close
salute

Cannabis collegata a miglioramenti nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale

L'effetto della cannabis medica nella malattia infiammatoria intestinale: analisi dal registro della cannabis medica del Regno Unito

 La malattia infiammatoria intestinale è un termine sanitario generico per due condizioni: il morbo di Crohn e la colite ulcerosa. Entrambe le condizioni sono caratterizzate da infiammazione cronica del tratto gastrointestinale. La somministrazione giornaliera di prodotti a base di cannabis è associata a un miglioramento dei sintomi nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale, secondo i dati di uno studio osservazionale pubblicato sulla rivista Revisione di esperti di gastroenterologia ed epatologia.

I ricercatori britannici hanno valutato la sicurezza e l'efficacia dei prodotti a base di cannabis in 76 pazienti con malattia di Crohn o colite ulcerosa. I soggetti dello studio sono stati registrati presso il Medical Cannabis Register del Regno Unito e ciascuno aveva un'autorizzazione medica per l'uso di cannabis. I partecipanti allo studio hanno consumato estratti di cannabis, fiori a predominanza di THC o entrambi per un periodo di tre mesi.

leggere :  Una medicina contro il cancro al cervello

Gli autori hanno riferito: "L'introduzione di medicinali a base di la cannabis è stata associata a una migliore qualità della vita correlata alla salute a breve termine, con miglioramenti statisticamente significativi nella qualità della vita correlata alla salute specifica e generale della IBD un mese e tre mesi dopo l'inizio del trattamento. I partecipanti che avevano mai usato cannabis hanno avuto maggiori miglioramenti nella HRQoL e meno effetti avversi rispetto alle persone naïve. Questi risultati ne evidenziano l'utilità potenziale dei CBMP come opzione terapeutica adiuvante a breve termine, specialmente nei pazienti che continuano a manifestare sintomi debilitanti nonostante la massima terapia medica. »

I dati longitudinali provenienti da Israele hanno anche riferito che l'uso a lungo termine di intere piante di cannabis è associato sia al miglioramento dei sintomi che alla riduzione dell'uso di farmaci da prescrizione in pazienti che soffrono malattia infiammatoria intestinale resistente al trattamento.

leggere :  Il CBD è efficace nel trattamento della Sindrome di Martin Bell

Anche i soggetti del registro della cannabis medica del Regno Unito, che soffrivano di stress post-traumatico o depressione, hanno mostrato miglioramenti sintomatici dopo la terapia con cannabis. I pazienti trattati con CBMP per i sintomi refrattari della malattia di Crohn e della colite ulcerosa hanno dimostrato un miglioramento a breve termine della HRQoL specifica e generale per IBD. I precedenti consumatori di cannabis hanno riportato un miglioramento maggiore rispetto agli individui naive alla cannabis.

Blog-Cannabis
tag: Anti-inflammatoireStudiomalattiaTraitementUK
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.