close
Scienza

Lo studio trova un legame genetico con gli effetti delle droghe psichedeliche

turbina corymbosa ololiuqui

I ricercatori dell'Università della Carolina del Nord hanno scoperto che le variazioni genetiche in un recettore della serotonina possono essere alla base dei vari effetti delle droghe psichedeliche in persone diverse

Secondo uno studio pubblicato di recente dai ricercatori dell'Università della Carolina del Nord, le variazioni genetiche comuni in un particolare recettore della serotonina potrebbero essere alla base degli effetti variabili delle droghe psichedeliche su individui diversi. Questo studio, che arriva in un momento in cui la ricerca sui potenziali benefici terapeutici delle droghe psichedeliche sta guadagnando slancio, potrebbe spiegare perché queste sostanze sembrano avere effetti estremamente positivi su alcuni pazienti con gravi problemi di salute mentale, mentre molti altri lo trovano poco terapeutico interesse.

Bryan Roth, MD, PhD, ha guidato un team di ricercatori dell'Università della Carolina del Nord (UNC) per raggiungere questo obiettivo sondaggio. L'obiettivo della ricerca era esplorare come le variazioni di questo singolo recettore della serotonina alterano l'attività di quattro terapie psichedeliche. La ricerca sulle cellule di laboratorio ha dimostrato che sette varianti hanno un impatto unico e differenziale sulla risposta del recettore a quattro droghe psichedeliche: lapsilocina, LSD, 5-metossi-N,N-dimetiltriptamina (5-MeO-DMT) e mescalina. I ricercatori ritengono che questa ricerca in vitro potrebbe essere utile per determinare le terapie di salute mentale appropriate per i pazienti.

"Sulla base del nostro studio, ci aspettiamo che i pazienti con diverse variazioni genetiche rispondano in modo diverso ai trattamenti assistiti da psichedelico", ha affermato Roth, che dirige il programma di screening dei farmaci psicotropi del National Institutes of Health. “Riteniamo che i medici dovrebbero considerare la genetica del recettore della serotonina di un paziente per identificare quale composto psichedelico potrebbe essere il trattamento più efficace nei futuri studi clinici. »

leggere :  La cannabis può mutare nello spazio?

Psichedelici e salute mentale

Una ricerca pubblicata nel 2020 sulla rivista JAMA Psychiatry ha scoperto che la psicoterapia assistita da psilocibina era un trattamento rapido ed efficace per un gruppo di 24 partecipanti con disturbo depressivo maggiore. Un altro studio pubblicato nel 2016 ha stabilito che il trattamento con psilocibina ha prodotto diminuzioni sostanziali e durature della depressione e dell'ansia nei pazienti con cancro potenzialmente letale. E l'anno scorso, i ricercatori hanno stabilito che i consumatori di sostanze psichedeliche erano meno stressati durante i blocchi messi in atto per controllare la pandemia di COVID-19.

Precedenti ricerche hanno anche stabilito che le droghe psichedeliche stimolano i recettori della serotonina nel cervello. Il recettore 5-idrossitriptamina, noto anche come 5-HT2A, è responsabile della mediazione della reazione di una persona alle droghe psichedeliche. Tuttavia, esistono diverse variazioni genetiche naturali e casuali che possono influenzare la funzione e la struttura del recettore 5-HT2A. Gran parte della ricerca sugli effetti delle sostanze psichedeliche sulla salute mentale è ispirata dall'effetto delle droghe recettori della serotonina, che legano il neurotrasmettitore serotonina e altre molecole simili per aiutare a regolare l'umore, le emozioni e l'appetito.

Sebbene molto promettenti, le droghe psichedeliche non sembrano essere un trattamento efficace per tutti. Dustin Hines, PhD, assistente professore di neuroscienze nel dipartimento di psicologia dell'Università del Nevada, Las Vegas, che non è stato coinvolto nello studio dell'UNC, ha affermato che la ricerca potrebbe aiutare a capire perché le terapie psichedeliche funzionano bene per alcuni pazienti mentre altri derivano scarso beneficio terapeutico.

leggere :  L'ONU esamina la classificazione della cannabis

"È stato dimostrato che la variazione genetica in questo recettore influenza la risposta del paziente ad altri farmaci", ha affermato dichiarato Hines a Healthline. “Mentre le terapie psichedeliche possono fornire benefici terapeutici rapidi e duraturi per molteplici condizioni di salute mentale, c'è una percentuale di pazienti che non risponde. »

Hines ha anche notato che le differenze nelle condizioni di salute mentale da persona a persona potrebbero anche contribuire al modo in cui i pazienti rispondono sia ai trattamenti psichedelici che a quelli più tradizionali.

"Alcuni individui con depressione possono avere una predisposizione genetica che aumenta la loro probabilità di soffrire di depressione nel corso della loro vita", ha detto Hines. "Altri individui che soffrono di depressione possono avere contributi più situazionali o ambientali".

I ricercatori dell'UNC hanno notato che lo studio potrebbe aiutare a informare i medici che stanno valutando l'utilizzo di sostanze psichedeliche come trattamento per i loro pazienti e hanno chiesto ulteriori ricerche.

"Questo è un altro pezzo del puzzle di cui dobbiamo essere consapevoli quando decidiamo se prescrivere una terapia che abbia un effetto così drammatico al di fuori dell'effetto terapeutico", ha detto Roth. “Ulteriori ricerche ci aiuteranno a continuare a trovare i modi migliori per aiutare i singoli pazienti.


tag: ancora galleggianteStudiogeneticopsichedelico
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.