close
legale

La DEA afferma che amplierà la ricerca sulla cannabis e finirà anni di ritardo

L'agenzia afferma di voler sviluppare la ricerca sulla cannabis, osserva che il CBD è ora legale

Per anni, l'Università del Mississippi è stata l'unica entità autorizzata dal governo federale degli Stati Uniti a produrre cannabis per la ricerca. I ricercatori si sono lamentati negli ultimi anni che la cannabis prodotta in questo paese non può essere paragonata alla cannabis venduta negli stati in cui la cannabis medica e ricreativa è legale. In queste circostanze, ha annunciato la DEA di lunedi che "andrebbe avanti" e adotterebbe le misure necessarie per migliorare l'accesso alla ricerca.

Negli ultimi due anni, il numero totale di persone registrate dalla DEA per condurre ricerche sulla cannabis è aumentato di oltre il 40%. Con il recente boom dei prodotti a base di cannabis e la legalizzazione degli stati degli Stati Uniti, i ricercatori finanziati dal governo federale si sono rivolti ai tribunali per intervenire e costringere la DEA ad agire sulle richieste dei coltivatori nel l'obiettivo di fornire più prodotti a base di cannabis di quelli che l'Università del Mississippi può fornire. Secondo Reuters, l'agenzia ha raccolto 33 richieste ma non ha ancora elaborato nessuna di esse nonostante una legge federale richieda una risposta entro 90 giorni. Uno dei ricorrenti: lo Scottsdale Research Institute, Arizona, era così frustrato che ha chiesto a un tribunale federale di ordinare alla DEA e al Procuratore generale di elaborare la sua richiesta. L'agenzia aveva un termine per rispondere alla denuncia. 

leggere :  Il Regno Unito vuole regolamentare la cannabis

La DEA consentirà a più produttori di fare ricerche sulla cannabis

La DEA sta portando avanti il ​​programma per registrare nuovi produttori per la ricerca con licenza federale e collaborerà con altre agenzie federali pertinenti per accelerare i passi successivi necessari. Sosterremo ulteriori ricerche sulla cannabis e sui suoi componenti e crediamo che la registrazione di più coltivatori consentirà ai ricercatori di accedere a una maggiore varietà di studi.

Nel frattempo, la DEA ha colto l'occasione per sottolineare che alcuni prodotti CBD sono ora legali e non richiedono più l'autorizzazione della DEA per crescere o produrre. Quindi "la registrazione non è necessaria per la coltivazione o la ricerca".

Questa conferma è nuova per l'industria del CBD, che è recentemente esplosa. Tuttavia, qualsiasi produttore che faccia affermazioni sulla salute su prodotti contenenti CBD sarà soggetto ad un attento esame da parte della Food and Drug Administration (fda). Tuttavia, potrebbero essere applicate leggi e restrizioni statali individuali. .

tag: DEAleggeRicerca
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.