close
canapa

Alcuni composti nella corteccia di canapa possono aiutare a combattere la malattia del fegato grasso

corteccia di canapa

Startup scopre composti nei rifiuti di buccia di canapa che potrebbero aiutare a combattere le malattie del fegato

Brightseed, una startup americana che esplora nuovi usi delle piante nella salute e nella nutrizione, ha scoperto sostanze fitochimiche nei gusci di semi di canapa usati che potrebbero essere usati per trattare i problemi di salute metabolica.

Forager, la piattaforma di ricerca basata sull'intelligenza artificiale di Brightssed, ha trovato due composti bioattivi, la N-caffeolitiramina (NCT) e la N-trans-feruloiltiramina (NFT) negli strati esterni dei semi di cannabis sativa (bucce). Quelli risultati sono un seguito della precedente scoperta di Forager di questi composti nel pepe nero.

Inoltre, secondo i risultati di due studi pubblicati sulla rivista “ Morte cellulare e malattia da Nature, NCT e NFT hanno dimostrato di rimuovere il grasso dal fegato dei topi, così come le cellule umane.

Questo è un nuovo punto di vista. Forager ha identificato un nuovo vantaggio precedentemente sconosciuto alla scienza", afferma Sofia Elizondo, co-fondatrice e COO di Brightseed. Nella fase preclinica, NCT e NFT hanno innescato nuove reazioni su un regolatore metabolico centrale, l'HNF4, che viene utilizzato per eliminare il grasso nel fegato dei topi e nelle cellule umane, il che apre nuove prospettive sulla potenziale potenza di questi composti. ilAPN.

https://www.biospace.com/article/releases/-brightseed-announces-preclinical-data-for-phytonutrients-targeting-liver-and-metabolic-health-/

Gli studi hanno scoperto che alcune dosi di NCT e NFT "hanno innescato un ripristino totale del corpo nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi", causando al contempo riduzione del grasso epatico, regolazione dei livelli lipidici, ripristino della funzione sana degli organi, riduzione dell'aumento di peso e diminuzione del fegato infiammazione negli animali. Ha anche mostrato un aumento dei livelli di insulina nelle cellule umane, segnalando un ripristino e un ripristino del metabolismo da magro a sano.

leggere :  Canapa: una cura per rendere le industrie più verdi

Il team di Brightseed ritiene quindi che NCT e NFT potrebbero essere utilizzati nel prossimo futuro per trattare la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e potenzialmente altri disturbi metabolici.

La NAFLD è caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso nel fegato. Può portare a problemi digestivi e di altro tipo e, nelle fasi più avanzate, a disfunzioni epatiche e persino insufficienza epatica.

Non esiste un trattamento approvato per questa malattia, che colpisce un quarto della popolazione mondiale. Si stima che l'80% delle persone obese soffra di NAFLD. Sono attualmente in corso studi clinici sull'uomo per determinare il potenziale impatto dei due composti sulla NAFLD e sull'obesità, afferma Elizondo.

L'altro vantaggio dell'approvvigionamento di questi fitochimici dalle bucce di canapa è la circolarità.

Le bucce di canapa vengono solitamente lavorate come sottoprodotto dell'estrazione dei cuori di canapa: la parte interna del seme di Cannabis sativa, apprezzato per il suo profilo nutrizionale.

leggere :  Il CBD è efficace nel trattamento della Sindrome di Martin Bell

Se le bucce di canapa si rivelano utili nel trattamento della NAFLD, non devono più essere gettate via, possono diventare un flusso di valore aggiuntivo per le industrie della canapa e della marijuana. Evidenzierebbe anche il potenziale per la salute e la nutrizione della pianta di cannabis al di là dei cannabinoidi.

I semi di canapa sono abbondanti e la canapa è già una coltura altamente sostenibile da cui possiamo ricavare questi bioattivi vegetali. Mentre ci muoviamo verso la commercializzazione di NCT e NFT, stiamo esplorando tutte le strade per potenziali partnership", afferma Elizondo.

All'inizio di quest'anno, Brightseed ha collaborato con Olam Food Ingredients, una divisione del gigante alimentare e delle materie prime con sede a Singapore Olam, per esplorare potenziali nuove applicazioni per prodotti come pepe nero e aglio. La startup con sede a San Francisco è anche una collaboratrice di lunga data di Danone; insieme hanno scoperto dieci volte più composti nella soia con potenziali applicazioni per la salute rispetto a quanto precedentemente noto. Brightseed ha anche collaborato con la cooperativa agricola e il marchio di succhi Ocean Spray per analizzare la composizione dei fitonutrienti dei mirtilli rossi.


tag: sememalattiafitocannabinoidiFitoterapiaTraitement
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.