close
Scienza

Ricerca: gli effetti della cannabis sul dolore, sull'aumento dell'appetito e sul desiderio sessuale

effetto della cannabis medica

La cannabis è associata alla remissione clinica ma non endoscopica nella colite ulcerosa

Un nuovo studio del Meir Medical Center di Kfar Saba ha scoperto che l'uso di cannabis nelle persone con malattie infiammatorie intestinali ha provocato sollievo dal dolore, riduzione dell'uso di droghe e aumento dell'appetito e del desiderio sessuale. Statistica sorprendente: infatti, il gruppo placebo ha riportato disturbi della memoria.

La cannabis è spesso usata da pazienti con colite ulcerosa, ma gli studi controllati sono rari. Avevamo l'obiettivo di valutare l'effetto della cannabis sul miglioramento dei risultati clinici e infiammatori nei pazienti con colite ulcerosa.

In uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, ai pazienti sono state somministrate sigarette contenenti 0,5 g di fiori di cannabis essiccati con 80 mg di tetraidrocannabinolo (THC) o sigarette placebo per 8 settimane. I parametri della malattia tra cui l'indice di attività della malattia di Lichtiger, la proteina C reattiva (PCR), la calprotectina, il punteggio endoscopico Mayo e la qualità della vita (QOL) sono stati valutati prima, durante e dopo il trattamento.

Nello studio, pubblicato la scorsa settimana sul prestigioso Rivista scientifica PLOS ONE , i soggetti hanno utilizzato la varietà Erez, una delle varietà più antiche nel catalogo delle varietà Tikun Olam, nonché una delle prime nell'industria della cannabis legale in Israele e dintorni. il mondo.

Uno dei dati interessanti visti nello studio riguarda le segnalazioni di aumento della libido negli utenti. Una scoperta sorprendente è che i soggetti che hanno ricevuto un placebo (placebo) sono stati quelli che hanno segnalato problemi di memoria, mentre tra coloro che hanno ricevuto cannabis reale, lo 0% ha riferito tale deterioramento.

Gli effetti avversi dell'uso di cannabis secondo lo studio sono stati: il 41% di coloro che hanno ricevuto cannabis vera che ha riferito di tossire, contro il 20% nel gruppo placebo. Allo stesso modo, il 35% ha riportato capogiri contro il 6% nel placebo e il 29% ha riportato confusione contro il 6% nel placebo.

In termini di effetti positivi: l'82% di coloro che hanno ricevuto cannabis vera ha riferito una buona sensazione generale di salute, rispetto al 6,7% nel gruppo placebo. Inoltre, circa il 54% ha riportato un miglioramento della gravità della malattia, circa il 62% ha riportato un miglioramento dell'attività intestinale e circa il 27% ha riportato un miglioramento della qualità della vita, rispetto al gruppo placebo che non lo ha fatto.

leggere :  I test genetici possono prevedere i livelli di THC rispetto a CBD nelle piante

Gli altri effetti principali dell'uso di cannabis riportati dai soggetti sono stati il ​​miglioramento dell'appetito, della concentrazione e di una sensazione positiva riguardo al trattamento, nonché un aumento della sensazione di libido (desiderio sessuale) e sollievo dal dolore. Altri parametri come l'umore, il sonno, il funzionamento quotidiano e altro sono rimasti relativamente invariati.

Come in molti altri studi, è stato riscontrato che i soggetti che facevano uso di cannabis avevano una significativa diminuzione del consumo di droghe, in questo caso con i soliti farmaci per il trattamento della colite come il farmaco "Salsin" e altri antibiotici, steroidi e altro ancora.

La stessa colonscopia, che è stata eseguita prima e dopo il trattamento, ha rivelato un significativo miglioramento della gravità della malattia e alcuni dei pazienti trattati hanno anche raggiunto la remissione, ma la differenza tra i due gruppi non era significativa.

Nello studio, 32 pazienti con un'età media di 30 anni hanno ricevuto un trattamento per 8 settimane con sigarette contenenti mezzo grammo di infiorescenza di cannabis schiacciata con 80 mg di THC. Il gruppo placebo ha ricevuto sigarette senza alcun THC.

Lo studio (in doppio cieco, controllato con placebo) è stato condotto dalla dott.ssa Timna Naftali e dal reparto di gastroenterologia del Meir Medical Center e dal ricercatore principale di Tikkun Olam-Kanbit Lehi Bar-Lev Schleider in pazienti con colite di età compresa tra 26 e 40 anni .

Colite, come La malattia di Crohn, che si trova nella lista delle controindicazioni a una licenza di cannabis medica, è una malattia intestinale in cui il trattamento non sempre ha successo e in cui circa il 40% dei pazienti potrebbe non rispondere alle cure esistenti o perdere una risposta, di cui la necessità di trovare trattamenti aggiuntivi o complementari. La malattia inizia nel colon ed è accompagnata da dolore e sanguinamento che possono portare a debolezza e affaticamento.

Secondo i dati dell'Association for the Support of Patients with Crohn's Disease and Colitis, ci sono attualmente circa 50 pazienti con malattia intestinale cronica in Israele, inclusi circa 000 bambini e circa 2 milioni di pazienti nel mondo. La malattia rappresenta generalmente un notevole onere personale, sociale ed economico a causa del suo impatto sulla qualità della vita e sul funzionamento quotidiano.

leggere :  Abbiamo scoperto lo shazam dell'erba

Nonostante lo sviluppo di molti nuovi trattamenti negli ultimi anni, c'è ancora una grande percentuale di pazienti che non risponde o risponde parzialmente a questi trattamenti, motivo per cui molti pazienti cercano trattamenti alternativi o complementari e molti consumano cannabis. per alleviare i sintomi.

Dr Timna Naftali, Specialista in Gastroenterologia, Ospedale Meir: “Ancora una volta, il trattamento della cannabis terapeutica per i pazienti gastrointestinali si è dimostrato efficace, sebbene non sia una cura per la malattia, ma i dati sono certamente incoraggianti. "I pazienti con colite soffrono principalmente di dolori addominali che possono interferire con il loro funzionamento quotidiano e la nostra ricerca ha dimostrato che la cannabis medica del ceppo 'Erez' allevia significativamente i sintomi associati alla malattia e riduce il consumo di farmaci.

Lehi Bar-Lev Schleider, Chief Researcher presso World Cannabis Correction: "Per molti anni abbiamo assistito all'efficacia del trattamento delle malattie intestinali con la cannabis medica, le malattie intestinali sono tra le prime indicazioni riconosciute per il trattamento della cannabis medica dal Ministero della Salute. . Questo è il nostro sedicesimo studio clinico in fase di pubblicazione, questo studio mostra la sicurezza e l'efficacia terapeutica del ceppo "Erez" nel sollievo sintomatico delle malattie intestinali il cui trattamento convenzionale ha molti effetti collaterali.

Avinoam Sapir, CEO di Tikun Olam-Cannabit: “Questo studio clinico, insieme agli altri nostri studi clinici, è la nostra più grande risorsa nel trattamento della cannabis medica. Tutti i farmaci per la colite sono in gran parte finanziati per il paziente come parte del paniere della droga, ed è tempo che lo Stato riconosca la cannabis medica come farmaco e lo fondi per i pazienti che ha concesso. “Oggi i pazienti pagano con i loro soldi, questa non è una situazione che siamo pronti ad accettare, stiamo lavorando per cambiarla e invitiamo tutti coloro che hanno un problema a unirsi a noi. "

Il trattamento a breve termine con cannabis ricca di THC ha indotto la remissione clinica e ha migliorato la qualità della vita nei pazienti con colite ulcerosa da lieve a moderatamente attiva. Tuttavia, questi effetti clinici benefici non erano associati a significativo miglioramento antinfiammatorio nel punteggio endoscopico Mayo o marcatori di laboratorio di infiammazione (Clinicaltrials.gov NCT01040910).

Solo perché non hai dovuto pagare per queste informazioni non significa che non abbiamo bisogno di aiuto. In Canna-Media continueremmo a combattere la disinformazione e il separatismo medico. Per mantenere le informazioni, il tuo supporto è essenziale



tag: AlimentareIl sollievo dal doloreRicercasexualitéTraitement
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.