close
Scienza

La scienza di fronte al comportamento della cannabis

MiniSim ™

I pazienti che consumano cannabis medicinale possono guidare in sicurezza?

Poiché la cannabis per uso medico diventa più facilmente disponibile, è imperativo che i rischi della guida vengano chiariti attraverso una ricerca approfondita.

Nuove ricerche condotte dal Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics dell'Università di Sydney fa luce su come l'uso di diversi tipi di cannabis influenzi la guida, i sentimenti di intossicazione e la funzione cognitiva.

Gli effetti della cannabis sulla guida le automobili non sono neanche lontanamente prevedibili come quelle dell'alcol, ha affermato il professor Iain McGregor, direttore accademico della Lambert Initiative for Cannabinoid Therapies.

La maggior parte della cannabis da strada è ricca di THC, la sostanza chimica della cannabis che fa sballare le persone, ma vengono sempre più utilizzate droghe che contengono anche cannabidiolo (CBD), un cannabinoide non tossico più noto nel trattamento dell'epilessia grave ma utile anche nel trattamento di ansia, psicosi e dolore. Si è spesso sostenuto che la somministrazione di CBD possa anche ridurre alcune delle carenze causate dal THC.

Cannabis e guida

È importante che le persone comprendano la potenziale compromissione della guida quando si usa la cannabis, ha affermato il professor McGregor.

cannabis per uso medico, Iain McGregor, guidando la cannabis
Professor Iain McGregor, Direttore accademico della Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics.

"Non c'è motivo di credere che la guida con problemi di droga sia sicura e che sia importante che le persone comprendano i potenziali rischi", ha affermato il professor McGregor.

"Ma questo è un problema scottante per i pazienti che usano cannabis medicinale, a molti dei quali viene detto dai loro medici di non guidare in nessuna circostanza", ha detto il professor McGregor.

leggere :  Un approccio unico per l'estrazione dei cannabinoidi

"E sebbene sia illegale guidare mentre si è indeboliti dalla cannabis medica, è consentito guidare dopo aver assunto oppioidi, benzodiazepine e basse dosi di alcol, anche se si può sostenere che possono causare danni ancora maggiori rispetto alla cannabis. È chiaro che sono necessarie molte più ricerche per comprendere appieno gli impatti. "

"La nostra ricerca sulla cannabis medica e la guida contribuisce al dibattito politico in corso su questioni come la sicurezza, la menomazione e il rilevamento", ha affermato il professor McGregor.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Psychopharmacology, ha confrontato gli effetti della cannabis ad alto THC standard, la cannabis bilanciata THC / CBD e il placebo cannabis sulla guida simulata e le prestazioni cognitive.

In uno studio incrociato in doppio cieco, randomizzato, 14 volontari sani con una storia di consumo di cannabis leggera hanno partecipato a tre sessioni di test sperimentali ambulatoriali in cui sono state valutate la guida fittizia e le prestazioni cognitive. pazienti.

Secondo lo studio, la cannabis ad alto contenuto di THC è stata vaporizzata a una dose (125 mg) che ha causato ai consumatori forti sentimenti di intossicazione e riluttanza a guidare.

cannabis per uso medico, Iain McGregor, guidando la cannabis

In un test eseguito su un sofisticato simulatore di guida, quelli a cui era stato somministrato THC sono stati debuffati per quattro ore su un'auto impegnativa dopo un'attività in un ambiente cittadino complesso, sebbene non fosse un compito di guida su strada standard più semplice. Lo studio ha scoperto che il tipo di danno osservato con la cannabis ad alto contenuto di THC ha portato a una maggiore tessitura dei percorsi.

leggere :  I dipendenti di New York non saranno più sottoposti a test per la cannabis

Tuttavia, su altre misurazioni, i partecipanti intossicati erano un po 'più sicuri, lasciando un maggiore spazio tra loro e l'auto davanti a loro e non mostrando alcuna tendenza alla velocità.

CBD e guida alterata

Contrariamente alle aspettative, lo studio ha scoperto che l'aggiunta di CBD non ha ridotto la sensazione di intossicazione, né ha diminuito la guida alterata rispetto alla cannabis standard ad alto contenuto di THC. In determinate circostanze, lo studio ha rilevato che il Il CBD ha esacerbato la carenza di THC.

Anche la cannabis ad alto contenuto di THC ha avuto un solo effetto
Modesto danno alle prestazioni di guida simulate. L'unica misura delle prestazioni che si è deteriorata in modo significativo con la cannabis è stata l'intreccio delle corsie ei partecipanti ai gruppi ad alto contenuto di THC e THC / CBD bilanciati tendevano a lasciare uno spazio maggiore tra loro e l'auto davanti. rispetto al gruppo placebo.

Questo studio è il primo di una serie di ricerche sulla cannabis e la guida pianificate dalla Lambert Initiative. A breve sarà pubblicato uno studio per valutare l'accuratezza e la sensibilità delle procedure di test antidroga su strada; una versione ampliata di questo studio sulla guida effettiva su strada è attualmente in corso in collaborazione con l'Università di Maastricht (Paesi Bassi); così come una prova imminente che valuta la guida simulata e le prestazioni cognitive utilizzando prodotti a base di cannabis solo CBD.

"Una migliore comprensione degli effetti della cannabis sulla guida è fondamentale in modo che i quadri giuridici possano essere aggiornati e si possano dare consigli inequivocabili ai pazienti, tutti basati su prove scientifiche di alta qualità", ha detto il professor McGregor.


tag: incidenteAlcoolAustraliaconduitescreening
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.