close
salute

Il dottor Sanjay Gupta unisce le forze con la ricerca sulla cannabis per l'autismo nel 2021

dc Sanjay Gupta

Genitori di bambini autistici ascoltati dalla comunità scientifica

Una diagnosi di autismo può cambiare la vita dei genitori. È un disturbo dello sviluppo neurologico che è sia incurabile che spesso difficile da trattare. Molti genitori di bambini con disturbi dello spettro autistico affermano che la cannabis può aiutare i propri figli. Ma a causa della mancanza di ricerche, è difficile capire come funzionano i cannabinoidi e come usarli rimane poco chiaro.

Autismo - incurabile, in aumento, un bersaglio per la terapia con cannabis

L'anno 2021 è stato caratterizzato da grandi progressi nella ricerca e dalla visibilità di questo trattamento alternativo, che ha trasmesso i risultati di nuove ricerche.

Cinque cose essenziali da sapere:

  • L'ASD o "disturbo dello spettro autistico" si presenta come una vasta gamma di comportamenti che vanno da lievi a gravi, con deficit cognitivi in ​​aree come il linguaggio, il contatto visivo e/o comportamenti ripetitivi.
  • La sua prevalenza è attualmente di 1 bambino su 44 negli Stati Uniti. Colpisce anche 1 bambino su 26 in California, dove la diagnosi precoce e i servizi possono avere un aumento delle diagnosi, secondo il. Washington Post.
  • "L'età avanzata dei genitori (soprattutto l'età del padre) è stata identificata come uno dei più importanti fattori di rischio per l'autismo", hanno concluso i ricercatori.
  • Le mutazioni in più di 100 geni che controllano lo sviluppo neurologico sembrano causare disfunzioni del sistema nervoso nei malati.
  • In alcuni casi, il sistema di segnalazione nervoso del corpo, il sistema endocannabinoide, sembra non funzionare correttamente. Poiché la cannabis cambia il modo in cui funziona il sistema endocannabinoide, le persone con ASD possono trarne beneficio, secondo i casi clinici. Questo è importante perché non esiste un farmaco approvato dalla FDA per i principali sintomi dell'ASD e solo due per l'irritabilità.

Il dottor Sanjay Gupta dà un'occhiata.

Il recente speciale della CNN con il Il dottor Sanjay Gupta, ERBA 6 : Cannabis and Autism, andato in onda domenica 19 dicembre, è stato un grande passo avanti nella visibilità della cannabis come trattamento per l'autismo e i suoi sintomi.

In questo speciale, il Dr. Gupta ha intervistato diverse famiglie che hanno avuto risultati "miracolosi" con la cannabis per curare i sintomi dell'autismo del loro bambino. Ricercatori, medici, pazienti autistici e le loro famiglie hanno discusso di come la cannabis può cambiare la vita delle persone con ASD.

"Stiamo assistendo ad alcuni cambiamenti piuttosto impressionanti". Dr. Doris Trauner, professore di neuroscienze e pediatria presso l'UC San Diego.

Il dottor Trauner ha affermato che l'aggressività di alcuni bambini autistici è "scomparsa".

«Voglio dire che se n'è andata», disse il dottor Trauner. “Molti bambini sono più socievoli”.

Quattordici stati consentono la cannabis medica per l'autismo grave, ha osservato il dott. Gupta. A volte la cannabis funziona per i sintomi cronici e intrattabili dell'autismo, come l'autolesionismo.

“Questi genitori hanno provato di tutto, compresi potenti farmaci che alterano la mente. … È straziante. [Con la cannabis] queste famiglie hanno trovato qualcosa che pensano funzioni. "

https://www.leafly.com/news/health/cannabinoid-research-autism-2021

Il dottor Gupta ha portato il dialogo culturale al livello successivo, iniziando con WEED, il suo originale speciale sulla cannabis che ha fatto luce sui viaggi dei bambini con epilessia che hanno trovato grandi benefici nel CBD. L'enorme pubblico mainstream promette di attirare l'attenzione sui potenziali benefici della cannabis per l'autismo.

leggere :  Il primo inalatore a dose selettiva

Anche i clinici della cannabis che curano effettivamente i bambini con autismo hanno collaborato come mai prima d'ora alla conferenza digitale Navigating The Complexities of Autism & Cannabis: Facts and Myths il 28 novembre. La Society of Cannabis Clinicians senza scopo di lucro ha riunito otto medici e genitori di bambini autistici per rivedere la ricerca e presentare trattamenti che funzionano.

Durante la sessione, molti medici (così come due genitori di pazienti autistici) hanno parlato dei successi che hanno riscontrato nell'uso della cannabis per l'autismo, specificando quali particolari trattamenti a base di cannabinoidi hanno funzionato bene.

THC vs CBD per l'autismo

I medici hanno riportato un alto tasso di successo con il THC, il principale ingrediente psicoattivo della cannabis. Al contrario, la maggior parte delle ricerche sui cannabinoidi tende a concentrarsi solo sul CBD. Questo perché la medicina americana rimane sospettosa del THC, affermano i medici della cannabis.

"La letteratura è molto in ritardo su ciò che facciamo con i pazienti", ha spiegato il dottor Bonni Goldstein MD alla conferenza. "Penso che ciò sia in parte dovuto alla difficoltà nell'accettare che la cannabis possa aiutare questi bambini", ha aggiunto, spiegando che molti temono ancora gli effetti collaterali del THC.

Ma la signora Goldstein e altri hanno riferito che i loro pazienti autistici che usano il THC stanno bene. "La maggior parte di noi non vede effetti collaterali significativi."

leggere :  Cannabis e cancro, domande sospese

Il dottor Justin Sulak ha anche elogiato i benefici del THC per i pazienti autistici, spiegando che il THC può essere il modo migliore per spiegare le carenze neurochimiche osservate nei pazienti autistici. Più specificamente, ilanandamide, la molecola della "beatitudine" dell'organismo. Il THC funziona in modo simile all'anandamide.

"Forse il CBD potrebbe essere usato per simulare l'anandamide, ma penso che il THC sarà lo strumento più utile. Quindi, se qualcuno ha questa carenza, per così dire, ha senso trattarlo con THC. "

Anche se è stato proposto il THC, i medici hanno chiarito che diverse varietà di cannabinoidi, come CBD, CBDA, CBDV, THCA e CBG sembrano anche avere effetti benefici per i pazienti autistici.

I medici hanno anche sottolineato i numerosi studi sui cannabinoidi per i DSA nel 2021, un'altra grande vittoria.

Il medico principale della conferenza, la dott.ssa Patricia Frye, ha spiegato che la ricerca risale al 2016, quando uno studio ha concluso che l'aumento dell'anandamide può aiutare a combattere l'autismo. Ma l'interesse per la ricerca è cresciuto negli ultimi anni.

“Nel 2021… abbiamo sempre più dati preclinici e osservativi, che esaminano specificamente i rischi e i benefici della cannabis e dei cannabinoidi nel trattamento delle condizioni principali e coesistenti. "

Una dozzina di nuovi studi hanno esaminato i benefici della cannabis per l'autismo, rendendo il 2021 un grande anno di progressi.

La cannabis riduce i biomarcatori di danno

Lo scorso novembre, la dott.ssa Bonni Goldstein ha pubblicato una nuova ricerca che mostra che la cannabis riduce i livelli di biomarcatori dell'infiammazione nervosa, dell'aggressività e del dolore. I biomarcatori anormalmente alti nei pazienti autistici sono tornati alla normalità dopo un anno di trattamento, conclude il dott. Goldstein.

Questi cambiamenti dei biomarcatori sono correlati con il miglioramento del comportamento, secondo i rapporti dei genitori di pazienti autistici. Secondo il Dr. Goldstein, questi test sui biomarcatori potrebbero aiutare a misurare l'efficacia dei trattamenti con cannabinoidi per l'autismo.

L'anno 2022 promette di vedere ancora più progressi nella nostra comprensione di come trattare l'autismo. Per alcuni dei circa 75 milioni di persone con ASD in tutto il mondo, le risposte potrebbero cambiare la vita.


tag: AutismoStudioMedicinaTraitement
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.