close
legale

Corea del Sud: primo passo della legalizzazione per uso medico

Grand premiere in Estremo Oriente: la Corea del Sud ha approvato la cannabis medicinale

In competizione con Thailandia e Malesia, la Corea del Sud ha vinto una prima battaglia la scorsa settimana per approvare l'uso della cannabis per scopi medici. Tuttavia, questo è un formato abbastanza limitato che include solo prodotti a basso contenuto di THC. I certificati verranno forniti con parsimonia.

Thailandia, legalizzazione, Corea del Sud

La Corea del Sud produce 14 tonnellate di cannabis industriale ogni anno ed è uno dei primi cinque produttori di fibre di canapa insieme a Paesi Bassi, Cile, Francia e Cina. Nonostante il suo ruolo importante come produttore, la cannabis rimane illegale nel paese.

A gennaio 2018 , il Partito Democratico della Corea del Sud ha introdotto un disegno di legge per consentire l'uso della cannabis. Questo progetto è stato approvato il 23 novembre dall'Assemblea nazionale del paese, che ha votato a favore della modifica della legge sulla gestione dei narcotici per aprire la strada a dosaggi non psicoattivi e prescrizioni mediche controllate. La cannabis medica sarà sempre strettamente limitata, ma l'approvazione della legge da parte del governo centrale è vista come un potenziale punto di svolta nel modo in cui la droga è vista nelle società tradizionalmente conservatrici e in un paese che molti credono sia il ultimo ad approvare qualsiasi uso di cannabis, anche se al momento è solo a basso dosaggio di THC.

leggere :  Mark Zuckerberg fa una donazione per legalizzare la psilocibina

Come funzionerà?

Per ricevere cannabis medica, i pazienti dovranno fare domanda al Korea Orphan Drug Center, un'agenzia governativa istituita per facilitare l'accesso dei pazienti a farmaci rari nel paese. L'approvazione sarebbe concessa caso per caso. I pazienti avranno anche bisogno di una prescrizione di un medico.

Legge della Corea del Sud sulla cannabis ha superato un grosso ostacolo a luglio quando ha ottenuto il sostegno del Ministero della sicurezza alimentare e dei farmaci, che all'epoca ha detto che avrebbe consentito quattro trattamenti, Epidiolex, Marinol, Cesamet e Sativex per trattare malattie come l'epilessia, i sintomi dell'HIV / AIDS e gli effetti dei trattamenti correlati al cancro.

Il ministero ha detto che una serie di leggi sarà emendata e approvata in una sessione dell'Assemblea nazionale che amplierà le opzioni di trattamento per i pazienti con malattie rare.

Un certo numero di altri paesi, tra cui Thailandia e Malesia, si sono battuti per unirsi a Israele come primi paesi in Asia a consentire la cannabis per scopi medici.

"La legalizzazione della cannabis medica da parte della Corea del Sud, sebbene sarà strettamente controllata con una selezione limitata di prodotti, rappresenta una svolta significativa per l'industria globale della cannabis".

ha dichiarato Vijay Sappani, CEO dell'azienda canadese Ela Capita, una società di venture capital con sede a Toronto che esplora i mercati emergenti della cannabis.

“L'importanza per la Corea di essere il primo Paese dell'Asia orientale ad autorizzare la cannabis medica a livello federale non deve essere sottovalutata. Ora è una questione di quando altri paesi asiatici seguiranno la Corea del Sud ... "

Più interessante, dal momento che lo stato coreano non è un firmatario della Convenzione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti, anche la cannabis "normale" non è tecnicamente considerata una droga pericolosa o proibita.


tag: Asialegge
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.