close
Scienza

Più potente di CBD e THC: il dott. Raphael Mechoulam spiega la sua ultima scoperta

Raphael Meshoulam

Secondo il Prof. Mechoulam, l'acido cannabidiolico è un composto molto più potente del CBD o del THC

Il professor Raphael Mechoulam, noto anche come " padre della ricerca sulla cannabis“, Ha rivelato la sua ultima scoperta, l'estere metilico dell'acido cannabidiolico (EPM301), solo pochi mesi fa. L'introduzione di questo nuovo composto brevettato (molecole di cannabinoidi sintetiche, completamente stabili, a base di acido) ha suscitato entusiasmo per il futuro della cannabis medicinale.

Il composto in questione è stato presentato al mondo in collaborazione con EPM, una società globale di biotecnologia con sede negli Stati Uniti che mira a colmare il divario tra cannabis e industrie farmaceutiche.

Durante a conversazione recente, CEO Reshef Swisa e Dr Mechoulam hanno condiviso il viaggio alla base di questo processo rivoluzionario e la sua importanza nell'evoluzione dell'uso del cannabidiolo come farmaco farmaceutico.

"EPM ha sviluppato un metodo per lavorare con le sostanze originali della cannabis", ha spiegato il professore. “Quindi, mentre tutti parlano di THC e CBD, questi cannabinoidi sono in realtà una sostanza secondaria; non compaiono fino a più tardi nella pianta.

"In origine c'è un acido che appare nella pianta, e questi acidi sono questi misteriosi mondi di composti che sono molto più potenti dei cannabinoidi", ha aggiunto.

Tuttavia, questi acidi cannabidiolici erano instabili e quindi non necessari fino ad ora nello sviluppo di farmaci.

leggere :  Combinazioni di cannabinoidi e funghi

La recente rivelazione di Mechoulam deriva dallo sviluppo di un metodo che consente di modificare gli acidi in modo da mantenerli sufficientemente stabili da consentirne l'uso su scala larvale. Questo apre la porta ad altri esperimenti farmaceutici, ha spiegato il professore.

“Abbiamo preso un acido cannabidiolo e lo abbiamo stabilizzato con una semplice procedura chimica chiamata esterificazione ; allora il composto è stabile ", ha spiegato il signor Swisa.

Il team ha quindi iniziato a esaminare le attività di questo composto e ha scoperto che questo particolare composto causa la soppressione dell'ansia e la soppressione della nausea, ha continuato, aggiungendo che potrebbe fare un'enorme differenza nelle persone. malati di cancro che ricevono chemioterapia, così come in pazienti con IBD (malattia infiammatoria intestinale) o psoriasi.

Innovare a 88 anni

È noto da tempo che CBD e THC possono aiutare a trattare un lungo elenco di condizioni che vanno dall'infiammazione e l'ansia alla depressione e alla nausea.

In effetti, Mechoulam è stato forse lo studioso più importante a far luce sui principi attivi della pianta di cannabis negli anni '1960, quando il suo lavoro all'Istituto Weizmann portò alla scoperta della sistema endocannabinoide umano, incoronandolo "padre della ricerca sulla cannabis".

Ma l'ultima scoperta del ricercatore 88enne presenta l'acido cannabidiolico come un composto molto più potente del CBD o del THC: senza effetti collaterali negativi noti.

"Abbiamo un disperato bisogno di nuovi farmaci per diverse malattie e alcuni dei farmaci disponibili possono essere abbastanza buoni, ma alla fine causano effetti collaterali", ha detto, riferendosi alla maggior parte dei farmaci phama innaturali, che sono nella migliore delle ipotesi semi-sintetici.

“Oggi abbiamo due gruppi di composti che devono essere sostituiti: steroidi e oppioidi. Crediamo che la cannabis abbia la capacità di introdurre sostituti in queste famiglie ”.

leggere :  Introduzione del primo ceppo CBG senza THC nel mondo

Un'alternativa agli steroidi e agli oppioidi

Mentre il CBD è stato visto per diversi anni come un'alternativa ai farmaci da prescrizione che creano dipendenza, il brevetto di EPM sull'uso dell'acido cannabidiolico è il primo a dimostrare che questi farmaci possono essere essenzialmente sostituiti senza grandi cambiamenti. della loro efficacia.

"Stiamo confrontando il nostro composto non solo con i cannabinoidi, ma anche con i farmaci esistenti che vengono applicati oggi", ha spiegato Mechoulam. “Così, ad esempio, per l'IBD, abbiamo confrontato i nostri composti con due prodotti classici: uno è il prednisone (gli steroidi) e l'altro è un farmaco biologico. E in entrambi i casi siamo riusciti a dimostrare che l'attività del nostro composto è molto simile a quella del prodotto comune ”.

Il ricercatore è ottimista riguardo al futuro.

"Spero sinceramente che un giorno avremo un derivato dell'acido cannabidiolico sul mercato nei prossimi anni, insieme al CBD stesso".

Ma ha anche messo in guardia contro l'importanza di classificare e regolamentare adeguatamente i farmaci per il loro uso medico, al fine di evitare effetti collaterali indesiderati.

“Le aziende devono fare attenzione quando prendono composti e rivendicano prodotti terapeutici. Devono farlo in conformità con le normative al fine di creare coerenza nel linguaggio ... perché le persone confondono l'uso ricreativo con l'uso medico e non cercano necessariamente un'indicazione specifica, con un dosaggio specifico ", ha concluso.


tag: acido cannabidiolicoRaffaele MechoulamRicercasintetico
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.