close
Scienza

Studio: Guida meno distratta per i consumatori abituali

Cannabis da addestramento alla guida

Influenza della cronologia dei consumi sulle prestazioni di guida simulate

Le persone con una storia di consumo frequente di cannabis mostrano solo lievi cambiamenti nelle loro prestazioni di guida poco dopo aver fumato marijuana, secondo i dati di simulazione di guida pubblicati sulla rivista Prevenzione delle lesioni da traffico.

I ricercatori dell'Università del Colorado, dell'Anschutz Medical Campus e dell'Università dell'Iowa hanno valutato le prestazioni di simulazione di guida di una coorte di consumatori di cannabis frequenti e rari. I partecipanti hanno fornito la propria cannabis, che conteneva tra il 15 e il 30% di THC. Dopo aver fumato cannabis ad libitum, i soggetti hanno eseguito una serie di scenari di guida distratti.

Gli autori hanno riferito: "Quelli con un'abitudine al consumo occasionale avevano una probabilità significativamente maggiore di cambiare corsia durante i periodi di distrazione dopo un uso acuto di cannabis rispetto al basale, mentre quelli con un'abitudine quotidiana non hanno mostrato un aumento simile. Coerentemente con altri studi, i ricercatori hanno anche riconosciuto che "i partecipanti con un'abitudine quotidiana al consumo di alcol avevano una velocità ridotta, che può essere interpretata come un effetto farmacologico o come una strategia compensativa". »

leggere :  Un nuovo studio rileva che la cannabis lascia un'enorme impronta di carbonio

Studi separati hanno precedentemente riportato che l'esposizione ripetuta alla cannabis è associata a una tolleranza parziale o addirittura completa in aree particolari, tra cui prestazioni cognitive e psicomotorie.

Gli autori dello studio hanno concluso: "I risultati forniscono la prova che un'abitudine al fumo occasionale era associata a prestazioni peggiori dopo un uso acuto di cannabis rispetto alle deviazioni di corsia. Anche le persone con un'abitudine al bere occasionale si comportano in modo diverso rispetto alla posizione dell'acceleratore e c'è una tendenza alla diminuzione della velocità nelle persone con un'abitudine al consumo quotidiano. Ciò si adatterebbe all'ipotesi della tolleranza, con i consumatori giornalieri che sono in qualche modo meno colpiti dagli effetti dell'uso acuto di cannabis o sono più in grado di mitigarli. Ciò potrebbe indicare che coloro che consumano quotidianamente possono percepire un potenziale impatto negativo del consumo acuto di cannabis sulle prestazioni di guida e tentare di compensare rallentando per avere più tempo per reagire ai cambiamenti della strada. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli effetti durante le attività secondarie più lunghe e complesse. »

Sebbene non sia l'obiettivo principale dello studio, i ricercatori hanno valutato i livelli basali di THC nel sangue dei soggetti al momento dell'ammissione in laboratorio. Coerentemente con la ricerca precedente, i soggetti che hanno riportato l'uso quotidiano di cannabis sono risultati positivi al THC nel sangue (livello medio di THC nel sangue: 5 ng/ml) nonostante si siano astenuti dall'uso di marijuana per almeno le ultime 12 ore.

leggere :  I test di sobrietà non sono scienza

Questi risultati hanno dimostrato che il modello di uso occasionale mostrava più viaggi su strada dopo il consumo acuto di cannabis rispetto al modello di uso quotidiano. D'altra parte, è stato riscontrato che i consumatori nel gruppo di uso quotidiano hanno mostrato una diminuzione della loro velocità, che può essere interpretata come una compensazione per gli effetti del farmaco. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli effetti del farmaco su compiti secondari più lunghi e complessi.

NORML ha a lungo discusso contro l'imposizione di soglie di THC nel sangue come predittori di compromissione e di per sé , perché non sono correlati in modo coerente con i cambiamenti nelle prestazioni del soggetto e perché i livelli residui di THC possono persistere nel sangue per diverse oreso giorni anche dopo l'astinenza. In alternativa, NORML ha richiesto l'uso esteso di test basati sulle prestazioni, ad esempio DRUID .


tag: conduiteConsumoeffetti collateraliStudioNORML
Weedmaster

L'autore Weedmaster

Emittente multimediale e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti correlati alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.