close

Che cos'è la sindrome da deficit di endocannabinoidi o la carenza clinica di endocannabinoidi?

Sulla base delle conoscenze scientifiche disponibili sul sistema endocannabinoide. Si noti che i cannabinoidi, compensano la mancanza di omeostasi del corpo umano, una deregolamentazione della serotonina. Alcuni ricercatori si spingeranno fino a stimare che molte malattie, come la sclerosi multipla e la fibromialgia, possono essere causate da una semplice carenza di cannabinoidi endogeni (prodotti dal corpo umano), chiamati anche endocannabinoidi. Questa sindrome è stata definita deficit clinico di endocannabinoidi o CECD. A volte chiamata anche sindrome da carenza di endocannabinoidi.

Mancanza di omeostasi

La carenza di endocannabinoidi clinici (CEDC) è un disturbo che è coinvolto in una serie di malattie, tra cui il fibromialgia, emicrania e sindrome dell'intestino irritabile. Finora, sono state fatte pochissime ricerche su questo disturbo speculativo. Inoltre, i ricercatori lo capiscono il sistema endocannabinoide del corpo mantiene l'omeostasi. Ciò significa che controlla e regola il dolore, l'appetito, il sonno, l'infiammazione e il metabolismo cellulare. Compreso il ciclo di vita delle cellule ...

omeostasi

Pertanto, la mancanza di cannabinoidi potrebbe causare un'interruzione di diversi sistemi nel corpo. Si è teorizzato che questo disturbo, o mancanza di omeostasi, quindi porta a problemi più grandi e potenzialmente fatali. Diversi importanti ricercatori lo hanno propostouna carenza di endocannabinoidi può essere responsabile di malattie come emicrania, la sclerosi multipla con La malattia di Crohn.finestra a discesa Secondo la Dott. Ethan Russo, Senior Medical Advisor presso GW Pharmaceuticals (la società britannica che produce Sativex):

"Livelli insufficienti di cannabinoidi possono essere la causa di molti sintomi alleviati dalla cannabis".

omeostasi

I pazienti con questi sintomi che usano la cannabis integrano il loro sistema endocannabinoide? I cannabinoidi nella marijuana possono essere considerati semplici nutrienti? O più chiaramente, la cannabis può sostituire gli endocannabinoidi umani?

leggere :  Il Lussemburgo faciliterà l'accesso all'erba medica

Ruolo del THC e dell'anandamide

Le tre condizioni includono modelli clinici e biochimici comuni che possono indicare un sintomo CEDC sottostante. L'emicrania dovrebbe essere influenzato dalla funzione endocannabinoide. Questo perché le aree sospettate di essere coinvolte nella generazione di emicranie sono anche influenzate dall'attività dei cannabinoidi. Inoltre, si ritiene che l'anandamide (il cannabinoide naturale nel corpo umano) abbia a ruolo nella modulazione del dolore. Così come in la trasmissione di serotonina. Questo influenza positivamente le persone con la malattia.

emicrania

La biochimica dell'emicrania è molto complessa e poco conosciuta. Ma lo sappiamo alti livelli di serotonina sono presenti durante gli attacchi. Lo hanno dimostrato il THC e l'anandamide inibizione della serotonina a dosi elevate. sebbene basso dosaggio aumentare la sua produzione, in particolare in piastrine plasmatiche del sangue.

omeostasi, serotonina, cannabinoidi, anandamide, deficit di endocannabinoidi
Gli utenti di cannabis sono perfettamente idonei per una donazione di sangue

Le piastrine contengono le riserve di serotonina più forti del corpo, che sono presenti anche nel sistema endocannabinoide e in tutto il cervello. il rilascio di serotonina le piastrine sono considerate cruciali per la generazione di emicranie. E l'emicrania è spesso considerata una malattia del sangue su questa base.

Disturbo sotteso al sistema endocannabinoide

Negli ultimi anni è emersa l'idea che un sistema endocannabinoide disfunzionale sia responsabile di molti disturbi somatici. Nel 2004, è stata proposta la sindrome CECD première fois. I ricercatori hanno suggerito che l'alto grado di correlazione, insieme alla caratteristica comune di insolita attività del recettore dei cannabinoidi, indicava un disturbo sottostante nel sistema endocannabinoide.

anandamide
Nella carenza di anandamide, il THC è uno dei migliori sostituti

Molte condizioni note possono essere attribuite alla disfunzione di uno specifico sistema neurotrasmettitore. In effetti, la malattia di Alzheimer è causata da deficit di neurotrasmettitore acetilcolina e morbo di Parkinson per carenza in dopamina legata all'età. È quindi logico supporre che la mancanza di neurotrasmettitori cannabinoidi possa anche causare un disturbo specifico o una serie di disturbi correlati.

Segnalazione serotoninergica

La relazione con il sistema di segnalazione della serotonina non può essere ignorata quando si studia la possibilità dell'esistenza di CECD. Studi comportamentali suggeriscono che gli effetti della segnalazione degli endocannabinoidi sono mediati dalla regolazione del sistema serotoninergico. Questo può sia inibire che aumentare la sintesi di serotonina nel cervello.

serotonina
È stato dimostrato che il THC inibisce il rilascio di serotonina dalle piastrine, nelle persone con emicrania,

Tuttavia, si ritiene che gli effetti indipendenti dei cannabinoidi sui recettori dei cannabinoidi siano la causa alla base della CECD. Nonostante questa relazione potenzialmente fondamentale con la segnalazione della serotonina. Se l'esistenza del CECD è ampiamente più provata, si possono studiare terapie mirate. Ciò consentirebbe di determinare la natura precisa della carenza e di determinare la razione e il dosaggio appropriati di cannabinoidi esogeni aggiuntivi.

omeostasi, serotonina, cannabinoidi, anandamide, deficit di endocannabinoidi
È stato dimostrato che l'ingestione di cannabidiolo (CBD) ha effetti simili

Attualmente, questi sintomi vengono solitamente trattati ingerendo estratto di cannabis grezzo o fumando. Ciò può implicare rapporti di cannabinoidi ampiamente diversi tra i ceppi di cannabis. A causa dell'effetto dose-dipendente di molti cannabinoidi. Inoltre, il sollievo di questi sintomi potrebbe non essere adeguato con alcune varietà di cannabis.

leggere :  Gli ex giocatori della NFL vendono antidolorifici per la cannabis

Pianta i cannabinoidi

Mentre il nostro corpo produce i nostri cannabinoidi, i cannabinoidi vegetali influenzano anche il sistema endocannabinoide (ECS). I cannabinoidi vegetali o i fitocanabinoidi si legano ai recettori ECS allo stesso modo degli endocannabinoidi. I fitocanabinoidi, come quelli contenuti nella cannabis, hanno dimostrato in ambienti clinici di avere effetti antinfiammatori, anti-ansia e antiossidanti. I fitocannabinoidi possono quindi aiutare a bilanciare l'ECS, che promuove l'attività dell'ECS iperattiva e non attiva.

cannabinoide
Phytocannabinoids, nutrienti essenziali del corpo umano

Per le persone con ECSD, i fitocannabinoidi possono, infatti, essere nutrienti essenziali. Per persone altrimenti sane, l'integrazione di cannabinoidi può essere una potente misura di prevenzione delle malattie. Altri composti, come gli acidi grassi essenziali (EFA), sono noti anche per modulare l'ECS, indicando che il sistema endocannabinoide è molto più importante per la nostra salute e longevità di quanto si pensasse in precedenza.


tag: FibromyalgieMedicinaMedico e ParafarmaceuticofitocannabinoidiSistema endocannabinoide
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.