close
legale

Gli adolescenti uruguaiani fumano meno nonostante la legalizzazione

adolescente uruguaiano

Uruguay: indagato sull'uso di cannabis tra i giovani

Nel 2013, l'Uruguay è diventato il primo paese al mondo a legalizzare la cannabis ricreativa, istituendo un modello normativo di produzione e fornitura non commerciale. Abbastanza tempo per fare una revisione scientifica e valutare gli effetti a lungo termine della legalizzazione della cannabis. Secondo questo studio recente, non ci sono prove di un aumento del consumo di cannabis o di un rischio percepito negli adolescenti.

Un gruppo di ricerca ha già esaminato l'argomento. Il loro studio sarà pubblicato integralmente nel numero di giugno dell '"International Journal of Drug Policy" ed è una buona notizia per i sostenitori della legalizzazione. La legalizzazione della cannabis non influisce sulla quantità di articolazioni che i giovani fumano, risultati dello studio.

I ricercatori hanno raccolto dati dal 2014 al 2018 da sondaggi in cui gli studenti delle scuole superiori a Montevideo e nelle regioni centrali del paese hanno confessato il proprio consumo di cannabis. È stato anche chiesto loro come percepiscono la cannabis in pubblico e qual è per loro la presenza di questa sostanza. Il metodo utilizzato è il controllo sintetico (SAM): metodo statistico per valutare l'effetto di un intervento in casi di studio comparativi e quindi stimare l'impatto della legalizzazione in Uruguay durante l'anno o nei mesi precedenti.

leggere :  CBD durante uno screening narcotici

Consumo di droga tra gli adolescenti in Uruguay rispetto al Cile

Il team di ricerca ha confrontato i risultati di questo sondaggio con dati simili raccolti da giovani in Cile, dove la cannabis è ancora vietata. Dopo aver analizzato i dati, gli autori dello studio hanno concluso che " nessuna prova La decisione dell'Uruguay di legalizzare l'erba ha avuto un impatto negativo sull'uso di cannabis tra i giovani. I ricercatori non hanno inoltre riscontrato differenze nei rischi percepiti dell'uso di cannabis tra adolescenti uruguaiani e cileni.

Sebbene il 58% degli adolescenti in Uruguay riferisca di usare erba a scopo ricreativo, questa cifra è solo del 51% in Cile. Tuttavia, gli adolescenti in Uruguay non hanno maggiori probabilità di sballarsi o consumare di più rispetto al Cile.

Non troviamo prove di un impatto sull'uso di cannabis o sul rischio di utilizzo percepito. Vediamo un aumento nella percezione degli studenti della disponibilità di cannabis (58% osservato contro 51%) dopo la legalizzazione.

leggere :  L'autore del transpotting denuncia la guerra alla droga

I nostri risultati supportano la tesi che l'approccio normativo dello stato uruguaiano alla fornitura di cannabis possa ridurre al minimo l'impatto della legalizzazione sul consumo di cannabis da parte degli adolescenti. Allo stesso tempo, il nostro periodo di studio rappresenta una fase di transizione: l'accesso alla farmacia è di gran lunga il mezzo di accesso più diffuso e non era disponibile prima dell'estate del 2017. Sarà importante un ulteriore studio valutare gli impatti a lungo termine.

Una delle preoccupazioni più comuni espresse dagli oppositori della riforma della cannabis è la possibilità che la legalizzazione della cannabis negli adulti porterà un maggior numero di giovani a iniziare a fumare erba. Lo studio qui menzionato è quello che rifiuta tutte queste ipotesi. A Denver, ad esempio, l'uso di cannabis è legalizzato per gli adulti. Gli studi confermano che ha fatto nessun effetto negativo sugli adolescenti.


tag: adolescenteConsumoGiuntoDivietoUruguay
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.