close
Lifestyle

L'uso eccessivo di alcol è frenato dal consumo legale di cannabis ricreativa

Un nuovo studio suggerisce che gli studenti bevono meno quando la cannabis è legale

Gli studenti sono particolarmente sensibili alla legalizzazione della cannabis ricreativa. Questo è il caso di questa nuova indagine trasversale del National Health Health Assessment condotto due volte l'anno dal 2008 al 2018 presso college e università. I partecipanti erano studenti universitari di età compresa tra i 18 ei 26 anni che frequentavano il college in stati che avevano implementato la legalizzazione ricreativa. Conclusione: il consumo di cannabis ricreativa nelle università riduce drasticamente il consumo di alcol.

Questa informazione non è nuova per i consumatori di cannabis, ma potenzialmente rassicurante per il grande pubblico, a nuovo studio pubblicato nella rivista Addictive Behaviors, suggerisce che gli studenti universitari hanno meno probabilità di abbuffarsi nelle aree in cui la cannabis è legale.

Legalizzazione della cannabis ricreativa collegata a una diminuzione della prevalenza del binge drinking tra gli studenti dai 21 anni in su

Definendo il binge drinking come il consumo di cinque o più drink contemporaneamente per un periodo di due settimane, lo studio ha rilevato che gli stati in cui la cannabis è legalizzata per uso ricreativo hanno avuto una diminuzione del 6% possibilità di promuovere il consumo occasionale di alcolici negli studenti di età pari o superiore a 21 anni. Le variabili di studio sono state definite secondo i seguenti criteri:

  • Uso di nicotina auto-riferito
  • Eccessivo consumo di alcol
  • L'uso di droghe illecite
  • Abuso di stimolanti da prescrizione
  • Consumo di sedativi e oppioidi
leggere :  I capi di polizia canadesi chiedono a Ottawa di depenalizzare il possesso di droga

Lo studio è stato condotto due volte l'anno, dal 2008 al 2018, con 1,1 milioni di partecipanti di età compresa tra 19 e 26 anni. Tuttavia, l'effetto della riduzione del binge drinking è stato riscontrato solo negli studenti di età pari o superiore a 21 anni, poiché 21 è l'età minima per acquistare legalmente alcolici in tutti gli stati degli Stati Uniti. e per la cannabis, negli stati in cui è stata legalizzata.

Secondo le attuali leggi sul divieto, sia l'alcol che la cannabis sono illegali per i minori, ma ciò non ne impedisce il consumo. Tuttavia, all'età di 21 anni, l'alcol diventa la scelta più ovvia, grazie alla sua disponibilità legale e diffusa.

"Quando raggiungi l'età legale per bere, molte persone improvvisamente passano a bere più alcol perché ora è più facile procurarselo e la marijuana non lo è", dice Zoe Alley, studentessa di dottorato presso la Oregon State University e uno degli autori dello studio. “Quando cambieremo questa situazione, per rendere legale la marijuana, vedremo meno sostituzioni. "

Lo studio ha anche notato che nei casi in cui cannabis e alcol sono più o meno ugualmente disponibili presso i rivenditori autorizzati, meno persone si rivolgono strettamente all'alcol, con conseguente abuso di alcol meno problematico. che costituisce un progresso per la società.

leggere :  Come sfuggire al test delle urine?

Questa scoperta, insieme al fatto che la maggior parte degli esperti conclude che, nel complesso, l'uso di cannabis a lungo termine è molto più sicuro dell'uso di alcol, aggiunge un'altra nota alla colonna dei benefici. Tuttavia, è importante considerare anche che lo studio rileva che la cannabis e l'alcol non hanno avuto un effetto sull'uso di droghe e sostanze più aggressive.


tag: adolescenteAlcoolConsumoancora galleggianteStudio
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.