close
CBD

Il CBD supera la curcuma come integratore alimentare più venduto negli Stati Uniti.

Esplodere le vendite con progressi 333% in 2018

Un rapporto riferisce che le vendite di CBD sono aumentate nella categoria degli integratori a base di erbe negli Stati Uniti. Sconosciuto fino a pochi anni fa, il CBD è salito al 12 ° integratore alimentare a base di erbe più venduto nel 2017, con una crescita del 303% rispetto all'anno precedente. Tra il 2017 e il 2018, il CBD ha superato quei numeri, in cima alla lista degli integratori più venduti e detronizzando la curcuma dal primo posto che aveva tenuto per cinque anni consecutivi. In altre parole, il rapporto mostra che le vendite di CBD sono alle stelle e stanno interrompendo le tendenze di vecchia data nel settore degli integratori a base di erbe, che ha un fatturato di $ 8,8 miliardi. .

Negli Stati Uniti, i recenti cambiamenti nella legge federale e statale hanno reso il CBD più accessibile. E con l'aumentare della conoscenza e della consapevolezza dei benefici della cannabis, aumenta l'interesse per i prodotti CBD.

Nel 2018, le vendite sono aumentate del 333%, generando $ 52708488 di vendite. È importante notare che questi numeri rappresentano le prestazioni del CBD nell'unica categoria delle vendite di alimenti naturali e alimenti naturali. In altre parole, non includono le vendite nei negozi di cannabis al dettaglio o nei normali negozi di alimentari e farmacie.

Curcuma, Spezie, Curry, Condimento
curcuma

Nella categoria delle vendite di alimenti naturali e alimenti naturali, il CBD ora regna sovrano. Non è solo l'ingrediente più venduto, ma anche quello in più rapida crescita. E per la prima volta dal 2013, la curcuma non occupa più il posto numero uno degli integratori vegetali naturali più venduti. Le vendite di curcuma, spesso considerato l'integratore alimentare più efficace disponibile, sono aumentate solo dello 0,4% nel 2018.

leggere :  Birra minata dalla legalizzazione

Boom delle vendite del CBD, ma i prodotti della canapa cadono

Nonostante le prestazioni storiche del CBD nella categoria dei prodotti naturali, i prodotti a base di cannabidiolo non sono ancora stati tra i primi 40 nella categoria dei generi alimentari e dei drugstore tradizionali. La ragione principale di ciò è che un complesso panorama normativo di modifica delle leggi federali e statali ha scoraggiato le grandi catene di vendita al dettaglio dall'offrire prodotti CBD. Nonostante la legalizzazione federale della canapa, ad esempio, la FDA non considera ancora il CBD un integratore alimentare legale. Esistono, tuttavia, alcune eccezioni degne di nota. CVS, Walgreens e Rite-Aid hanno distribuito alcuni prodotti contenenti CBD in una manciata di filiali negli Stati Uniti.

Sebbene le vendite di CBD non mostrino segni di rallentamento, la legalizzazione federale della canapa deve ancora produrre un aumento simile nelle sue vendite. In effetti, le vendite di prodotti di canapa sono diminuite del 9,9% nel 2018, secondo il rapporto SPINS. Si tratta di prodotti come gli oli di semi di canapa con quantità trascurabili di CBD commercializzati per il loro contenuto di omega-3, proteine ​​e fibre. Gli analisti di mercato non sono sicuri di cosa spieghi il calo di quasi il 10% delle vendite di prodotti a base di canapa in un contesto di aumento di oltre il 300% delle vendite di prodotti CBD.


tag: ConsumostatistiqueSostituzioneUS
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.