close
legale

Il Partito dei Verdi in Finlandia chiede la legalizzazione e la regolamentazione della cannabis

La Green League finlandese ha adottato ufficialmente una politica di legalizzazione della cannabis

La Green League, un partito politico verde in Finlandia, ha adottato ufficialmente una politica di legalizzazione della cannabis in una conferenza virtuale del partito il 12 settembre. Il movimento, che chiede "l'abolizione della legge sul divieto della cannabis e l'autorizzazione all'uso, al possesso, alla produzione e alla vendita di cannabis", chiede la legalizzazione e la regolamentazione della cannabis nel paese.

“La Cannabis Ban Law”, si legge nel sito web del partito, “sarà abrogata e sarà consentito l'uso, il possesso, la produzione e la vendita di cannabis. Allo stesso tempo, la cannabis sarà soggetta a una regolamentazione completa simile a quella degli intossicanti attualmente consentiti, compresa la regolamentazione delle vendite, della produzione e della tassazione. Le iscrizioni nel registro (canale penale) risultanti dal consumo di cannabis saranno cancellate. "

La Lega verde finlandese detiene 20 seggi nel parlamento finlandese, che conta 200 membri. Secondo la stampa locale, un recente sondaggio ha mostrato che solo il 18% del pubblico finlandese ha sostenuto la legalizzazione della cannabis. La richiesta di legalizzazione sarebbe in contrasto con il partito centrista del Paese, che si oppone alla legalizzazione. I due partiti fanno parte di una coalizione di cinque membri che attualmente forma il governo.

leggere :  Convenzione sulle sostanze psicotrope

I Verdi avevano precedentemente adottato una politica di depenalizzazione del possesso di cannabis, ma non la piena legalizzazione. La richiesta di legalizzazione e regolamentazione è stata lanciata dall'organizzazione giovanile del partito, un'iniziativa in contrasto con la direzione del partito, ed è stata vinta con uno stretto margine di 183-181, con sette astenuti. Una mozione simile è stata presentata alla conferenza del partito nel 2020, ma non è stata approvata.

"Il mondo sta cambiando", ha detto Maria Ohisalo, ministro dell'Interno e presidente del partito. “Nuove prospettive stanno arrivando da Portogallo, Canada, Norvegia e Danimarca. Siamo impegnati a fatti basati su ricerche approfondite su questo problema. "

Gran parte del linguaggio del movimento riflette argomenti utilizzato dal Partito Liberale del Canada nelle sue richieste di legalizzazione nel 2015, rilevando che il divieto ha fallito nei suoi obiettivi di proteggere i bambini e il pubblico dall'uso di cannabis ed è stato applicato in un modo che perpetua l'ingiustizia e il razzismo. Sostiene inoltre che il costo del mantenimento del divieto è uno spreco di risorse pubbliche, mentre le vendite non regolamentate sono una perdita di entrate statali e che la stessa legalizzazione può creare posti di lavoro e opportunità.

L'iniziativa per legalizzare il Canada è stata anche spinta alla ribalta dall'ala giovanile del Partito Liberale, con richieste di legalizzazione da parte dei Giovani Liberali della Columbia Britannica del partito nel 2013.

leggere :  La rivoluzione liberale del Canada

I Verdi affermano che il loro primo passo sarebbe la depenalizzazione del possesso di cannabis, prima di passare alla creazione di un sistema legale e regolamentato per la produzione e la vendita. Dati i bassi margini di sostegno anche all'interno del partito, così come i seggi di minoranza che i Verdi detengono nel parlamento finlandese, insieme al sostegno relativamente basso del pubblico in generale, è improbabile che una simile legislazione avanzi in Finlandia in tempi brevi.

“Lo scopo della legge sul divieto di cannabis è stato quello di ridurre i danni riducendo il consumo. Tuttavia, non riduce il consumo, ma rende la cannabis stessa più dannosa per gli individui e per la società. La legge proibizionista fallisce quindi completamente nel suo obiettivo, e nello stesso tempo crea nuovi problemi inutili e umanamente importanti. Come partito politico, abbiamo il dovere di smantellare e riformare le strutture della società che non funzionano e che causano attivamente più danni che benefici.

Estratto dal sito web della Lega dei Verdi (tradotto)

“La regolamentazione della cannabis crea opportunità per prevenire problemi di consumo di droga e lo stigma, che colpisce le persone più vulnerabili. L'uguaglianza è assicurata da misure regolamentari come il controllo del prodotto, del prezzo e della concentrazione, la distribuzione dei punti di distribuzione e le restrizioni alla commercializzazione. Queste misure si sono dimostrate efficaci, ad esempio, nel ridurre il fumo. "

Solo perché non hai dovuto pagare per queste informazioni non significa che non abbiamo bisogno di aiuto. In Canna-Media continueremmo a combattere la disinformazione e il separatismo medico. Per mantenere le informazioni, il tuo supporto è essenziale



tag: Finlandialegge
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.