close
CBD

Nuovi bersagli molecolari interagiscono con il CBD

Cellule cerebrali astrociti.

GPR3, GPR6 e GPR12 sono nuovi bersagli molecolari per il CBD: le loro funzioni e interazioni biologiche hanno un potenziale contro le malattie neurodegenerative

I recettori accoppiati alle proteine ​​G 3, 6 e 12 (GPR3, GPR6 e GPR12) comprendono una famiglia di recettori orfani correlati ai cannabinoidi. Inoltre, questi nuovi bersagli molecolari sono costitutivamente attivi. Sono descritti per svolgere un ruolo importante in molte normali funzioni fisiologiche. In combinazione con il CBD, vengono coinvolti in una varietà di condizioni patologiche, comprese le malattie neurodegenerative.

malattie neurodegenerative, gpr3, gpr6, GPR12, bersagli molecolari

Recettori ai cannabinoidi più vicini

Sebbene siano orfani, GPR3, GPR6 e GPR12 sono filogeneticamente i più vicini ai recettori dei cannabinoidi. Lo abbiamo scoperto di recente il fitocannabinoide non psicoattivo cannabidiolo (CBD) è un agonista inverso per GPR3, GPR6 e GPR12.

leggere :  Flavonoidi di cannabis: la nuova molecola anticancro

Nuovo uso terapeutico contro le malattie neurodegenerative

Questa scoperta evidenzia questi recettori orfani come potenziali nuovi bersagli molecolari per il CBD. Inoltre, questo fornisce nuovi meccanismi di azione e suggerisce nuovi usi terapeutici per il CBD. Specifico per malattie come Il morbo di Alzheimer, Morbo di Parkinson, cancro et infertilità.

malattie neurodegenerative, gpr3, gpr6, GPR12, bersagli molecolari
In breve, le malattie neurodegenerative sono preoccupate.

Inoltre, l'identificazione del CBD come nuovo agonista inverso per GPR3, GPR6 e GPR12 fornisce scaffold chimici iniziali. Con cui possono essere sviluppati agenti potenti ed efficaci che agiscono su questi recettori. Questo al fine di sviluppare strumenti chimici per studiare questi recettori orfani e infine nuovi agenti terapeutici contro le malattie neurodegenerative. Ciò conferma ancora una volta che il la cannabis provoca la neurogenesie questa volta tramite nuovi bersagli molecolari.

Per leggere:

La cannabis causa la neurogenesi: la fine della propaganda anti-cannabis
Quando la neuroscienza è interessata alla cannabis
The Weed Against Brain Degeneration

 

Solo perché non hai dovuto pagare per queste informazioni non significa che non abbiamo bisogno di aiuto. In Canna-Media continueremmo a combattere la disinformazione e il separatismo medico. Per mantenere le informazioni, il tuo supporto è essenziale



tag: AlzheimerCancromalattiaNeuroscienzeParkinson
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.