close
CBD

CBD uccide con successo batteri resistenti agli antibiotici

virus del superbatterio

L'ultima guerra ai superbatteri è iniziata e la cannabis potrebbe essere un'arma solida

I batteri, che hanno sviluppato una resistenza agli antibiotici comunemente usati, rappresentano una minaccia per la medicina moderna nella sua lotta contro le infezioni. Un nuovo studio mostra che il cannabidiolo (CBD) può essere potenzialmente utilizzato come nuovo tipo di antibiotico a cui i batteri non sono immuni.

Combattere i batteri : I ricercatori si stanno avvicinando a un altro uso medico del cannabidiolo (CBD), il popolare composto di cannabis che non si sazia.

Domenica, all'incontro annuale dell'American Society for Microbiology, Mark Blaskovich, chimico ricercatore dell'Università del Queensland, ha presentato le sue conclusioni che il CBD è " straordinariamente efficace Per uccidere una serie di batteri, inclusi diversi ceppi resistenti agli antibiotici: il che significa che potremmo avere una nuova arma nella guerra contro superbatteri.

CBD antibiotico : Come parte del suo studio, finanziato in parte da Botanix Pharmaceuticals, una società di scoperta di farmaci, Blaskovich ha scoperto che una forma sintetica di CBD era in grado di uccidere diversi tipi di batteri Gram-positivi in ​​laboratorio, compresi quelli che può portare a MRSA e polmonite. È stato anche efficace nel trattamento delle infezioni della pelle nei topi.

GRAM-POSITIVO-O-NEGATIVO
GRAM-POSITIVO-O-NEGATIVO

Tuttavia, il CBD non è stato efficace contro i batteri Gram-negativi, che sono generalmente più resistenti agli antibiotici.

Aspettative temperate : Lo studio di Blaskovich potrebbe aver mostrato risultati promettenti finora, ma è ancora nelle sue fasi iniziali, il suo lavoro non è stato ancora sottoposto a peer review o pubblicato su una rivista scientifica e persino non sa esattamente cosa induce il CBD a uccidere i batteri.

"Sono necessari ulteriori lavori per dimostrare che il CBD sarebbe utile nel trattamento delle infezioni negli esseri umani", ha detto Scienza dal vivo. “Sarebbe molto pericoloso cercare di curare una grave infezione con il cannabidiolo invece di un antibiotico approvato. "

Gli autori hanno ora in programma di condurre studi sugli animali per comprendere i tipi di infezioni che il CBD potrebbe trattare, nonché come il CBD potrebbe uccidere i batteri, ha detto Blaskovich. Inoltre, Botanix prevede di condurre una sperimentazione clinica sulle persone per determinare se il CBD può eliminare efficacemente la batterio Staphylococcus aureus sulla pelle prima degli interventi chirurgici, per prevenire infezioni post-chirurgiche.

leggere :  Il CBD potrebbe essere una chiave per il trattamento della dipendenza da cocaina

Questo studio non è il primo a esaminare se la cannabis sia efficace quanto gli antibiotici per il trattamento delle infezioni. Nel 2008, Pubmed ha pubblicato una revisione dello studio che ha già rivelato risultati preliminari simili a quelli del presente studio.

Il CBD uccide con successo i batteri responsabili della gonorrea e della meningite

La ricerca stabilisce il potenziale antibiotico per la molecola di cannabis. Il principale componente non psicoattivo della cannabis ha dimostrato di uccidere per la prima volta non solo i batteri Gram-negativi, ma anche i batteri responsabili della gonorrea, meningite e legionellosi, che potrebbero portare alla prima nuova classe di antibiotici per batteri resistenti in 60 anni.

Il professore associato Mark Blaskovich dell'UQ Institute for Molecular Biosciences ha affermato che il CBD, il principale componente non psicoattivo della cannabis, può penetrare e uccidere un'ampia gamma di batteri, tra cui la Neisseria gonorrhoeae, che causa la gonorrea.

Il CBD uccide alcuni tipi di batteri gram negativi

"Questa è la prima volta che il CBD ha dimostrato di uccidere alcuni tipi di batteri Gram-negativi. Questi batteri hanno una membrana esterna in più, una linea di difesa in più che rende più difficile la penetrazione degli antibiotici ", ha affermato il dott. Blaskovich.

In Australia, la gonorrea è la seconda infezione a trasmissione sessuale più comune e non esiste più un singolo antibiotico affidabile per curarla perché i batteri sono particolarmente bravi a sviluppare resistenza.

Lo studio ha anche dimostrato che il CBD era ampiamente efficace contro un numero molto maggiore di batteri Gram-positivi rispetto a quanto precedentemente noto, compresi i patogeni resistenti agli antibiotici come MRSA (Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ) o "Staphylococcus aureus".

Il dottor Blaskovich lo ha fatto dichiarato che il cannabidiolo era particolarmente efficace nell'abbattere i biofilm - l'accumulo viscoso di batteri, come la placca dentale sulla superficie dei denti - che aiutano i batteri come l'MRSA a sopravvivere ai trattamenti antibiotici.

Il team del dottor Blaskovich presso il Center for Superbug Solutions ha imitato un trattamento di due settimane in pazienti in modelli di laboratorio per vedere quanto velocemente i batteri sono mutati nel tentativo di contrastare il potere mortale del CBD.

leggere :  Canapa topica

"Il cannabidiolo ha mostrato una bassa tendenza a indurre resistenza nei batteri, anche quando abbiamo accelerato il potenziale sviluppo aumentando i livelli dell'antibiotico durante il 'trattamento'".

"Crediamo che il cannabidiolo uccida i batteri facendo scoppiare le loro membrane cellulari esterne, ma non sappiamo ancora esattamente come lo fa e dobbiamo fare ulteriori ricerche.

Il team di ricerca ha anche scoperto che gli analoghi chimici, creati alterando leggermente la struttura molecolare del CBD, erano attivi anche contro i batteri.

"Questo è particolarmente eccitante perché non sono state scoperte e approvate nuove classi molecolari di antibiotici per le infezioni da Gram negativi dagli anni '1960 e ora possiamo considerare la progettazione di nuovi analoghi del CBD con proprietà. migliorato.

Vince Ippolito, presidente e presidente esecutivo di Botanix, ha affermato che la ricerca mostra un vasto potenziale per lo sviluppo di trattamenti efficaci per affrontare la crescente minaccia globale della resistenza agli antibiotici.

"Complimenti al dottor Blaskovich e al suo team per aver prodotto questo importante corpo di ricerca - i dati pubblicati stabiliscono chiaramente il potenziale dei cannabinoidi sintetici come antimicrobici", ha detto il dott. Ippolito.

“La nostra azienda è ora pronta a commercializzare terapie antimicrobiche praticabili che speriamo raggiungano più pazienti nel prossimo futuro. Questa è una svolta importante di cui il mondo ha bisogno adesso.

Il dottor Blaskovich ha affermato che la collaborazione con Botanix ha accelerato la ricerca, con Botanix che ha contribuito all'esperienza di formulazione che ha portato alla scoperta che il modo in cui il cannabidiolo viene somministrato fa un'enorme differenza nella sua efficacia nell'uccidere i batteri.

La collaborazione ha consentito a Botanix di promuovere una formulazione topica di CBD negli studi clinici per la decolonizzazione dell'MRSA prima dell'intervento chirurgico.

“Questi risultati clinici di Fase 2a sono attesi all'inizio di quest'anno e speriamo che questo spianerà la strada ai trattamenti per la gonorrea, la meningite e la legionella.

“Ora che abbiamo stabilito che il cannabidiolo è efficace contro questi batteri Gram-negativi, stiamo esaminando la sua modalità di azione, migliorandone l'attività e trovando altre molecole simili per aprire la strada a una nuova classe di antibiotici. "

Stabilire il potenziale antibiotico della cannabis


tag: Traitement
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.