close
Scienza

Il CBD è un antibiotico contro lo stafilococco aureo resistente allo streptococco e alla meticillina

resistenza agli antibiotici una sfida globale

Nuove promettenti ricerche dimostrano che il CBD può uccidere i batteri gram-positivi, anche quelli che hanno sviluppato resistenza.

Sappiamo da anni che i cannabinoidi possono aiutare con una miriade di diverse condizioni mediche. Una forte ricerca ha portato all'approvazione del cannabidiolo (CBD) per il trattamento delle crisi epilettiche e della spasticità nella sclerosi multipla. Ma sapevi che il CBD può anche agire come antibiotico?

Si profila la crisi globale degli antibiotici

Il mondo sta affrontando una crisi sanitaria mentre l'ultima generazione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità suddetto che la resistenza agli antibiotici è una delle maggiori minacce alla salute globale, alla sicurezza alimentare e allo sviluppo.

Un elenco crescente di condizioni, come la polmonite e la tubercolosi, sta già diventando difficile da trattare a causa di questa resistenza. I ricercatori medici stanno attivamente cercando soluzioni alternative, come il CBD.

Uno studio recente, condotto dal Center for Superbug Solutions dell'Università del Queensland, ha scoperto che il CBD ha una potente attività antibatterica. I ricercatori lo hanno approvato come un "nuovo antibiotico promettente".

La ricerca nel Queensland è stata sponsorizzata da Botanix Pharmaceuticals, un'azienda farmaceutica con sede a Perth che sta sviluppando una linea di prodotti CBD per il trattamento di gravi disturbi della pelle. In particolare, Botanix produce medicinali a base di CBD per il trattamento di condizioni della pelle che comportano infiammazione e / o infezione. Questi includono: dermatite atopica, acne e psoriasi.

antibiotico

Il CBD uccide efficacemente i batteri Gram positivi

Scienziati dall'Università del Queensland hanno testato il CBD contro una serie di batteri contemporaneamente in vitro (in una provetta) e in vivo (utilizzando soggetti vivi; in questo caso, topi con un'infezione alla coscia.)

leggere :  Beta-cariofillene o cariofillene

Fondamentalmente, i batteri patogeni sono disponibili in due tipi: Gram positivi e Gram negativi. La differenza tra i due dipende dalla struttura delle loro pareti cellulari. Queste differenze strutturali significano che alcuni antibiotici funzioneranno solo contro l'uno o l'altro tipo di batteri, di solito non entrambi.

Nei test, il CBD è risultato efficace contro i batteri gram-positivi ma non gram-negativi. Scienziati australiani hanno scoperto che il CBD ha funzionato altrettanto bene degli antibiotici prescritti, come la vancomicina e la daptomicina. Il cannabinoide ha anche inviato batteri resistenti agli antibiotici, come l'MRSA. I ricercatori ritengono che il CBD possa avere meno probabilità di causare resistenza rispetto agli antibiotici farmaceutici.

Inoltre, i ricercatori suggeriscono che il CBD può rivelarsi particolarmente utile per condizioni specifiche a causa di una combinazione di effetti antibiotici e antinfiammatori. Credono che questa combinazione unica di può ridurre i danni ai tessuti causati dalle infezioni causate dall'infiammazione.

Quando posso iniziare a usare il CBD come antibiotico?

A questo punto, non ti consigliamo di gettare via la tua prescrizione di antibiotici e di sostituirla con CBD. I risultati dello studio sono statisticamente bassi. Devono ancora vedere una revisione tra pari. Questi passaggi sono importanti perché i test di laboratorio preliminari non si traducono necessariamente in risultati clinici sugli esseri umani.

leggere :  L'Università del Maryland offre il primo programma di master del paese nella cannabis medica

Tuttavia, il CBD è già stato approvato per il trattamento altre condizioni e ha un eccellente record di sicurezza. Ciò significa che potrebbe essere più facile passare agli studi clinici sull'uomo.

Uno dei pericoli della resistenza agli antibiotici è che le aziende farmaceutiche a volte sono riluttanti a investire in nuovi antibiotici. Il processo di identificazione di un nuovo composto, determinazione della sua efficacia ed esecuzione degli studi richiesti è lungo e costoso . Nel complesso, l'approvazione di un nuovo farmaco può richiedere più di un decennio. Tuttavia, il riutilizzo dei farmaci esistenti approvati può essere più veloce ed economico.

Cosa riserva il futuro al CBD come antibiotico

Gli appassionati di cannabis potrebbero chiedersi: perché abbiamo bisogno di aziende farmaceutiche? Le persone affrontano da anni i propri problemi con la cannabis?

Un prodotto standardizzato e approvato è molto più attraente per pazienti e genitori perché elimina la confusione di dosaggio. Ciò è ancora più vero per i medici abituati a lavorare con farmaci rigorosamente testati con specifiche linee guida di prescrizione. La promessa del CBD come antibiotico significa che i ricercatori e le aziende farmaceutiche saranno ansiosi di continuare questa ricerca nel Queensland.


Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.