close
salute

Quasi il 20% dei pazienti con malattie reumatologiche usa la cannabis per alleviare i propri sintomi

Valutazione del consumo di cannabis e del suo impatto sul dolore nelle malattie reumatologiche

I pazienti spesso si rivolgono ad alternative farmacologiche senza prescrizione, come l'autotrattamento della cannabis. Una sondaggio condotto da un team di ricercatori in Francia ha rivelato che il 17% dei pazienti con malattie reumatologiche usa cannabis. Un rapporto sullo studio, "Valutazione dell'uso della cannabis e del suo impatto sul dolore nelle malattie reumatologiche", è stato pubblicato online questo mese prima della sua pubblicazione sulla rivista. Reumatologia.

artrite reumatoide, spondilite, malattie microcristalline, artrosi, malattie reumatiche
Malattia infiammatoria articolare

3 patologie nervose più comuni in reumatologia

  • artrite reumatoide: infiammazione delle articolazioni, principalmente delle mani e dei piedi
  • spondiloartrite: una malattia infiammatoria della colonna vertebrale
  • malattie microcristalline: infiammazione causata dalla presenza di cristalli nelle articolazioni (come far cadere)
  • diversi reumatismi infiammatori
  • artrosi : una malattia caratterizzata dalla progressiva scomparsa della cartilagine situata tra due ossa
  • la fibromialgia e sindromi dolorose croniche: una malattia che si manifesta come dolore muscolare cronico

Per condurre questo studio, i ricercatori di Clermont-Ferrand, in Francia, hanno eseguito una revisione sistematica della letteratura scientifica pubblicata fino a giugno 2020 sull'uso della cannabis nel trattamento delle malattie reumatologiche. Le malattie reumatologiche includono condizioni come fibromialgia (FM), lupus e artrite reumatoide.

leggere :  Fibromialgia, "la malattia invisibile"

Gli studi esaminati hanno coinvolto un totale di 10873 pazienti, di cui 2900 hanno riferito di usare cannabis. L'incidenza del consumo di cannabis è stata quindi calcolata per meta-proporzione.

"Quasi il 20% dei pazienti con malattie reumatologiche consuma attivamente cannabis, con miglioramento del dolore", concludono gli autori dello studio.

I pazienti spesso si auto-medicano con la cannabis

I ricercatori hanno notato nella loro motivazione dello studio che, nonostante l'uso di analgesici convenzionali e altri farmaci, compresi i farmaci antireumatici modificanti la malattia, per trattare le condizioni reumatologiche, molti pazienti continuano a provare dolore. e spesso si rivolgono ad alternative farmacologiche senza prescrizione, come la cannabis, per l'autotrattamento. Tuttavia, l'uso medico della cannabis non è stato ancora studiato a fondo.

"La questione dell'uso della cannabis nella gestione di questi pazienti dovrebbe essere affrontata durante la consultazione medica, principalmente con prodotti farmaceutici standardizzati a base di cannabis", hanno aggiunto i ricercatori nella loro conclusione.

Il team investigativo ha riferito che una parte significativa dei pazienti nella ricerca esaminata usava cannabis e che il suo uso ha aiutato ad alleviare il dolore. Hanno anche notato che i dati suggeriscono che la cannabis ha il potenziale per essere una terapia clinica efficace.

"In questa meta-analisi, abbiamo scoperto che un paziente su sei con malattia reumatologica utilizza attivamente la cannabis, con conseguente riduzione del dolore", hanno scritto i ricercatori.

leggere :  Qual è l'impatto della cannabis sulla sindrome della bocca in fiamme (SBB)?

"Un effetto favorevole della cannabis sul dolore nella nostra meta-analisi rafforza l'idea che la cannabis possa essere utilizzata per scopi analgesici", hanno aggiunto.

La cannabis è anche efficace contro la fibromialgia

La meta-analisi includeva ricerche significative sull'uso della cannabis per curare la fibromialgia e meno dati su altre condizioni reumatiche come il lupus, la spondilite o l'artrite reumatoide. Anche in un altro studio publiée Questo mese, i ricercatori brasiliani hanno stabilito che l'olio di cannabis era un trattamento efficace per un gruppo di pazienti con fibromialgia (FM), una sindrome da dolore cronico caratterizzata da dolore muscoloscheletrico generalizzato e affaticamento.

Sebbene il campione di studio fosse piccolo, i ricercatori sono stati incoraggiati dai risultati e hanno raccomandato ulteriori prove per indagare sul potenziale della cannabis nel trattamento di questa malattia.

"Considerando i notevoli danni causati dalla FM e l'effetto che può avere sugli individui, le loro famiglie, le comunità e il sistema sanitario pubblico, sembra esserci la necessità di studiare terapie alternative, poco costose e adatte. Tollerate che aiutino i pazienti a ritrovare la loro benessere e qualità della vita ”, hanno scritto gli autori dello studio. "Il presente studio mira a valutare l'impatto che l'olio di cannabis - un estratto vegetale intero ricco di THC - può avere sui sintomi e sulla qualità della vita delle persone affette da FM".


tag: dolore cronicoFibromyalgiemalattia
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.