close
Affari

Pfizer acquisisce un'azienda farmaceutica che testa il trattamento con cannabinoidi

L'acquisizione di Arena da parte di Pfizer "dimostra un grande interesse dei prodotti farmaceutici per i farmaci cannabinoidi"

Pfizer Inc, una delle tre aziende farmaceutiche che producono vaccini COVID-19, è in procinto di acquisire un'altra grande azienda farmaceutica che sta conducendo studi clinici su vari farmaci, tra cui uno che esamina l'efficacia dei cannabinoidi.

Pfizer Inc. ha pagato 6,7 miliardi di dollari in contanti in un accordo per acquisire Arena Pharmaceuticals, Inc.

Pfizer Inc. ha annunciato la sua proposta di acquisizione di Arena Pharmaceuticals, Inc. il 13 dicembre. Le due società hanno firmato un accordo secondo cui Pfizer avrebbe ricevuto tutte le azioni Arena per $ 100 per azione, pagate in contanti al valore dell'accordo fissato a $ 6,7 miliardi. Arena offre una varietà di studi clinici multistadio per i farmaci che sta attualmente sviluppando, uno dei quali sta esplorando l'uso di un farmaco cannabinoide orale per i disturbi gastrointestinali.

secondo un comunicato stampaLa stampa, i consigli di amministrazione di Pfizer e Arena hanno approvato l'operazione. La proposta acquisizione di Arena integra le nostre capacità e competenze in infiammazione e immunologia, un motore di innovazione per Pfizer che sviluppa potenziali terapie per pazienti con malattie immuno-infiammatorie debilitanti che necessitano di opzioni di trattamento più efficaci ", ha affermato Mike Gladstone, presidente globale e CEO di Pfizer. Utilizzando le principali capacità di ricerca e sviluppo globali di Pfizer, abbiamo in programma di accelerare lo sviluppo clinico di etrasimod per i pazienti con malattie immuno-infiammatorie. Gladstone lavora nel dipartimento di infiammazione e immunologia della Pfizer.

leggere :  Magic Johnson: le ultime novità sul CBD

Arena ha lavorato su una moltitudine di "candidati terapeutici evolutivi", che vanno dalla gastroenterologia alla dermatologia e persino alla cardiologia. Un particolare trattamento degno di nota è l'etrasimod, che è stato testato come trattamento per la colite ulcerosa e il morbo di Crohn. Altri farmaci candidati per gastroenterologia, dermatologia e cardiologia.

Inoltre, Arena sta lavorando su un antagonista del recettore dei cannabinoidi di tipo 2. In un'intervista, Nawan Butt, portfolio manager di The Medical Cannabis e Wellness ICITS ETC, menziona l'importanza di questo accordo nel promuovere le possibilità di ricerca sulla cannabis medica. "Questa acquisizione mostra l'interesse che le grandi aziende farmaceutiche hanno per il mondo in rapida evoluzione dei cannabinoidi. Siamo incoraggiati da questa acquisizione in quanto fornisce più risorse e una piattaforma più ampia per lo sviluppo farmaceutico dei cannabinoidi. Nel complesso, questa transazione è in linea con l'obiettivo a lungo termine della ricerca innovativa di Pfizer ed è una grande vittoria per i nostri investitori ", ha detto a proactiveinvestors.com.

Il coinvolgimento di Arena nella ricerca sui cannabinoidi è legato al suo farmaco candidato, Olorinab (APD371). “Olorinab (APD371) è un agonista sperimentale, orale, ad azione periferica, altamente selettivo e completo del recettore dei cannabinoidi di tipo 2 (CB2). Olorinab è un farmaco candidato scoperto internamente che Arena sta esplorando per lo sviluppo in molteplici indicazioni, con un focus iniziale sul dolore viscerale associato a disturbi gastrointestinali ", leggi il sito Web. Arena. “Questo composto, grazie alla sua selettività per CB2 rispetto a CB1, è stato studiato per alleviare il dolore senza effetti negativi psicoattivi. "

leggere :  La legalizzazione della cannabis potrebbe aiutare a salvare l'economia europea?

Al di fuori degli studi clinici formali, la ricerca sulla cannabis è cresciuta rapidamente negli ultimi dieci anni. Ma all'inizio di novembre, NORML ha pubblicato una raccolta di 450 studi sottoposti a revisione paritaria in "Applicazioni cliniche per cannabis e cannabinoidi: una revisione della letteratura scientifica recente, 2000-2021".

La raccolta mette in evidenza l'ampia varietà di studi che esaminano la cannabis in combinazione con autismo, dolore cronico, diabete, fibromialgia, emicrania e disturbo da stress post-traumatico. È probabile che studi come questi diventino gli elementi costitutivi di futuri studi clinici. "NORML ha una lunga storia di sostegno all'adozione di politiche sulla marijuana basate sull'evidenza", ha affermato l'autore principale dello studio, Paul Armentano, vicedirettore di NORML. “Quando si tratta di affrontare questioni specifiche della sicurezza e dell'efficacia terapeutica della cannabis, questa pubblicazione fornisce le prove che i pazienti e i loro medici, così come i responsabili politici, devono conoscere. "

Che si tratti di studi sulla cannabis come aiuto per dormire o esercizio fisico, i ricercatori americani sono pronti a continuare a condurre studi sulla cannabis negli anni a venire, aprendo la strada all'esecuzione di altri studi clinici.


tag: Affaricoronavirus (COVID-19Medico e Parafarmaceuticofarmacia
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.