close
legale

I Paesi Bassi sono pronti a legalizzare la cannabis

i Paesi Bassi sono pronti a legalizzare la cannabis 7

Paesi Bassi pronti a legalizzare la cannabis - La maggioranza del parlamento olandese sostiene la legalizzazione della coltivazione commerciale di cannabis

Dopo 40 anni di procrastinazione e apatia “tollerante”, sembra finalmente che i Paesi Bassi siano pronti a legalizzare e regolamentare la cannabis. Nei Paesi Bassi, la produzione di marijuana è ancora illegale, a vantaggio della criminalità organizzata. La situazione potrebbe cambiare, poiché al parlamento olandese è stata appena presentata una legge che legalizza la produzione di cannabis. Potrebbe essere adottato entro le elezioni generali del prossimo marzo.

sarà-questo-report-aperto door-to-legale-cannabis-crescente-in-the-Nethe

Statu in Olanda

Per 40 anni, la città di Amsterdam, nei Paesi Bassi, è stata considerata il centro mondiale della cannabis ricreativa. I Paesi Bassi hanno una politica di controllo delle sostanze, con la distinzione tra droga pesante, droga leggera, trafficante e consumatore rigorosamente definita. Da allora il consumo di droghe leggere è stato tollerato, se fatto in modo discreto, essendo il suo acquisto limitato al consumo strettamente personale. Il sistema è quindi basato sulla tolleranza, la polizia non vuole attaccare i piccoli consumatori di droghe leggere, ma i principali trafficanti. La coltivazione, la vendita e il consumo di cannabis sono ancora vietati dalla legge e qualsiasi detentore e utilizzatore di cannabis potrebbe in teoria dover affrontare una multa e una custodia della polizia.

leggere :  I Paesi Bassi apriranno le richieste del mese prossimo di sperimentare la coltivazione della cannabis

coffeeshop-Amsterdamn-702x336

Amsterdam ha goduto per decenni di un'industria prospera, i "coffeeshop". Ma l'esistenza di questi stabilimenti è stata a lungo in una zona grigia, i Coffeeshop sono legalmente autorizzati a vendere fino a cinque grammi di cannabis a chiunque abbia 18 anni o più. Gli stabilimenti non possono immagazzinare più di 500 grammi di cannabis nei locali e ai coltivatori non è permesso coltivare più di cinque piante. le transazioni sono perfettamente legali, ma i proprietari di coffeeshop infrangono la legge per togliere i loro prodotti dagli scaffali.

Cannabis-insediamento-Paesi Bassi
Normative vigenti nei Paesi Bassi

La riforma

I riformatori del governo stanno cercando di cambiare la situazione. Il partito di opposizione Democrats 66 (D66) a settembre ha redatto una potenziale legislazione per legalizzare la coltivazione di cannabis su larga scala per fornire società di marijuana autorizzate. I quadri erano sostenuti dal Partito della Sinistra Verde (GroenLinks), dal Partito socialista (PvdD) e dal Partito laburista olandese (PvdA).

190110-Pechtold-d66-ANP-11770549_0

L'unico gruppo che è stato riluttante nel passato e quello al potere oggi è il Partito popolare per la libertà e la democrazia (WD). Supportato dal loro leader, il Primo Ministro Mark Rutte, il WD ha combattuto ferocemente contro la riforma cannabis in passato, il che significa che l'adozione del "modello Colorado" era fuori discussione. Ma quel risentimento per la cannabis è chiaramente cambiato durante la recente riunione del WD, dove l'80% dei suoi membri ha convenuto che il partito dovrebbe cambiare le sue opinioni e considerare una `` regolamentazione più intelligente '' della cannabis. L'emendamento è stato adottato nell'ambito delle parti e ha spianato la strada alla prevenzione di una legislazione reale.

leggere :  La Germania si appresta a legalizzare a livello nazionale dopo lo sciopero dell'accordo dei principali partiti
slider011
Green House Coffeeshops e Snoop Dogg

Joachim Helms è il proprietario della catena Green House Coffeeshops e presidente dell'Unione dei rivenditori di cannabis nei Paesi Bassi. Nel un'intervista con la radio dal servizio pubblico NOS, Helms ha detto di aver sentito che il WD vuole "il controllo nazionale della regolamentazione". Aggiunge che i Paesi Bassi dovrebbero guardare al prossimo modello canadese, ma dovrebbero evitare di limitare le licenze di produzione alle grandi aziende come sta facendo il Canada. Helms ritiene che i piccoli coltivatori dovrebbero essere autorizzati a partecipare come un modo per mantenere i consumatori al centro dell'industria della cannabis invece che ai venture capitalist.

484330_1

Indipendentemente dalla forma e dalle dimensioni del settore, non c'è più alcuna opposizione alla riforma della cannabis nelle elezioni generali olandesi del 15 marzo 2017.


tag: dispensarioleggeNewsPaesi BassiPolitica
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.