close
salute

Gli utenti di cannabis hanno bisogno di più anestetici

Un nuovo studio rileva che i consumatori abituali di cannabis hanno bisogno di prodotti più anestetizzanti durante l'intervento

I consumatori abituali nello studio necessitavano fino al doppio della dose di anestesia rispetto ad altri pazienti.

secondo un nuovo studio pubblicato sull'American Journal of Osteopathy, le persone che usano regolarmente cannabis hanno bisogno di dosi più elevate di anestetici durante gli interventi chirurgici e altre procedure mediche che richiedono l'anestesia.

anestetici, endoscopia, anestetico

Lo studio ha esaminato i dati di 250 pazienti sottoposti a endoscopia: una visita medica invasiva che prevedeva l'inserimento di un tubo contenente una fibra ottica e una telecamera nell'esofago o una colonscopia nel retto.

I dati provengono dallo stato del Colorado, dove la cannabis è legale, e 25 pazienti su 250 (10%) hanno riferito di usarla regolarmente. Questo divario rimane significativo anche considerando l'età, il sesso e il consumo di alcol, benzodiazepine e oppiacei.

Rispetto ad altri pazienti, utenti regolari di cannabis hanno bisogno di una dose di anestetico propofol oltre 220% di una maggiore dose di oppioide pentanyl di 14% e una dose maggiore di benzodiazepine 20% Mazazole per l'anestesia ottimale.

Ad esempio, 13,83 mg propofol (diisopropilfenolo) sono stati utilizzati per anestetizzare i pazienti medi 225 che non hanno utilizzato la cannabis, contro 44,81 mg in media per anestetizzare 25 consumatori di cannabis regolare.

anestetici, endoscopia, anestetico

"A nostra conoscenza, questo è un effetto della cannabis che non è mai stato segnalato prima e il meccanismo con cui l'uso di cannabis influisce sulla resistenza di altri farmaci (intorpidimento) non è noto", indica lo studio.

In generale la resistenza è variabile a seconda dei prodotti, ad esempio una persona può avere una resistenza molto alta alla cannabis e una tolleranza molto bassa all'alcol.

leggere :  Cannabis VS Tobacco: qual è il peggiore per i tuoi polmoni

"Alcuni anestetici hanno effetti collaterali e maggiore è la dose, maggiore è il rischio di problemi", osservano i ricercatori. Pertanto, concludono che includere domande sull'uso di cannabis nel questionario pre-medico del paziente è un passo importante nella valutazione accurata delle esigenze di anestesia e dei potenziali rischi durante una procedura endoscopica.

"Alla luce dei risultati, non c'è dubbio che i pazienti dovrebbero informare i loro medici sull'uso di cannabis prima di procedure e procedure mediche", ha detto l'autore principale, il dott. Mark Twardowski. Il dott. Twordovsky sottolinea, tuttavia, che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi primi risultati su un campione più ampio di pazienti con cannabis e altri tipi di intervento chirurgico.

Tuttavia, questi risultati suggeriscono che i medici dovrebbero prendere in considerazione la cannabis quando calcolano il dosaggio di alcuni farmaci.

Gli utilizzatori di cannabis avevano bisogno di una sedazione doppia rispetto alle procedure mediche

I risultati dello studio hanno sorpreso anche gli esperti del settore. La CNN intervistata Il dottor Roderick Eckenhoff, professore di dolore e anestesia all'Università della Pennsylvania, che ha detto che lo studio era interessante ma il suo campione era troppo piccolo.

"Questo è uno studio molto preliminare e qualcuno ha bisogno di sfruttare questo slancio e condurre uno studio più completo sull'argomento", ha detto, aggiungendo di non aver visto risultati simili negli studi precedenti.

"Anche se si dà a qualcuno il propofol per molto tempo, è ovviamente una chiave per la resistenza che richiede un aumento della dose, per non superare il 200%", ha aggiunto. “Questo è teoricamente possibile, ma sarei sorpreso se questa scoperta fosse riprodotta in uno studio più ampio. "

Ha anche suggerito un'altra ipotesi: “I pazienti non sempre riferiscono ai medici tutti i farmaci che assumono. Alcune persone che fanno uso di cannabis usano anche altre droghe ricreative e, se non le segnalano a un medico, i risultati potrebbero essere influenzati. " 

tag: Consumoeffetti collateraliStudioMedico e ParafarmaceuticooppioidiTraitement
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.