close
salute

La cannabis può essere usata per trattare la sindrome dell'ovaio policistico?

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è una malattia ormonale che colpisce una donna su dieci in età fertile, da 15 a 44

La cannabis potrebbe essere un modo per curare questo disturbo. Poiché questa è una condizione comune, si presume che esista una cura per la PCOS. Sfortunatamente, ad oggi, non c'è stata ancora una svolta medica per curare completamente questo squilibrio ormonale, solo trattamenti che possono diminuire o eliminare i sintomi della PCOS.

Negli ultimi anni, tuttavia, si è parlato molto della cannabis come un modo per curare la cannabis. PCOS.

In numerosi studi, la cannabis si è rivelata efficace nel trattamento del mal di stomaco e dei crampi, alleviando l'ansia e migliorando effettivamente la qualità della pelle e dei capelli, tutti sintomi comuni della PCOS. Ma la cannabis può curare la PCOS?

Risultato della ricerca di immagini per "Sindrome dell'ovaio policistico, PCOS"

Che cos'è la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)?

Sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è una condizione medica causata da uno squilibrio nei livelli degli ormoni femminili.

Le donne che soffrono di questa condizione producono alti livelli di ormone maschile Androgeno (ormoni steroidei che influenzano lo sviluppo del sistema riproduttivo maschile) nelle loro ovaie.

I sintomi più comuni della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) sono:

  • Regole irregolari e molto dolorose
  • Nessuna mestruazione, che può portare a varie complicazioni di salute come l'infertilità e lo sviluppo di cisti nelle ovaie.
  • irsutismo o un eccesso di peli sul mento, sulle guance, sul petto e su altre parti del corpo dove gli uomini spesso hanno i capelli (ma le donne no).
  • Acne grave e pelle grassa
  • Diradamento e caduta dei capelli (calvizie maschile)
  • Aumento del peso corporeo
  • stanchezza
  • pelle tag

La causa esatta della PCOS non è ancora del tutto chiara. Ci sono alcune prove che suggeriscono che si tratta di una condizione genetica, quindi se tua madre, tua sorella o parenti strette hanno la PCOS, sei a maggior rischio. Inoltre, le persone obese hanno buone possibilità di sviluppare PCOS.

Le donne con PCOS hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute più gravi come:

  • Intolleranza al glucosio o diabete di tipo 2 (oltre il 50% delle donne con PCOS sviluppa questa condizione più avanti nella vita)
  • Ipertensione e ipercolesterolemia
  • Disturbi dell'umore come ansia e depressione
  • Apnea del sonno
  • Tumore endometriale
  • Come viene trattata la sindrome dell'ovaio policistico?

Sebbene non esista una cura per la PCOS, è una condizione curabile. Il corso del trattamento dipende in gran parte dall'entità dei sintomi che la donna può avere.

Se i sintomi non sono gravi, ad esempio, la perdita di cattive abitudini e la riduzione del peso corporeo possono regolare e correggere lo squilibrio ormonale del corpo.

Per condizioni di PCOS più gravi, è necessaria una combinazione di una dieta sana e farmaci per trattare i sintomi.

Le donne che non desiderano rimanere incinta possono rivolgersi alla pillola contraccettiva per ripristinare il loro equilibrio ormonale e aiutare a regolare il loro ciclo mestruale.

Se una donna ha sviluppato resistenza all'insulina, dovrebbe prendere in considerazione l'uso di altri medicinali per il diabete.

Inoltre, per le donne che soffrono di problemi associati ad ansia e depressione, possono essere prescritti diversi antidepressivi.

leggere :  La prima applicazione dedicata alla cannabis terapeutica in Italia

Inoltre, gli analgesici sono farmaci comunemente usati per alleviare i crampi mestruali e il dolore pelvico.

PCOS, femmina, sindrome dell'ovaio policistico
Microscopia elettronica a scansione (SEM) che mostra follicoli cistici sulla parete dell'ovaio che impedirà l'ovulazione. INSEGNANTE. PM MOTTA, S. MAKABE e T. NAGURO / SPL / PHANIE / phanie

Qual è il ruolo della cannabis nel trattamento della PCOS?

Negli ultimi anni, la cannabis ha attirato l'attenzione sulle sue proprietà medicinali. Ma quando si parla di PCOS, la cannabis può trattare o addirittura curare questo disturbo?

Prima di tutto, la cannabis è ampiamente utilizzata per il trattamento del dolore, un sintomo che è spesso associato a PCOS.

La maggior parte delle donne che hanno PCOS hanno crampi mestruali dolore alla schiena molto doloroso, intenso durante il loro ciclo e talvolta dolore addominale dovuto allo sviluppo di cisti nelle ovaie.

Nel caso della depressione, che è anche un sintomo comune nelle donne con PCOS, la marijuana può avere effetti benefici e dannosi.

Sebbene non vi sia consenso su questo, l'opinione generale sembra essere che una dose elevata di THC migliorerà i sintomi della depressione, mentre dosi inferiori di THC e dosi più elevate di CBD. sembrano avere l'effetto di un antidepressivo.

Pertanto, la cannabis può essere utilizzata come trattamento palliativo per i numerosi effetti collaterali della PCOS. Ma quello che vogliamo sapere è se la cannabis può diventare un potenziale rimedio medico per questa spiacevole condizione?

Il sistema endocannabinoide e la funzione ovarica

Per capire come la cannabis può influenzare un disturbo ormonale come la PCOS, dobbiamo comprendere i processi biologici che avvengono nel corpo femminile e l'importanza del sistema endocannabinoide per la salute riproduttiva.

Il sistema endocannabinoide è una rete di segnalazione corporea composta da:

  • Endocannabinoidi (molecole create dal nostro corpo strutturalmente molto simili ai cannabinoidi della cannabis).
  • Diversi enzimi metabolici che degradano gli endocannabinoidi.
  • Recettori endocannabinoidi che si trovano nelle membrane cellulari e si diffondono in tutto il corpo.
  • Lo scopo principale del sistema endocannabinoide è mantenere l'omeostasi, o in termini semplificati, mantenere l'equilibrio di tutte le operazioni fisiologiche nel nostro corpo. Questo è il motivo per cui tutti i sistemi fisiologici del nostro corpo hanno recettori cannabinoidi (CB1 e CB2).

I recettori CB1 si trovano principalmente nel sistema nervoso centrale e i recettori CB2 si trovano principalmente nelle cellule del sistema immunitario.

Tuttavia, questi due recettori sono presenti anche negli organi sessuali femminili e svolgono un ruolo vitale nella regolazione della salute riproduttiva.

Le ovaie sono gli organi riproduttivi femminili che producono cellule riproduttive (gameti) per la fecondazione e ormoni riproduttivi, tra cui estrogeni, testosterone, inibina e progesterone. Questi svolgono un ruolo cruciale nel ciclo mestruale e nella fertilità.

Durante il ciclo mestruale, le ovaie subiscono tre serie di cambiamenti: la fase follicolare, l'ovulazione e la fase luteale.

Durante la fase follicolare, il cervello femminile (l'ipotalamo) rilascia l'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) che stimola la secrezione di due ormoni nella ghiandola pituitaria anteriore: l'ormone follicolo-stimolante (FSH) e ormone luteinizzante (LH).

Questi ormoni viaggiano attraverso il sangue fino alle ovaie della donna dove producono da 15 a 20 uova nei follicoli ovarici.

L'estrogeno viene quindi sintetizzato in quantità significative dal follicolo preovulatorio per diminuire i livelli di LH e FSH.

Livelli inferiori di questi ormoni uccideranno la maggior parte dei follicoli prodotti e un singolo follicolo dominante maturerà completamente per rilasciare l'uovo. Questa fase è chiamata ovulazione.

La successiva è la fase luteale in cui le ovaie producono un ormone chiamato progesterone, che aiuta a ispessire il rivestimento dell'utero in preparazione per una possibile gravidanza.

leggere :  Zamal medico per Reunion Island

Il motivo per cui spiego tutte le fasi del ciclo ovarico non è che voglio che tu ricordi il materiale di studio delle classi di biologia di grado 10, ma per spiegare gli effetti che i cannabinoidi sembrano avere in questo processo. naturale.

L'effetto dei cannabinoidi sugli ormoni femminili

La scienza ha finora scoperto che i recettori CB1 si trovano nell'ipotalamo, le aree del cervello in cui viene prodotto il GnRH.

Ciò significa che un alto livello di endocannabinoidi (prodotti nel nostro corpo) e cannabinoidi esogeni (derivanti dall'uso di cannabis) inibisce il rilascio dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), che sopprime ulteriormente la produzione di Ormone follicolare stimolante (FSH) e ormone luteinizzante (LH) nella ghiandola pituitaria anteriore.

Quindi, danneggia la funzione gonadica femminile e diminuisce la produzione di estrogeni e progesterone.

In termini semplici, l'uso cronico di cannabis può comportare:

  • Diminuzione della concentrazione di ormoni sessuali.
  • Disturbo del ciclo mestruale.
  • Ritardo nella maturazione sessuale.
  • Depressione della maturazione follicolare ovarica.
  • Calo della fertilità femminile.

Un altro studio, pubblicato nel 2009, è stato il primo a scoprire la presenza di un sistema endocannabinoide completo nell'ovaio umano. È stato anche scoperto che il CB2 è concentrato a un livello molto più alto nel follicolo ovarico rispetto al CB1.

Questa scoperta potrebbe suggerire che il sistema endocannabinoide abbia un ruolo immunologico molto importante nella funzione ovarica, ma questa ipotesi non è stata ancora dimostrata.

Sistema endocannabinoide (CES) e sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)

Quando si tratta di un collegamento diretto tra ECS e PCOS, uno studio recente ha rilevato che alcune delle caratteristiche più pericolose della PCOS (insulino-resistenza e obesità) possono essere associate alla sua attivazione.

Ciò significa che un aumento del livello di endocannabinoidi nel corpo e una forte stimolazione dei recettori CB1 (che si verifica quando si consuma cannabis) possono essere un fattore di rischio per la resistenza all'insulina nelle donne con PCOS.

Secondo questo sondaggio, non sarebbe suggerito di usare la cannabis come trattamento per la PCOS, poiché potrebbe portare alla progressione della PCOS.

D'altra parte, a altro studio ha mostrato livelli aumentati di proteina C-reattiva (CRP), citochine infiammatorie e conta dei leucociti nelle donne con PCOS.

In altre parole, la PCOS potrebbe essere un processo infiammatorio. E sappiamo tutti che la cannabis ha dimostrato di essere un ottimo antinfiammatorio.

In effetti, diversi composti trovati nella cannabis (THC, CBD, terpeni) hanno dimostrato di avere grandi capacità nel trattamento di molti disturbi infiammatori.

Tuttavia, nessuno studio ha trovato un collegamento diretto tra l'uso di cannabis e la PCOS.

Sebbene il la maggior parte degli studi sull'effetto dei cannabinoidi sulla funzione ovarica sono stati effettuati in vitro, su animali o su un piccolo campione, si ritiene che la PCOS possa essere collegata a disfunzioni del sistema endocannabinoide.

I cannabinoidi derivati ​​dalla cannabis possono distorcere il delicato legame tra SCE e il meccanismo omeostatico nel processo riproduttivo della donna.

Pertanto, non è consigliabile utilizzare la marijuana come potenziale cura per PCOS o qualsiasi altro disturbo riproduttivo nelle donne.

Detto questo, non ci sono stati abbastanza studi sull'uomo per dimostrare un legame negativo tra uso di cannabis e la salute riproduttiva delle donne.

Tutto quello che sappiamo finora è che l'ECS svolge un ruolo vitale nel mantenimento dell'equilibrio della nostra salute riproduttiva e che i cannabinoidi esogeni nella cannabis giocano certamente un ruolo importante nel mantenimento o nell'interruzione della nostra salute riproduttiva. questo equilibrio.

tag: Consumodolore cronicofertilitàMedico e ParafarmaceuticosexualitéSistema endocannabinoideTraitement
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.