close
legale

L'Uruguay lancerà il turismo della cannabis "il prima possibile, per iniziare a testare cosa sta succedendo", afferma un funzionario del governo

L'Uruguay prevede di consentire ai turisti di acquistare marijuana

Il primo paese al mondo a legalizzare la maggior parte degli usi della marijuana sta ora cercando di porre fine alle vendite illecite e sostenere la sua industria della cannabis consentendo ai visitatori stranieri di acquistare erba.

Secondo Daniel Radio, segretario generale dell'Agenzia nazionale per la droga, il governo del presidente uruguaiano Luis Lacalle Pou potrebbe svelare il suo piano quest'anno per costruire consenso e sostegno politico. L'obiettivo non è promuovere l'Uruguay come destinazione per il turismo della cannabis, ma piuttosto deviare i turisti dal mercato nero al mercato regolamentato, secondo il vice ministro del Turismo Remo Monzeglio.

Dare ai turisti l'accesso alla cannabis legale aumenterebbe notevolmente il numero potenziale di clienti del settore in questo paese di 3,5 milioni di persone. Spesso durante l'estate che va da dicembre a febbraio nell'emisfero australe, milioni di argentini e brasiliani affollano le spiagge del paese. Ma la pandemia ha eroso quei numeri poiché il paese ha severamente limitato le visite degli stranieri.

L'Uruguay prevede di riaprire i suoi confini a tutti gli stranieri completamente vaccinati il ​​1° novembre.

"Mi sembra che se facciamo una buona proposta", l'Uruguay potrebbe aprire il suo mercato regolamentato per l'erba ai turisti, ha detto Radio in un'intervista. "Per la prossima stagione turistica è molto improbabile, ma non lo escludo".

La legge uruguaiana consente ai cittadini adulti e ai residenti stranieri registrati nel registro del governo di coltivare la propria cannabis, ma anche di iscriversi a un club di cannabis o acquistare da farmacie autorizzate 40 grammi al mese.

leggere :  New York City verso la legalizzazione ricreativa presto su 2019

In un'altra intervista, Monzeglio ha detto che stava proponendo di far pagare di più ai turisti stranieri, con il ricavato che andrà a finanziare il trattamento della tossicodipendenza e i programmi di riabilitazione.

Un decreto presidenziale sarebbe probabilmente il modo più veloce per aprire farmacie, e potenzialmente cannabis club, ai turisti che si registrano nel database, ha affermato Radio. Per rinunciare al requisito del database, il Congresso dovrebbe approvare una legge, ha aggiunto.

L'Uruguay era in prima linea nella legalizzazione della cannabis quando i legislatori hanno approvato una legge radicale nel 2013 che secondo i suoi sostenitori avrebbe difeso la libertà individuale, frenato le bande di trafficanti di droga e generato esportazioni.

Tuttavia, quasi otto anni dopo, le bande sono ancora in attività, le esportazioni annuali devono ancora raggiungere i milioni di dollari sperati e la concorrenza si sta intensificando mentre altri paesi approvano nuove leggi sulla cannabis.

"Penso che siamo stati eccessivamente ottimisti sulle possibilità di crescita, perché non stiamo giocando da soli qui", a dichiarato Radio, che gestisce anche l'agenzia di regolamentazione della cannabis Ircca. Le esportazioni di cannabis sono più che raddoppiate, raggiungendo quasi i 7,5 milioni di dollari statunitensi nel 2020, ma il totale è ancora lontano dalle centinaia di milioni di dollari previsti da alcuni operatori del settore.

leggere :  L'industria della canapa spagnola deve affrontare dei rischi

La Colombia sta emergendo come concorrente per gli investimenti sulla cannabis grazie a regole favorevoli e un clima in crescita tra i migliori al mondo.

Tuttavia, l'Uruguay fa affidamento sulle sue nuove leggi per accelerare le esportazioni e sulla sua reputazione di trasparenza per fare affari per rimanere in prima linea nell'industria della cannabis, secondo Radio. L'IRCC ha approvato 56 licenze per la coltivazione di cannabis medica, ricerca/sviluppo e produzione di prodotti medici, nonché per il consumo quotidiano.

“Alcuni investimenti appaiono nella produzione e nei processi a valore aggiunto. Questa è la nostra scommessa, perché è l'unico modo per l'Uruguay di essere competitivo ", ha affermato Radio, citando gli alti costi del lavoro e dell'energia nel paese.

Attualmente, la legge 19172, emanata nel 2013, consente l'accesso alla marijuana attraverso l'auto-coltivazione, i cannabis club o le farmacie autorizzate. Inoltre, i consumatori devono avere più di 18 anni, avere la cittadinanza uruguaiana o la residenza permanente nel paese.

Radio ha affermato che un'opzione per consentire l'accesso ai turisti sarebbe quella di attuare per decreto "una sorta di registrazione temporanea che terminerebbe quando il cittadino lascia il Paese".

Allo stesso modo, il presidente dell'Ircca ha dichiarato che l'apertura deve essere “graduale”, quindi ritiene che, come primo passo, i turisti potranno acquistare cannabis solo in farmacia.


tag: leggericreativoUruguay
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.