close
Scienza

Cosa dice la scienza del CBD come agente antivirale e in che modo il divieto peggiora una brutta situazione

Il CBD agisce come un potente antinfiammatorio, riducendo la produzione di citochine e inibendo la funzione delle cellule immunitarie.

Con il numero mondiale di decessi per virus corona in aumento esponenziale, The Lancet a ha richiamato l'attenzione sulle "prove accumulate" che indicano che "i pazienti con COVID-19 grave possono avere la sindrome da tempesta di citochine". Caratterizzata da un'intensa reazione immunitaria eccessiva nei polmoni, questa sindrome poco conosciuta può infettare e uccidere le persone infette. Il distress respiratorio è la principale causa di morte nei casi COVID -19. I malati critici che sopravvivono alla terapia intensiva possono subire danni ai polmoni a lungo termine, con conseguente compromissione della funzionalità e riduzione della qualità della vita.

Science Daily  rapporti che una tempesta di citochine iperinfiammatorie, che coinvolge un'ondata di cellule immunitarie squilibrate, è stata probabilmente la principale causa di morte in diverse epidemie virali, inclusa la pandemia di influenza spagnola del 1918-20 (che ha ucciso più di 50 milioni di persone) e, più recentemente, l'influenza suina H1N1 e la cosiddetta influenza aviaria.

In caso di sofferenza polmonare acuta di origine virale, la terapia contro le tempeste di citochine sembrerebbe logica. Ma il trattamento con corticosteroidi non è un'ottima opzione perché può peggiorare il danno polmonare associato a COVID -19. "Tuttavia", come le mette in evidenza The Lancet , "Nell'iperinfiammazione, è probabile che l'immunosoppressione sia benefica. "

CANNABIS PU CAL CALMARE UNA TEMPESTA DI CYTOKINE?

Diversi studi di laboratorio indicano che i composti cannabinoidi, in particolare cannabidiolo (CBD) e tetraidrocannabinolo (THC), sono immunosoppressivi. Questo spiegherebbe perché la cannabis medica è benefica per le persone con malattie autoimmuni e infiammazioni croniche.

Il che pone la domanda: la cannabis potrebbe calmare una tempesta di citochine? 

La risposta breve è che non lo sappiamo. Ci sono ancora molte cose che non capiamo sulla cannabis e sul sistema immunitario.

Per molti anni, la ricerca scientifica negli Stati Uniti è stata ammanettata dal divieto di cannabis e il governo federale continua a contrastare la ricerca che potrebbe informare l'uso terapeutico della cannabis e degli estratti di olio ricchi di CBD dalle piante. totale. La morsa federale sulla ricerca sulla cannabis è la ragione principale per cui sappiamo così poco sul potenziale clinico del CBD come rimedio antivirale.

Il divieto di cannabis sta peggiorando l'attuale crisi anche in altri modi, come vedremo più avanti in questo articolo. Per ora, riportiamo la nostra attenzione su citochine e cannabinoidi. 

COSA SONO LE Citochine?

Secrete dalle cellule immunitarie, le citochine sono un gruppo di proteine ​​che regolano le risposte infiammatorie a malattie e infezioni. Esistono citochine sia pro-infiammatorie che anti-infiammatorie.

La sovrapproduzione o l'eccessiva secrezione di molecole messaggere pro-infiammatorie può innescare una pericolosa tempesta di citochine e altre condizioni aberranti. Una citochina nota come fattore di necrosi tumorale alfa (TNF a), ad esempio, è eccessivamente prodotta nell'artrite reumatoide, una malattia autoimmune dolorosa che colpisce 1,3 milioni di americani.

L'interazione tra citochine, cellule immunitarie e sistema endogeno dei cannabinoidi gioca un ruolo importante nella neuroinfiammazione e nella neurodegenerazione.

È buono dimostrato che la stimolazione del recettore dei cannabinoidi CB2 da parte del THC e delle sue controparti endogene può sopprimere l'infiammazione. La segnalazione del recettore dei cannabinoidi conferisce effetti terapeutici sottoregolando l'espressione delle citochine infiammatorie.

Sebbene il cannabidiolo abbia poca affinità di legame diretto per il recettore CB2, il CBD agisce anche come un potente antinfiammatorio, riducendo produzione di citochine  e inibendo funzione delle cellule immunitarie .

CBD PER LE INFEZIONI VIRALI?

Il CBD potrebbe essere un valido candidato per ridurre la mortalità nei pazienti critici infettati da COVID -19? Una dozzina di siti web affermano già che il CBD ha applicazioni antivirali, come se fosse un fatto medico stabilito.

In effetti, finora ci sono solo "prove frammentarie" che indicano "un possibile uso del CBD nelle infezioni virali", secondo un team di scienziati britannici e italiani che recentemente hanno affrontato questo problema nel giornale in linea  Cannabis e ricerca sui cannabinoidi . Gli autori hanno fatto riferimento à une sondaggio in vitro , che ha suggerito che il CBD avesse un effetto antivirale diretto contro il virus dell'epatite C. Ma a parte un singolo studio preclinico sull'epatite C, ci sono poche prove scientifiche a sostegno delle presunte proprietà antivirali del CBD.

Gli autori ne hanno citato un altro sondaggio che ha scoperto che il CBD riduceva la neuroinfiammazione in un modello animale di sclerosi multipla indotta da virus. Ma riconoscono che potrebbe avere più a che fare con l'efficacia del CBD come composto antinfiammatorio piuttosto che con l'attività antivirale diretta. Allo stesso modo, i resoconti aneddotici sull'uso del cannabidiolo per trattare le infezioni virali, come l'herpes zoster e l'herpes, "sono plausibili sulla base delle proprietà antinfiammatorie e analgesiche del CBD", hanno riconosciuto gli scienziati, senza affermare un effetto antivirale intrinseco.

leggere :  Le promesse infrante di Justin Trudeau

Il CBD è attualmente in sperimentazione clinica in Israele come trattamento per la malattia del trapianto contro l'ospite (GVHD), una malattia potenzialmente fatale (con un tasso di morte superiore all'80%) causata dal rigetto immunitario. Trapianto di organi sistemici o di midollo osseo. Finora i risultati sono incoraggianti. Le morti per GHVD e COVID -19 comportano entrambe reazioni immunitarie estreme, ma c'è una differenza cruciale: la GVHD non è innescata da un virus. E il CBD non è mai stato testato come cura per una tempesta di citochine virali.

DATI CONTRATTUALI

Molte applicazioni terapeutiche del CBD e del THC sono legate alle loro capacità antinfiammatorie. Ma non è tutta la storia. L'interazione tra i cannabinoidi e il sistema immunitario è complessa, adattativa e bidirezionale.

In alcune situazioni, i cannabinoidi possono potenziare l'attività immunitaria. Una studio condotto nel Nel 2014 gli scienziati della Louisiana State University hanno dimostrato che l'uso regolare di cannabis può aumentare il numero di globuli bianchi nei disturbi da immunodeficienza come l'HIV, suggerendo un effetto pro-infiammatorio e di potenziamento immunitario. Questo è esattamente l'opposto di ciò che è necessario per mitigare una tempesta di citochine virali.

Dati i dati contrastanti sull'impatto dei cannabinioidi sulla funzione immunitaria, gli scienziati medici stanno rivalutando le loro idee sull'infiammazione e l'immunosoppressione. Come riportato da Mary Biles per The CBD Project: “Una nuova ondata di ricerche e crescenti prove aneddotiche indicano che i cannabinoidi hanno un effetto adattativo e immunomodulatore, piuttosto che semplicemente sopprimere l'attività immunitaria. "

La capacità dei cannabinoidi di sopprimere e migliorare la funzione immunitaria dà credito all'idea che il sistema endocannabinoide sia coinvolto nell'immunomodulazione a due vie, mantenendo l'infiammazione sotto controllo in condizioni di salute ma consentendo una risposta infiammatoria. quando necessario per combattere l'infezione.

CBD PER LE INFEZIONI VIRALI?

Il CBD potrebbe essere un valido candidato per ridurre la mortalità nei pazienti critici infettati da COVID -19? Una dozzina di siti web affermano già che il CBD ha applicazioni antivirali, come se fosse un fatto medico stabilito.

In effetti, finora ci sono solo "prove frammentarie" che indicano "un possibile uso del CBD nelle infezioni virali", secondo un team di scienziati britannici e italiani che recentemente hanno affrontato questo problema nel giornale in linea  Cannabis e ricerca sui cannabinoidi . Gli autori hanno fatto riferimento à une sondaggio in vitro , che ha suggerito che il CBD avesse un effetto antivirale diretto contro il virus dell'epatite C. Ma a parte un singolo studio preclinico sull'epatite C, ci sono poche prove scientifiche a sostegno delle presunte proprietà antivirali del CBD.

Gli autori ne hanno citato un altro sondaggio che ha scoperto che il CBD riduceva la neuroinfiammazione in un modello animale di sclerosi multipla indotta da virus. Ma riconoscono che potrebbe avere più a che fare con l'efficacia del CBD come composto antinfiammatorio piuttosto che con l'attività antivirale diretta. Allo stesso modo, i resoconti aneddotici sull'uso del cannabidiolo per trattare le infezioni virali, come l'herpes zoster e l'herpes, "sono plausibili sulla base delle proprietà antinfiammatorie e analgesiche del CBD", hanno riconosciuto gli scienziati, senza affermare un effetto antivirale intrinseco.

Il CBD è attualmente oggetto di test clinici  in Israele come trattamento per la malattia del trapianto contro l'ospite (GVHD), una malattia potenzialmente fatale (con un tasso di mortalità superiore all'80%) causata dal rigetto immunitario sistemico da un trapianto di organo o midollo osso. Finora i risultati sono incoraggianti. Le morti per GHVD e COVID -19 coinvolgono entrambe reazioni immunitarie estreme, ma c'è una differenza cruciale: la GVHD non è innescata da un virus. E il CBD non è mai stato testato come cura per una tempesta di citochine virali.

DATI CONTRATTUALI

Molte applicazioni terapeutiche del CBD e del THC sono legate alle loro capacità antinfiammatorie. Ma non è tutta la storia. L'interazione tra i cannabinoidi e il sistema immunitario è complessa, adattativa e bidirezionale.

In alcune situazioni, i cannabinoidi possono potenziare l'attività immunitaria. Una studio condotto nel Nel 2014 gli scienziati della Louisiana State University hanno dimostrato che l'uso regolare di cannabis può aumentare il numero di globuli bianchi nei disturbi da immunodeficienza come l'HIV, suggerendo un effetto pro-infiammatorio e di potenziamento immunitario. Questo è esattamente l'opposto di ciò che è necessario per mitigare una tempesta di citochine virali.

Dati i dati contrastanti sull'impatto dei cannabinioidi sulla funzione immunitaria, gli scienziati medici stanno rivalutando le loro idee sull'infiammazione e l'immunosoppressione. La capacità dei cannabinoidi di sopprimere e migliorare la funzione immunitaria dà credito all'idea che il sistema endocannabinoide sia coinvolto nell'immunomodulazione a due vie, mantenendo l'infiammazione sotto controllo in condizioni di salute ma consentendo una risposta infiammatoria. quando necessario per combattere l'infezione.

Il dottor Garcia de Palau, un clinico spagnolo sulla cannabis, riassume: “Credo che [la cannabis] sia immunosoppressiva quando c'è una risposta iperimmune, ma per il resto regola e corregge il sistema immunitario. In effetti, si potrebbe dire che funziona come il sistema endocannabinoide, portando equilibrio al corpo. "

leggere :  L'utensile da cucina, il meglio del Dab Rig

UNA CHIAMATA PER LA SOLIDARIETA '

Cosa significa questo, in pratica, per coloro che usano (o potrebbero considerare di consumare) CBD o cannabis durante la pandemia COVID -19? Il consumo di piccole quantità di CBD o cannabis come misura preventiva aiuterà a rafforzare la nostra resistenza immunitaria o potrebbe renderci più suscettibili al virus corona? Se uno è infetto, il CBD aumenterebbe o ridurrebbe il rischio di una grave progressione della malattia? Il CBD avrebbe un impatto?

L'Associazione Internazionale per la Medicina Cannabinoide (IACM), con sede in Germania, ha pubblicato un dichiarazione sulla pandemia COVID -19 e sull'uso di cannabinoidi, osservando che alcuni studi di laboratorio suggeriscono che i cannabinoidi possono avere effetti antivirali. "Tuttavia," secondo la IACM, "non ci sono prove che i singoli cannabinoidi - come CBD, CBG o THC - o preparati di cannabis proteggano dalle infezioni ... o potrebbero essere usati per trattare COVID -19, la malattia prodotta da questo virus. " 

Ma lo IACM sottolinea anche "che non ci sono prove che l'uso di cannabinoidi possa aumentare il rischio di infezione virale".

Covid-19 potenzia le prigioni

Le prigioni di tutto il mondo stanno per diventare focolai di COVID-19. Il sovraffollamento, la cattiva alimentazione, lo stress tossico e l'invecchiamento della popolazione carceraria espongono i detenuti a un rischio eccezionalmente alto. Inoltre, come notato in BBC : "Le persone ammanettate non possono coprirsi la bocca quando tossiscono o starnutiscono, gli spruzzi [nelle prigioni e nelle carceri] spesso finiscono il sapone e il disinfettante per le mani è considerato contrabbando a causa del suo contenuto. In alcool. "

Secondo il giornale La Croce le conseguenze della reclusione, della privazione delle attività, della formazione e del contatto umano creano tensioni, preoccupazioni e voci nell'ambiente carcerario. Temendo un'esplicita diffusione del virus in questo ambiente chiuso, i monitor hanno ottenuto, sabato 28 marzo, l'assicurazione di essere provvisti di mascherine.

Tutte le attività o la formazione sono inoltre vietate al fine di evitare il raggruppamento. In altre parole, i detenuti trascorrono in media 22 ore e 30 minuti al giorno nella loro cella di 9 metri quadrati, due o più.

La guerra alla droga è una delle principali cause del sovraffollamento carcerario, che è stato condannato dalle organizzazioni internazionali per i diritti umani. UN rapporto un rapporto del Brennan Center for Justice ha rilevato che quasi il 2016% degli americani imprigionati è dietro le sbarre per nessun motivo impellente di sicurezza pubblica.

"La salute delle carceri è per definizione salute pubblica", afferma The Lancet . "Con circa 30 milioni di persone rilasciate ogni anno in tutto il mondo, le carceri sono un vettore di trasmissione comunitaria che avrà un impatto sproporzionato sulle comunità emarginate".

I sostenitori della riforma della giustizia penale sostengono che la riduzione della popolazione carceraria dovrebbe essere una priorità immediata se vogliamo rallentare la diffusione di una malattia altamente infettiva che, a differenza degli stessi detenuti, non può essere contenuta nelle celle di prigione. mura della prigione.

Alta domanda

secondo un comunicato stampa, le vendite e la domanda di cannabis sono quasi raddoppiate in diversi paesi europei, Canada e Stati Uniti. Sulla base della domanda di cannabis nello stesso periodo dell'anno scorso, i dati mostrano che solo negli Stati Uniti, tra il 4 e il 22 marzo, le vendite di cannabis sono aumentate di circa il 5% in un singolo saltare.

I prezzi della cannabis salgono

Una delle prevedibili conseguenze dello stato di allarme per le sostanze illegali è che si muovono male e male. Almeno questo è quello che sembra accadere. Se devi giustificare i tuoi movimenti e la polizia delle persone che vagano per le strade, la logica ci dice che la consueta fornitura di erba sarà più difficile. È per questo, secondo alcuni media , i prezzi della cannabis stanno aumentando o addirittura triplicando in posti come la capitale della Spagna.

Alla fine, anche i fumatori di cannabis soffrono di confinamento

Dipendenza, difficoltà di approvvigionamento, rischio di carenza, aumento dei prezzi ... Il confinamento ha anche un impatto sui fumatori di cannabis. La carenza. Contenimento ". Secondo HuffingtonPost, alcuni considerano il consumo di più alcol per superare la carenza. La cannabis sarà sostituito dall'alcol ...? circa il 70% della resina di cannabis venduta in Francia proviene dal Marocco attraverso la Spagna e i Pirenei. Un'altra parte viene spedita tramite Belgio e Olanda. Alcune fonti della polizia hanno espresso preoccupazione. Già prorogato di 15 giorni, il reclusione potrebbe riaccendere le tensioni in aree sensibili e carceri se dovesse essere ulteriormente esteso.   

Il mondo intero sta attualmente attraversando un periodo eccezionale a causa della crisi sanitaria derivante dalla pandemia COVID-19. In questo particolare periodo di reclusione, mostriamo solidarietà ai nostri vicini! La nozione di "risoluzione dei problemi" è nota solo ai consumatori, è ora di "aiutare" i tuoi amici.


tag: coronavirus (COVID-19Divieto
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.