close
Lifestyle

L'erba migliora la capacità di codificare?

Un nuovo studio rileva che la stragrande maggioranza dei programmatori usava cannabis mentre lavorava

La cannabis sembra stimolare la creatività dei programmatori di software. In effetti, più di un terzo degli intervistati per un nuovo studio ha affermato di aver usato marijuana durante il lavoro, credendo che li aiutasse a entrare nella "zona di programmazione". Hashing It Out: un'indagine sull'uso, la percezione e la motivazione della cannabis da parte dei programmatori

Un terzo dei programmatori usa marijuana mentre lavora, con molti vantaggi creativi

Intitolato "Hashing It Out: A Survey of Programmers' Cannabis Usage, Perception, and Motivation", e pubblicato all'inizio di questo mese sulla rivista della Cornell University arXiv, ilsondaggio rivela che il 35% dei partecipanti al sondaggio ha "provato la cannabis durante la programmazione o l'esecuzione di altre attività legate all'ingegneria del software", mentre il 18% attualmente lo fa almeno una volta al mese. Oltre il 70% di questo gruppo ha rivelato di aver usato marijuana durante il lavoro nell'ultimo anno.

I risultati provengono da uno studio condotto da ricercatori dell'Università del Michigan che hanno intervistato 803 sviluppatori, tra cui 450 programmatori a tempo pieno, sulla prevalenza dell'uso di cannabis, percezioni e motivazioni.

leggere :  Ricetta di tè matcha infuso

Il divertimento e la percezione di una migliore programmazione sono state le principali motivazioni per i partecipanti allo studio ad usare la cannabis. Brainstorming, prototipazione, codifica e test erano i compiti più comuni per cui le persone usavano la cannabis.

Nel complesso, abbiamo riscontrato che i programmatori avevano maggiori probabilità di segnalare motivazioni legate al divertimento o al miglioramento della programmazione rispetto alle motivazioni legate al benessere: le ragioni più comuni erano "rendere più piacevoli le attività relative alla programmazione" (61%) e "pensare a più soluzioni di programmazione creativa "(53%)," dice lo studio.

Almeno il 30% degli intervistati ha scelto i motivi per migliorare la programmazione. Al contrario, ragioni legate al benessere generale, in particolare salute mentale o dolore cronico, sono state citate da meno del 30% degli intervistati.

Inoltre, la motivazione principale dello studio era quella di affrontare la "carenza di reclutamento per determinati lavori" nel settore della programmazione, riconoscendo le politiche sui test antidroga come un possibile fattore che contribuisce.

"Questo divieto sull'uso di cannabis nell'ingegneria del software ha contribuito a una carenza di assunzioni ampiamente segnalata per alcuni lavori di programmazione del governo degli Stati Uniti", afferma lo studio.

leggere :  Come preparare i caramelli alla cannabis

Inoltre, gli autori dello studio, Madeleine Endres - KevinBoehnke e Westley Weimer - hanno chiarito che ovviamente il problema è lo stesso a livello federale, citando l'intenzione dell'ex direttore dell'FBI che nel 2014 voleva allentare le politiche di lavoro d'ufficio nel consumo di droga.

 Molti programmatori di computer e guru dell'hacking sono anche appassionati di marijuana e sono tra i migliori. Quindi devo assumere uno staff di qualità per competere con questi criminali informatici e alcuni di questi giovani vogliono fumare erba ", aveva dichiarato in un'intervista del 2014 con il Washington Post.

Tuttavia, lo studio ha rilevato che anche coloro che non fanno uso di marijuana sono favorevoli alla riforma, con il 91% dei partecipanti che afferma che la cannabis medica e ricreativa dovrebbe essere legale, rispetto al 60% della popolazione generale degli Stati Uniti nel 2021. , sottolinea il autori.

"I nostri risultati hanno un impatto sullo sviluppo delle politiche sulle droghe sul posto di lavoro e motivano anche il desiderio di future ricerche sull'uso di cannabis durante lo sviluppo di programmi per computer", conclude lo studio.


tag: consumatoriStudioMarijuanatecnologia
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.