazione della cannabis ricreativa.

Un "atteggiamento aperto"

Il Lussemburgo consente la cannabis per scopi medici e depenalizza il possesso di piccole quantità personali. L'acquisto, la vendita e la coltivazione rimangono illegali.

Per il momento, il sostegno al conto sembra forte. Le tre parti che compongono la coalizione di governo in Lussemburgo hanno tutte incluso la legalizzazione della cannabis a scopi ricreativi nella loro agenda governativa, guidata principalmente da membri più giovani.

Ma il Lussemburgo è alle prese con il fatto che si tratta di un piccolo paese in cui le persone di 200000 si recano ogni giorno al lavoro.

per leggere come
Solidarietà del popolo italiano

Schneider ammette che sarà difficile trovare un equilibrio tra il mantenimento delle frontiere e la regolamentazione di questo nuovo mercato, soprattutto se i vicini lussemburghesi temono straripamenti indesiderati. Ma ha detto che voleva unirsi ad altri paesi e stava parlando con altri ministri della salute.

La Germania ha esteso l'accesso alla cannabis per scopi medici solo dopo un ordine della Corte suprema. Ad oggi, "le nostre politiche sulle droghe non hanno avuto molto successo", ha detto. "Spero che tutti abbiamo un atteggiamento più aperto nei confronti della droga".

Ma vede anche il Lussemburgo seguire una tendenza in cui i legislatori iniziano con un approccio più conservatore e alla fine liberalizzano le loro leggi nel tempo. Ha sottolineato che l'Illinois, ad esempio, si stava spostando dalla legislazione restrittiva sulla cannabis medica a una legge sulla cannabis ricreativa che ha rimosso gli archivi di centinaia di migliaia di persone accusate di possesso di cannabis.

"I legislatori temono che se c'è un problema, le persone possono essere ferite e incolpate. Adottano un approccio molto conservativo ", ha detto. "E nel tempo, visto che i problemi non si sviluppano ... rilasciano lentamente, nel tempo, le restrizioni."

" In Germania, c'è un consenso sul fatto che esiste una ragione per cui è consentita la cannabis terapeutica e ci sono pazienti che ne beneficiano ", ha detto Goetz. "Quindi, non c'è motivo di vietarlo. Ma di certo non c'è ancora consenso sulla legalizzazione a fini ricreativi ".

Tuttavia, il Lussemburgo non dovrebbe lasciare che la riluttanza dei vicini e una maggiore incertezza gli impediscano di avanzare nella legalizzazione. Il suo consiglio è: "Tieniti aggiornato".

tag: EuropaleggeLussemburgo