close
Scienze

Nessuna prova concreta che i consumatori sviluppino una dipendenza fisiologica dalla cannabis

I pericoli del disturbo da uso di sostanze potrebbero non esistere

La ricerca ha ripetutamente trovato una correlazione tra l'uso di cannabis e le esperienze psicotiche, ma anche gli studi più apparentemente dannosi ammettono che la relazione causa-effetto non è chiara: poiché questo studio purtroppo publiée in La psichiatria di Lancet nel 2019, in cui i suoi autori affermano: “Purtroppo, non tutte le prove che utilizzano metodi diversi sono coerenti per quanto riguarda il nesso di causalità. Ad esempio, studi che utilizzano dati genetici hanno trovato prove che potrebbero essere coerenti con un'eziologia genetica condivisa tra il rischio di psicosi e la probabilità di usare la cannabis. Ciò significa che una persona geneticamente predisposta ad avere un episodio psicotico potrebbe automedicarsi con la cannabis.

Storia e realtà

Ci sono effetti negativi associati alla cannabis, ma molti di essi colpiscono solo una piccola parte della popolazione (come sindrome da iperemesi) o quelli che hanno iniziato a usarli troppo giovani. Il National Institute on Drug Abuse cita delusioni e psicosi come effetti collaterali del consumo regolare di cannabis ad alta potenza, ma dimentica di sottolineare che qualsiasi fattore di stress può scatenare episodi psicotici, comprese tutte le droghe, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro e qualsiasi altro evento della vita frenetica.

Secondo National Institute on Drug Abuse, il 9% dei consumatori di cannabis sviluppa un "disturbo da uso di marijuana". Un nuovo terrore è all'orizzonte per i consumatori di cannabis. Con un numero crescente di stati che legalizzano la cannabis ricreativa, sembra che il paese sia sull'orlo di un'epidemia di dipendenza. Le persone dipendenti dalla marijuana possono sperimentare irritabilità, insonnia, diminuzione dell'appetito, ansia e voglie se svezzate. Si dice che gli adolescenti che fanno uso di cannabis siano particolarmente a rischio di sviluppare un disturbo da uso di droghe, così come i consumatori regolari.

leggere :  Il chimico americano Roger Adams ha isolato il CBD 75 anni fa

Tuttavia, non vi è alcuna indicazione che i consumatori sviluppino una dipendenza fisiologica dalla cannabis come nel caso del cocaina o oppiaceiS. Possono diventare irritabili e ansiosi, ma probabilmente non si ammaleranno o sperimenteranno allucinazioni o qualsiasi altra cosa che spesso associamo all'astinenza dalla tossicodipendenza.

In effetti, sembra che gran parte dell'idea di dipendenza da cannabis sia incentrata sulla violazione di un principio piuttosto che sul danno effettivo derivante da un uso regolare o pesante.

Ma siamo tutti così bloccati nei dettagli oscuri di questa discussione che ci perdiamo la domanda più importante: se è sicuro usare regolarmente la cannabis, i benefici sono molti, ma l'evidenza delle proprietà di dipendenza fisiologica è scarsa, è "dipendenza" alla cannabis davvero così pericolosa? Se una persona può usare la cannabis quotidianamente, senza che ciò influisca negativamente sulla sua capacità di funzionare come un membro stimato della società e che abbia accesso a una fornitura legale, dov'è il problema, esattamente?

Considera l'idea della dipendenza da integratori vitaminici. Questo non è uno scherzo e un certo numero di persone afferma di "soffrire" per questo. Quando vengono privati ​​dei loro integratori, sperimentano effetti negativi sulla loro salute e sulla loro mente che corrispondono ai sintomi dell'astinenza. Certo, invece di chiamarli “tossicodipendenti” affetti da “astinenza”, diciamo che sono “carenti” di vitamine o simili e li mandiamo al reparto sanitario del supermercato più vicino.

Può sembrare tutto sfacciato, ma è tutta una questione di prospettiva. Senza dubbio, l'effetto collaterale più pericoloso del consumo di cannabis è quello di essere sbattuti in galera dai responsabili della guerra a determinate droghe, e sono stati loro a far credere che i disordini da uso di marijuana avrebbero presto invaso il Paese.

leggere :  Trova la giusta tensione per il tuo DNA

Ora che gli stati stanno iniziando a legalizzare la cannabis ricreativa, inizieremo a vedere più consumatori di erba ogni giorno. È tempo di iniziare a pensare in modo più razionale e riconoscere che le uniche vittime afflitte dalle loro "dipendenze" sono le compagnie farmaceutiche e i sindacati di polizia.

Teorie cospirazioniste

Nel 2014, La Nazione ha pubblicato un articolo feroce che espone i profondi legami tra le lobby anti-canna ei loro finanziatori, le compagnie farmaceutiche e i sindacati di polizia. Gli investigatori hanno scoperto che la Community Anti-Drug Coalition of America (CADCA) e la Partnership to End Addiction - due organizzazioni che hanno contribuito a diffondere l'idea che il disturbo da uso di cannabis è una minaccia per la nostra società - sono state finanziate da produttori di oppiacei da prescrizione e lobbisti della polizia.

I sindacati di polizia hanno un motivo per creare panico intorno a questa droga e per opporsi alla legalizzazione della cannabis. Devono preoccuparsi di perdere fondi federali che provengono da programmi di controllo della droga e di perdere fondi per la confisca dei beni.

Il ruolo delle aziende farmaceutiche in questo dramma ha implicazioni molto più sinistre. È stato scoperto che CADCA è stato finanziato da Purdue Pharma, produttori dell'oppioide OxyContin che crea una forte dipendenza. Non c'è posto qui per descrivere il danno fatto negli Stati Uniti dagli oppioidi in generale e da OxyContin in particolare, quindi sembra sospetto che questa azienda farmaceutica sia preoccupata per i pericoli posti dalla dipendenza dalla cannabis. Sta al lettore determinare se si tratta di una manovra competitiva, una preoccupazione per le affermazioni dei sostenitori della cannabis secondo cui la droga combatte la dipendenza da oppiacei o un sincero dovere civico.

Ma una cosa è certa: ci sono molti soldi sporchi dietro la narrativa della dipendenza dalla cannabis e devono essere esaminati attentamente prima di essere accettati come fatti.

tag: consumatoriConsumodipendenzaeffetti collateralipsichedelicopsicoattiva
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.