close
legale

Lo studio rivela l'impatto economico della legislazione svizzera sulla cannabis

cannabis medica svizzera

Gli effetti economici della Cannabis in Svizzera

Secondo un nuovo studio, la cannabis genera un fatturato annuo di circa 1 miliardo di franchi svizzeri (1,03 miliardi di dollari) in Svizzera. Questa cifra, pubblicato Lunedì dell'Università di Ginevra, include la produzione, l'importazione e il commercio nell'economia sommersa, nonché l'attività economica legale, tra cui polizia, giustizia, assistenza sociale e assistenza sanitaria.

Secondo i ricercatori, rappresenta l'equivalente di 582 milioni di franchi di entrate annuali dal mercato svizzero della cannabis ricreativa. Inoltre, il fatturato diretto e indiretto degli altri segmenti del sistema cannabis ammonta a circa 425 milioni di franchi svizzeri all'anno, senza tener conto del valore aggiunto lordo totale, precisa lo studio.

La conseguenza dell'attività economica del settore sull'occupazione legata all'attuale sistema è di circa 4400 equivalenti a tempo pieno. I ricercatori hanno anche simulato tre diversi scenari per mostrare il potenziale impatto economico della regolamentazione alternativa della cannabis. Ciò consentirebbe di realizzare un fatturato compreso tra 200 milioni e 650 milioni di franchi svizzeri.

La cannabis è una droga proibita in Svizzera. I prodotti a base di cannabis sono consentiti solo se contengono meno dell'1% del principio attivo, THC. Ma anche in questo caso vanno rispettate alcune regole.

A partire da maggio 2021, le prove scientifiche pilota della cannabis ricreativa sono consentite previa approvazione del governo. Una studio precedente pubblicato da un gruppo di organizzazioni tra cui Addiction Svizzera nel 2020, stima che il mercato interno della cannabis potrebbe raggiungere i 500 milioni di franchi svizzeri (515 milioni di dollari).

Uno studio condotto da UNIGE e dalla società di consulenza EBP rivela che l'intero mercato svizzero della cannabis genera un fatturato annuo di un miliardo di franchi. Questa somma comprende non solo la produzione, l'importazione e il commercio nell'economia sommersa, ma anche le attività legali come polizia, giustizia, assistenza sociale e assistenza sanitaria. Uno studio dell'Università di Ginevra ha esaminato in dettaglio gli effetti economici dell'attuale forma di regolamentazione e che normative alternative potrebbero cambiare lo status quo.

La cannabis è stata bandita per la prima volta in Svizzera nel 1951. Settant'anni dopo, il mondo è cambiato e molti paesi si chiedono se il proibizionismo sia la politica più adatta a servire l'interesse pubblico. La Svizzera sta esaminando la questione ormai da decenni e sono stati fatti numerosi tentativi di modificare la forma delle normative, sia in una direzione più rigida che in una più flessibile, finora senza successo. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in coordinamento con i cantoni di Ginevra, Basilea Città e le città di Berna e Zurigo, ha finanziato uno studio che fornisce nuove informazioni su questo dibattito da un punto di vista economico.

leggere :  Colombia: le normative sull'uso ricreativo superano il primo test congressuale

Molti settori sono colpiti dalla cannabis

Ogni anno in Svizzera vengono consumate circa 56 tonnellate di cannabis (marihuana e resina). Ciò corrisponde a poco più di 750 articolazioni al giorno. Sulla base di questa domanda, il fatturato annuo del mercato svizzero della cannabis ricreativa è stimato a 000 milioni di franchi (escluse le importazioni, la stima è di 582 milioni di franchi). Inoltre, il fatturato diretto degli altri segmenti del sistema della cannabis ammonta a 432 milioni di franchi (forze dell'ordine), 14 milioni di franchi (giurisprudenza), 9 milioni di franchi (polizia) e 34 milioni di franchi (assistenza sanitaria). Se si considerano gli effetti indiretti dovuti agli input intermedi e ai ricavi generati, gli effetti complessivi (diretti e indiretti) ammontano a 22 milioni di franchi per il segmento di mercato, 843 ​​milioni di franchi per la sanità, 44 milioni di franchi per la polizia, 71 milioni di franchi per la giurisprudenza e 18 milioni di franchi per le forze dell'ordine.

Valore aggiunto lordo comparabile alla produzione di automobili e componenti di automobili:

Il valore aggiunto lordo totale (VAL) è stimato a 673 milioni di franchi, di cui 428 milioni di franchi sono effetti diretti e 245 milioni di franchi sono effetti indiretti. Il valore aggiunto diretto generato dal sistema della cannabis corrisponde a circa lo 0,06% circa del PIL svizzero oa circa la metà dell'economia del cantone di Appenzello Interno. I settori più vicini in Svizzera con un valore aggiunto simile sono l'approvvigionamento idrico, che è leggermente inferiore allo 0,04%, o la produzione di automobili e parti di automobili, che è leggermente superiore allo 0,08%.

L'effetto occupazionale totale dell'attività economica associata al sistema della cannabis ammonta a circa 4400 equivalenti a tempo pieno. A titolo di riferimento, questa cifra è simile a quella dell'occupazione generata dall'assicurazione svizzera contro gli infortuni (SUVA), che dà lavoro a circa 4200 persone in Svizzera.

La cannabis dovrebbe essere legalizzata in futuro?

Lo studio mostra anche che gli effetti economici cambierebbero nel medio termine se venissero applicate altre forme di regolamentazione. A dimostrazione di ciò sono stati simulati diversi scenari normativi. La legalizzazione del consumo e del possesso per uso personale unita alla legalizzazione della produzione non commerciale (scenario "Cannabis Social Club") ridurrebbe il fatturato totale del sistema della cannabis a 650 milioni di franchi. Un mercato privato non regolamentato (scenario "mercato libero") ridurrebbe ulteriormente il fatturato a 200 milioni di franchi, mentre uno scenario di organizzazione privata altamente regolamentato si tradurrebbe in circa 275 milioni di franchi.

leggere :  Il Malawi legalizza la cannabis per droghe e fibre industriali

Parte di questo calo del fatturato viene reindirizzato sotto forma di gettito fiscale. Mentre lo status quo, senza mercato legale e senza alcuna forma di tassazione specifica per prodotto, genera un gettito fiscale di circa 25 milioni di franchi, lo scenario "Cannabis Social Club" genererebbe circa 166 milioni di franchi, lo scenario "Alta regolamentazione" (tassazione basato su peso e valore, simile a quello del tabacco) genererebbe 464 milioni di franchi e lo scenario "mercato libero" (solo IVA) genererebbe 11 milioni di franchi.

Una base necessaria per far avanzare il processo legislativo

Adrian Gschwend, responsabile della politica e dell'attuazione dell'UFSP, aggiunge: "Questo studio arriva al momento giusto poiché la commissione per gli affari sociali e sanitari dell'Assemblea nazionale ha recentemente proposto una legge sulla legalizzazione della cannabis. I risultati mostrano che abbiamo bisogno di un mercato ben regolamentato che fornisca protezione a bambini e adolescenti, nonché salvaguardie sanitarie per porre fine al mercato illegale della cannabis".

Il dottor Sandro Cattacin, professore ordinario presso il Dipartimento di Sociologia dell'Università di Ginevra, contestualizza il risultato: "Quando l'eroina è stata prescritta negli anni '1990, il fattore determinante è stata la sofferenza delle persone, che ha suscitato indignazione pubblica e una discussione sulla soluzione del dramma. Le successive valutazioni hanno portato a una stabilizzazione di questo approccio politico. Per la politica sulla cannabis, gli stessi elementi sono rilevanti, anche se la sofferenza non è visibile da molto tempo. È solo di recente che il dibattito pubblico ha iniziato a prestare attenzione alle sofferenze causate dal proibizionismo. Questo studio non tratta specificamente della sofferenza, né mostra quale regolamentazione sia moralmente preferibile. Piuttosto, fornisce informazioni tanto necessarie e gradite sugli effetti economici degli scenari normativi attuali e alternativi, che aggiungeranno una nuova qualità al processo legislativo di regolamentazione della cannabis.


tag: StudioleggestatistiqueSvizzera
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.