close
legale

Cannabis contro l'alcol: perché il più pericoloso dei due è legale?

Uno studio recente mostra che l'alcol è più pericoloso per il cervello della cannabis. Tuttavia, in Francia, la legge sui prodotti che ne derivano impone il divieto.

Una delle domande sempre più sollevate dai consumatori di cannabis in Francia riguarda la differenza di trattamento. La cannabis ha dimostrato la sua incapacità di uccidere chiunque. Tuttavia, davanti a lui, l'alcol viene venduto legalmente.

Per il cervello, l'alcol è più pericoloso della cannabis

ultimo travaux data dell'Università del Colorado Boulder mostra che i cannabinoidi sono molto meno dannosi per il cervello dell'alcol.

L'obiettivo iniziale di questa ricerca era semplice. Per Kent Hutchinson, professore di neurologia comportamentale, si trattava di svelare gli effetti della cannabis sul cervello. Decenni di ricerche hanno dato risultati contrastanti.

"Con l'alcol, sappiamo che fa male al cervello per decenni", ha detto Hutchison. “Ma sulla cannabis, sappiamo così poco. "

cervello, bernard arnault, lobby, contadino, alcol
Il professor Kent Hutchinson

Come parte di questa analisi, i cervelli di oltre 1000 persone sono stati setacciati. Il risultato è definitivo. L'uso prolungato di alcol provoca molti più danni al cervello rispetto alla cannabis.

I ricercatori hanno esaminato le due parti del cervello: materia grigia e materia bianca. La materia grigia ospita i corpi cellulari dei neuroni e la materia bianca, d'altra parte, contiene gli assoni delle cellule nervose protette da una guaina mielinica.

cervello, bernard arnault, lobby, contadino, alcol
Immagine cerebrale con PET (tomografia a emissione di positroni). Effetto di alcool ./// immagini di scansione PET. Effetti alcolici

Pertanto, con l'alcol la materia grigia vede le sue dimensioni influenzate e l'integrità della sostanza bianca ne risente.

"Sebbene la cannabis possa anche avere conseguenze negative, è lontana dalle conseguenze negative dell'alcol", secondo il professor Hutchison.

In effetti, questo studio non ha esaminato gli effetti positivi della cannabis. Voleva soprattutto paragonarlo all'alcol. D'altra parte, altri studi hanno esaminato i benefici della cannabis sul cervello.

leggere :  Revisione degli studi sulla cannabis nel 2020

Perché di fronte alla scienza, la legge francese mantiene un divieto?

I risultati offerti dall'Università del Colorado Boulder sono solo gli ultimi. Molti studi hanno dimostrato il reale potenziale della cannabis.

cervello, bernard arnault, lobby, contadino, alcol
Alcool contro la cannabis

Comprendere la posizione della Francia in quest'area implica approfondire i complessi legami tra politica e interessi industriali.

Una storia d'amore tra la Francia agricola e l'alcol

In questa comprensione, dobbiamo notare la lunga tradizione della viticoltura francese. Se i vigneti più famosi e conosciuti si trovano a sud della Loira, nel Medioevo il vino veniva prodotto in tutto il territorio. C'era una necessità: era necessario fornire vino per le masse.

Se ci fosse davvero un file Consiglio marocchino di Kif e tabacco, costruita nella capitale francese, ha avuto un impatto minimo sulla cultura agricola francese.

Sono quindi potenti lobby agricole che temono che parte dei loro profitti saranno deviati alla cannabis, se fosse legalizzata. È proprio questo che ha luogo nei paesi che hanno autorizzato la cannabis. Il primo di questi gruppi di pressione è la FNSEA (National Federation of Farmers 'Unions). Il suo obiettivo è tutelare gli interessi della sua professione, e questo include quindi i viticoltori.

È quindi l'intero mondo agricolo che si mobilita dietro questa professione. E quest'ultima è sovrarappresentata nel mondo politico in rapporto alla sua quota di popolazione. Le ultime elezioni legislative del 2017 sono state un esempio perfetto. Ci sono stati Candidati 126 agricoltori. diciassette di loro hanno ottenuto il numero di voti necessari per accedere all'Emiciclo.

leggere :  Il fumo di cannabis terapeutico è ora legale in Florida

La loro forza sta nella capacità di mobilitarsi a livello elettorale ma anche durante eventi, come lo spettacolo agricolo. Nessun politico può permettersi di sfuggirgli.

Va anche notato che Mitterrand, Chirac e Hollande, vale a dire tre presidenti degli ultimi cinque, erano deputati di un collegio elettorale vicino al mondo agricolo. Menzione speciale per Jacques Chirac che, dopo il suo periodo come ministro dell'agricoltura tra il 1972 e il 1974, è rimasto un convinto difensore degli agricoltori.

Collegamenti tra politica e industria degli alcolici

Se i viticoltori hanno permesso di mantenere i loro vantaggi, non sono gli unici. Il settore degli alcolici industriali in Francia è molto importante.

Spesso dimentichiamo cosa significano M e H nel gruppo francese LVMH. M per gli champagne Moët e H per gli spiriti Hennessy.

Il capo di LVMH, Bernard Arnault è semplicemente la prima fortuna della Francia. Più interessante, questi collegamenti con il mondo politico. Fu così uno dei testimoni del matrimonio di Nicolas Sarkozy con la sua precedente moglie, Cécilia. Cosa più interessante, i due figli del signor Arnault avevano come insegnante di francese l'attuale First Lady, Brigitte Macron. Il marito di quest'ultimo, Emmanuel Macron, era stato sostenuto anche da Bernard Arnault durante le elezioni presidenziali del 2017.

cervello, bernard arnault, lobby, contadino, alcol
Bernard Arnault, capo di LVMH

Questi legami tra l'industria degli alcolici e il mondo politico non sono recenti, e potremmo ricordare che l'ex numero due di Ricard, un altro gigante francese degli alcolici ora Pernod Ricard, era Charles Pasqua . Nel 2015 Pernod Ricard ha registrato un fatturato di oltre 8 miliardi di euro.

 

Comprendiamo quindi meglio questa equazione, collegando la paura di un'erosione dei profitti, le pressioni politiche all'assemblea nazionale e gli industriali che si collegano ai leader del paese. Questa miscela blocca ogni dibattito e impedisce il progresso, anche nonostante i progressi scientifici.


tag: AlcoolFrancialeggeNeuroscienze
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.