close
Scienza

Scienziato rivela come la marijuana influisce sul nostro sistema naturale di oppioidi

L'esperto di neurofarmacologia spiega come la cannabis può trattare il dolore

Un ricercatore in neurofarmacologia ha studiato oppioidi e cannabinoidi nel trattamento del dolore e della dipendenza. La sua ricerca si concentra sullo sviluppo di composti farmacologici in grado di alleviare il dolore cronico senza il rischio di un uso eccessivo e la ridotta efficacia che spesso accompagna gli antidolorifici tradizionali.

Come funzionano gli oppioidi

Il nostro corpo ha il proprio sistema oppioide incorporato che può aiutare a gestire il dolore. Questi oppioidi, come Le endorfine, sono sostanze chimiche che vengono rilasciate quando il corpo sperimenta lo stress, come un intenso esercizio fisico, così come in risposta ad attività piacevoli come un buon pasto. Ma si scopre che gli esseri umani non sono gli unici organismi in grado di produrre oppioidi.

Nel 1800, gli scienziati scoprirono che la morfina, un oppioide isolato dal papavero da oppio, era molto efficace nell'alleviare il dolore. Negli ultimi 150 anni, gli scienziati hanno sviluppato altri oppioidi sintetici come l'idrocodone e la diidrocodeina che forniscono anche sollievo dal dolore.

Altri oppioidi come l'eroina e l'ossicodone sono molto simili alla morfina, ma con piccole differenze che influenzano la velocità con cui agiscono sul cervello. il fentanil ha una composizione chimica ancora più unica. È l'oppioide più potente ed è responsabile dell'attuale picco di overdose e decessi, soprattutto tra i giovani.

Gli oppioidi, prodotti naturalmente o sintetici, alleviano il dolore legandosi a specifici recettori nel corpo, che sono proteine ​​che agiscono come un lucchetto che può essere aperto solo da una chiave oppioide.

Uno di questi recettori, chiamato recettore mu-oppioide, si trova sulle cellule nervose che trasmettono il dolore lungo il midollo spinale. Quando attivati, i recettori mu riducono la capacità della cellula di trasmettere informazioni sul dolore. Quindi, quando questi oppioidi viaggiano attraverso il corpo e raggiungono il loro recettore, gli stimoli che normalmente causerebbero dolore non vengono trasmessi al cervello.

leggere :  Poliziotti del Wyoming per monitorare l'eclissi solare

Questi stessi recettori si trovano anche nel cervello. Quando gli oppioidi trovano il loro recettore, il cervello rilascia dopamina, la cosiddetta sostanza chimica del "benessere", che ha i suoi recettori. Questo è, in parte, il motivo per cui gli oppioidi possono creare una forte dipendenza. La ricerca suggerisce che questi recettori alimentano il sistema di ricompensa del cervello e promuovono la ricerca di droghe. Per le persone a cui vengono prescritti oppiacei, questo crea un rischio di abuso.

I recettori degli oppioidi sono regolati dinamicamente, il che significa che quando esposto a sempre più oppioidi, il corpo si adatta rapidamente spegnendo il recettore. In altre parole, il corpo ha bisogno di una quantità sempre maggiore di questo oppioide per alleviare il dolore e produrre una sensazione di benessere. Questo processo è noto come tolleranza. La spinta a cercare una ricompensa sempre maggiore, unita a una tolleranza sempre maggiore, è alla radice del rischio di overdose. Questo è il motivo per cui gli oppioidi generalmente non sono soluzioni a lungo termine per alleviare il dolore.

THC e CBD per il trattamento del dolore

Tuttavia, è interessante notare che il ricerca suggerisce che l'uso di cannabis può anche ridurre la necessità di oppioidi direttamente interagendo con il sistema oppioide naturale del corpo per produrre effetti analgesici simile.

Numerosi studi hanno dimostrato che il THC e il CBD riducono entrambi il dolore, anche se, cosa importante, differiscono nei recettori a cui si legano per produrre questi effetti.

Il THC si lega ai recettori dei cannabinoidi che si trovano in tutto il sistema nervoso centrale, producendo una varietà di risposte. Una di queste risposte è l'euforia associata all'uso di cannabis e un'altra è il sollievo dal dolore. Inoltre, si ritiene che il THC riduca l'infiammazione in modo simile agli antinfiammatori come l'ibuprofene.

Al contrario, il CBD sembra legarsi a diversi recettori distinti e molti di questi recettori possono svolgere un ruolo nella riduzione del dolore. È importante notare che ciò avviene senza l'effetto euforico del THC.

leggere :  Un composto analgesico 30 volte più potente dell'aspirina è prodotto nella cannabis

Poiché prendono di mira recettori diversi, THC e CBD possono essere più efficaci quando lavorano insieme piuttosto che da soli, ma sono necessari ulteriori studi su modelli animali e umani.

I cannabinoidi possono essere utili anche in altri casi. Numerosi studi hanno dimostrato che i farmaci cannabinoidi approvati per uso medico sono efficaci contro il dolore e altri sintomi come spasticità, nausea e perdita di appetito.

I farmaci oppioidi, che includono eroina, ossicodone e fentanil, creano un'elevata dipendenza.

Avanzare la ricerca sul dolore

Insieme alla combinazione di THC e CBD, i ricercatori stanno iniziando a esplorare l'uso di questi due cannabinoidi con gli oppioidi esistenti per il trattamento del dolore. Questa ricerca è condotta sia su modelli animali che sull'uomo.

Questi studi sono progettati per comprendere sia i benefici, il sollievo dal dolore, sia i rischi, in primo luogo il potenziale di dipendenza, co-trattamento con cannabinoidi e oppioidi. La speranza sarebbe che il THC o il CBD possano ridurre la quantità di oppioidi necessari per un potente sollievo dal dolore senza aumentare il rischio di dipendenza.

Ad esempio, uno studio ha testato la combinazione di cannabis affumicata e oxycontin per alleviare il dolore e ricompensa. Ha scoperto che il co-trattamento ha migliorato il sollievo dal dolore, ma ha anche aumentato il piacere dei farmaci. Questo studio, così come un numero limitato altri studi, suggerisce che potrebbe non esserci alcun vantaggio netto.

Tuttavia, saranno necessari molti altri studi di questo tipo per capire se i cannabinoidi e gli oppioidi possono essere usati insieme in modo sicuro per il dolore. Tuttavia, l'uso dei cannabinoidi in sostituzione degli oppioidi rimane una strategia promettente per il trattamento del dolore.

Il prossimo decennio di ricerca porterà probabilmente nuove importanti intuizioni sul potenziale terapeutico dei cannabinoidi nella gestione del dolore cronico. E mentre la legalizzazione della marijuana continua a diffondersi, il suo uso in medicina crescerà senza dubbio in modo esponenziale.

Questo articolo è apparso originariamente su The Conversation et Invertire


tag: dipendenzaancora galleggianteNeuroscienzeoppioidi
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.