close
Cultura

10 cose da sapere sulle radici della cannabis che potresti non sapere

10 cose da sapere sulle radici che potresti non sapere 6

Mentre i fiori e le foglie sono al centro dell'attenzione, le virtù delle radici di cannabis sono altrettanto affascinanti.

Per secoli le sue proprietà sono state utilizzate nella produzione di trattamenti e rimedi in erboristeria. Oggi, le radici delle piante di cannabis possono continuare a rivelare i loro segreti. Ecco le 10 cose che probabilmente non sapevi sulle radici della cannabis.

Tutto sulle radici della cannabis

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere
Radici di una pianta di cannabis

Lunga storia di uso medicinale

Il primo uso registrato della radice di cannabis come medicinale risale al 2700 a.C. circa. AD in un'opera chiamata Shennong pn Ts'ao ching. Tradotto come "Il classico della medicina erboristica", questo antico testo cinese menziona che la radice di cannabis era un rimedio per alleviare il dolore. Essiccato e frantumato per formare una pasta, il trattamento veniva spesso utilizzato per le ossa rotte.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Nel 79 d.C., lo storico romano Plinio il Vecchio scrisse in Naturalis Historia che la radice di cannabis veniva bollita in acqua per i crampi alle articolazioni, la gotta e il sollievo dal dolore acuto.

All'inizio del XVIII secolo, il medico inglese William Salmon fece eco a queste affermazioni con una miscela di radice di cannabis e orzo per trattare la sciatica e il dolore pelvico. .

Proteggere il fegato

Sebbene la ricerca rimanga limitata, nel 1971 è stato dimostrato che l'estratto di etanolo dalle radici di cannabis conteneva friedelin.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Considerato un antiossidante, il friedelin ha proprietà di conservazione e protezione del fegato.

Varietà di applicazioni dirette sul corpo

È anche possibile creare un balsamo per le labbra dalle radici di cannabis. Allo stesso modo, possono essere progettati impacchi lenitivi e curativi. Le radici di cannabis essiccate possono essere facilmente incorporate in innumerevoli creme per applicazioni locali.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

In infusione con olio di oliva o di cocco e vari oli essenziali, facilitano la guarigione.

leggere :  Cannabis e sindrome maniaco-depressiva

Riduce l'infiammazione

Fino all'inizio del 20 ° secolo, i medici negli Stati Uniti consigliavano decotti di radici di cannabis per il trattamento dell'infiammazione.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Le radici di cannabis contengono diversi chetoni triterpenici pentaciclici. Questi composti sono valutati per i loro effetti antimicrobici e antinfiammatorio.

Elimina le cellule tumorali

Anche i chetoni pentaciclici triterpenici nelle radici di cannabis sono sospettati di causareapoptosi. Questa è la morte cellulare programmata nelle cellule tumorali.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Sebbene la ricerca sia ancora agli inizi, le radici della cannabis possono avere proprietà efficaci contro il cancro.

Rafforza le membrane cellulari

Le radici di cannabis contengono piccole quantità di colina. Solubile in acqua, colina essenziale precursore dei nutrienti alimentari del neurotrasmettitore acetilcolina.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

È vitale per lo sviluppo e il mantenimento di membrane cellulari sane.

Cura secondo le varietà di cannabis

Questa pratica è nella sua infanzia, ma le radici di cannabis possono anche avere proprietà variabili secondo lo sforzo. Anche se abbiamo ancora molto da imparare qui, il potenziale per i rimedi futuri in questo spazio è enorme.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Pertanto, a seconda del ceppo, sono utilizzabili proprietà particolari che si trovano nelle radici.

Presenza di cannabinoidi

Le radici di cannabis contengono tracce di cannabinoidi. La concentrazione è minima rispetto alle gemme o ai fiori ma anche i composti come il CBD si trovano nelle radici.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Usato per fermare l'emorragia

Le radici di cannabis, dopo la frantumazione, l'essiccazione e l'ebollizione, agiscono come antiemorragiche per fermare l'emorragia. Ciò era particolarmente utile per il sanguinamento postpartum dopo il parto nell'antichità.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

In futuro, forse una via di ricerca medica per nuovi trattamenti?

Lenisce la pelle infiammata, bruciata o irritata

In caso di irritazione sulla pelle, puoi provare ad applicare la radice di cannabis essiccata. L'autore e medico greco Oribasio, medico dell'imperatore romano Giuliano, scrisse che la radice di cannabis secca poteva trattare le eruzioni cutanee se mescolata con escrementi di piccione.

Le cose 10 da sapere sulle radici che non sapevi possono essere

Se si guano è facoltativo, le radici di cannabis tritate crude hanno dimostrato di essere efficaci nel trattamento di vari condizioni della pelle.

Pertanto, le radici di cannabis sono una fonte di proprietà medicinali e possono essere di molto più valore di quanto pensassimo. Concentrandosi non solo sulla parte superiore della pianta, ma anche sulle sue radici, questo potrebbe aprire nuove possibilità in termini di ricerca e cura delle malattie. Siamo solo agli inizi, come mostra questo studio.

Studio: il composto trovato nelle radici della cannabis ha effetti antinfiammatori

I ricercatori hanno scoperto che il composto cannabissativina, presente nell'estratto acquoso delle radici delle infestanti, riduce l'infiammazione senza effetti collaterali negativi. Mentre la ricerca scientifica sulla cannabis si è concentrata principalmente sulla moltitudine di composti trovati nella parte in erba della pianta, un nuovo studio sta estraendo i benefici terapeutici da una fonte meno visibile.

leggere :  Occupazione Sommelier in cannabis

L'estratto acquoso derivato dalle radici di una pianta in vaso, di cui la cannabissativina (CsAqEx) è il componente principale, mostra attività antinfiammatoria nei topi senza effetti collaterali negativi o tossicità notevole, secondo uno studio pubblicato nel Journal of Ethnopharmacology.

Il composto di radice cannabissativina (CsAqEx) mostra attività antinfiammatoria

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che CsAqEx è associato alla riduzione dello stravaso vascolare - la fuoriuscita di sangue o altri fluidi da un vaso sanguigno o tubo - e alla migrazione delle cellule infiammatorie, che aiutano a ridurre l'infiammazione nei siti colpiti. Non sono stati osservati effetti sul sistema nervoso centrale e non sono stati osservati effetti spasmolitici - la contrazione dei tessuti molli - nel tratto respiratorio.

I risultati suggeriscono che l'effetto antinfiammatorio di CsAqEx è correlato alla riduzione dello stravaso vascolare e alla migrazione delle cellule infiammatorie, senza effetti sul sistema nervoso centrale. Inoltre, non è stato osservato alcun effetto spasmolitico sulla muscolatura liscia delle vie aeree e non è stata osservata tossicità nei topi.

I ricercatori hanno valutato l'efficacia del composto della radice nel causare infiammazione nei topi. In termini tecnici, con il test di migrazione leucocitaria indotta dalla carragenina e con i metodi dell'edema della zampa indotta dalla carragenina e dall'istamina.

Le radici di cannabis hanno un effetto antinfiammatorio 1
Le radici di cannabis hanno un effetto antinfiammatorio 1

Hanno scoperto che CsAqEx ha inibito la migrazione dei leucociti a dosi di 25, 50 e 100 milligrammi per chilogrammo. CsAqEx ha anche mostrato attività antinfiammatoria dopo l'iniezione di carragenina nelle zampe dei topi, mostrando una riduzione del gonfiore a tutte le dosi testate, la più bassa è di 12,5 milligrammi per chilogrammo.

La contrazione delle vie aeree è stata testata in vitro su topi isolati dalla trachea. In un bagno d'organo, 729 microgrammi per millilitro di CsAqEx non hanno prodotto un effetto spasmolitico sugli anelli tracheali isolati contratti dal carbacolo (CCh) o dal cloruro di potassio (KCl).

Non è stato osservato alcun impatto negativo sulla funzione motoria, che è stata testata utilizzando rotarod e test sul campo.

I ricercatori non hanno riscontrato effetti tossici da test a dose singola di 1 milligrammi per chilogrammo, né da dosi ripetute di 000 o 25 milligrammi per chilogrammo per 100 giorni. Il composto della radice non ha prodotto altri cambiamenti significativi negli organi dei topi. Le radici della cannabis hanno una lunga storia di uso medico, ma le loro applicazioni terapeutiche sono state ampiamente ignorate nei tempi moderni.


tag: Agricoltura / GrowAnti-inflammatoireCancroMedicina
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.