close
Scienza

Presentazione del primo vero OGM infestanti al mondo

merryjane.com

OGM o glicosilazione dei cannabinoidi

E no, la Monsanto non è sopravvissuta ma dopo anni avvisi falsi, è finalmente arrivata: cannabis geneticamente modificata per il mercato commerciale. Creata da Trait Biosciences, è arrivata la prima pianta veramente trasformata. Trait, una società di biotecnologia con sede a Los Alamos, nel New Mexico, ha progettato questa pianta per produrre cannabinoidi idrosolubili, che secondo loro conferisce diversi vantaggi industriali che le aziende non possono ottenere dalla pianta prodotta da modo naturale.

Tecniche classiche La creazione di cannabinoidi idrosolubili comporta generalmente l'emulsionare estratti di cannabis che sono essenzialmente miscelati con l'amido. Piante esclusive tratto generare i cannabinoidi solubili all'interno della cannabis stessa. Non è quindi necessario modificare chimicamente le molecole dopo costosi e pericolosi processi di estrazione.

Prima di immergerci in questa meraviglia biotecnologica (o modifica genetica), diamo un'occhiata a ciò che rende qualcosa geneticamente modificato (GM) e cosa no.

Risultato di ricerca di immagini per "Trait Biosciences"

Un'introduzione all'ingegneria genetica

Gli attivisti della cannabis meno favorevoli alle biotecnologie sosterranno che l'erba geneticamente modificata è sul mercato da anni e spesso ripete le stesse affermazioni “naturalistiche” fatte dalla stessa industria biotecnologica. Secondo questa credenza (sbagliata), la natura ha essenzialmente piante "geneticamente modificate" da sempre. Ma non è vero, questa è una linea di marketing inventata per rendere il pubblico più sensibile alle colture GM.

Nella scienza (non nell'industria privata), la modificazione genetica o l'ingegneria si riferiscono a metodi artificiali per unire geni di origine umana o geni di organismi estranei in un altro essere vivente. La modificazione genetica può anche riferirsi a tecniche di "fucile a pompa", in cui un organismo è inondato di radiazioni o palline metalliche che trasportano i geni in questione. Vengono chiamate nuove forme di vita create in questo modo organismi geneticamente modificati o OGM.

Le persone spesso confondono gli OGM con organismi selezionati artificialmente. Esempi di allevamento artificiale o coltivazione selettiva includono, tra gli altri, cani domestici o (a livello di pianta) alcune colture come bacche, broccoli, banane e cannabis. La selezione artificiale utilizza tecniche di incroci per amplificare i geni desiderati nella prole di un organismo, di solito mediante consanguineità, ma non sempre.

Indipendentemente da come viene eseguita la selezione artificiale, si basa toujours sulle tecniche di allevamento tradizionali (es. impollinazione di fiori, allevamento di due cani), e non introduce mai geni estranei o prodotti dall'uomo nei genitori o nella loro prole.

La modifica o l'ingegneria genetica, d'altra parte, non utilizza tecniche di allevamento tradizionali. Eseguiti in laboratorio, gli organismi sono sottoposti a metodi molto sofisticati che integrano geni estranei nel loro DNA. Se l'organismo può trasmettere questi geni estranei alla sua prole, diciamo che è "completamente trasformato".

leggere :  Gli scienziati prevedono di fabbricare cannabinoidi dalla tequila

In che modo è diversa la pianta di Trait Biosciences?

La pianta di cannabis in sospeso de brevetto de Trait potrebbe avere conseguenze importanti per la fiorente industria della cannabis. In agricoltura, le colture OGM sono tipicamente progettate per resistere a pesticidi, erbicidi e condizioni ambientali estreme. Invece, Trait ha introdotto una pianta di cannabis che altera fondamentalmente la composizione chimica dei suoi componenti più preziosi: i cannabinoidi.

“Per quanto ne sappiamo, questa è la prima pianta di cannabis veramente stabilizzata e trasformata. C'erano transitori ma i geni non sono stati trasmessi alle generazioni successive. "

ha dichiarato Ronan Levy, Head of Strategy di Trait, presso BUON JANE durante un colloquio telefonico.

Uno di questi tentativi di trasformazione ha avuto luogo nel 2012. Un gruppo di ricerca guidato dalla dott.ssa Imane Wahby ha utilizzato gli agrobatteri per introdurre geni estranei nei tessuti delle piante di cannabis, vale a dire le radici. Sebbene i geni estranei siano riusciti a penetrare nel DNA del tessuto, probabilmente non potevano essere trasmessi alla prole (una "trasformazione transitoria", come la chiamava Levy). Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la cannabis si è evoluta per mantenere la sua genetica interna e le piante che possono autoimpollinarsi diventando ermafrodite (come la cannabis) spesso aggirano i tentativi di trasformarle completamente.

GM, Glycosylation, Trait Biosciences, Weed ogm

La tecnologia della cannabis idrosolubile di Trait fa parte di due linee di prodotti, Trait Distilled e Trait Amplified. Trait Distilled si concentra sulla produzione di prodotti commestibili e bevibili utilizzando i cannabinoidi idrosolubili dell'azienda. Il tratto amplificato si riferisce alle piante OGM stesse.

Trait ha anche più linee di prodotti. Trait Defense utilizza metodi biotecnologici per proteggere la sua cannabis da virus, batteri e muffe. Trait Tailored offre cannabis personalizzata che produce livelli o rapporti di cannabinoidi specifici, ad esempio piante che producono sempre il 30% di THC che bilanciano sempre un rapporto 1: 1 tra THC e CBD. E la linea Trait Zero dell'azienda promette piante di canapa che non producono mai THC.

Perché le piante di tratto producono cannabinoidi all'interno e all'esterno dei tricomi del fiore, possono generare rese di cannabinoidi superiori rispetto alle piante coltivate tradizionalmente, fino a cinque volte superiori. L'azienda estrae cannabinoidi glicosolati da materiale vegetale utilizzando una pressa industriale, la stessa tecnica utilizzata per estrarre lo zucchero dallo zucchero di canna.

"Non devi aspettare la fase di fioritura per raccogliere la pianta", dice. “Il ciclo di crescita è quindi più breve. E poiché i cannabinoidi crescono in steli, steli, radici e foglie, in teoria puoi adottare un approccio di raccolta continua, rimuovendo foglie e steli da una pianta senza dover iniziare con una nuova pianta. "

Fondamentalmente, le piante geneticamente modificate di Trait potrebbero essere allevate per i loro cannabinoidi in perpetuo virtuale, poiché l'inizio della fase di fioritura è ciò che alla fine segnala alla pianta di morire nel prossimo futuro. Teoricamente, questa stessa configurazione dovrebbe funzionare per il THC come per il CBD, ma per ora Trait si concentra solo sul cbd.

leggere :  Levi's collabora con il marchio di moda danese per lanciare il denim di canapa

La precedente affermazione di Levy potrebbe scioccare la sensibilità di alcune persone alla cannabis, ma è vero. La ricerca precedente ha ha dimostrato che se le cellule di cannabis fossero esposte a quantità anormalmente concentrate di cannabinoidi, morirebbero. Come dicono i tossicologi, la tossicità ha poco a che fare con la natura di una molecola e molto di più con la dose. Dopo tutto, bere troppa acqua può essere tossico per il corpo umano, anche se il 70-80% del nostro corpo è costituito da acqua.

secondo un deposito brevetti , Il team di laboratorio di Trait ha spiegato come i geni mutanti per un enzima chiamato citocromo P450, lo stesso enzima che scompone le droghe presente nel nostro fegato e che un altro enzima, la glicosiltransferasi, potrebbe convertire i cannabinoidi in una forma idrosolubile nella stessa pianta di cannabis. Quando la glicosiltransferasi mutante si lega a un cannabinoide come il CBD, attacca una singola molecola di zucchero al cannabinoide tramite un processo chiamato glicosolazione. I cannabinoidi che cullano questo accessorio di zucchero sono chiamati cannabinoidi glicosolati. Questo sviluppo ha avuto diverse conseguenze per la fabbrica e i processi di produzione di Trait, solo uno di questi sono i cannabinoidi che si dissolvono in acqua. 

Glicosilazione dei cannabinoidi

"Se glicosilati i cannabinoidi nella pianta, puoi disintossicare il processo di sintesi dei cannabinoidi, consentendo potenzialmente alla pianta di sintetizzare e conservare i cannabinoidi in ogni cellula della pianta, non solo i tricomi".

In altre parole, Levy afferma che ogni parte delle piante di cannabis di Trait potrebbe produrre cannabinoidi. Ciò include le foglie, i gambi e le radici. E poiché la cannabis non dipende dai cannabinoidi, Levy sostiene che questi composti glicosolici non compromettono la salute o la sopravvivenza della pianta.

GM, Glycosylation, Trait Biosciences, Weed ogm

Qual è lo scopo di rendere i cannabinoidi solubili in acqua?

Le piante GM Trait sono ideali per preparare bevande omogenee ad alta pressione (come nel latte), sonicazione (onde sonore) o emulsificazione (miscela di cannabinoidi e amidi) al fine di disperdere l'estratto di cannabis nel 'acqua.

Alcune aziende hanno fatto dissolvere i cannabinoidi meglio di altre. Mentre alcune bevande a base di erba sono "bevibili", il che significa che i cannabinoidi rimangono sospesi e invisibili nell'acqua, altre non sono altrettanto efficaci. Ad esempio, potresti notare che in alcune bevande l'estratto si raccoglie sul fondo della bottiglia o la bevanda apparirà torbida se agitata. Levy ha spiegato che le bevande ai cannabinoidi di Trait Amplified contengono in realtà il 100% di cannabinoidi idrosolubili e che non è necessario agitare.

Solo perché non hai dovuto pagare per queste informazioni non significa che non abbiamo bisogno di aiuto. In Canna-Media continueremmo a combattere la disinformazione e il separatismo medico. Per mantenere le informazioni, il tuo supporto è essenziale



tag: biotecnologiaGMfitocannabinoidi
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.