close
Cultura

Un nuovo metodo chiamato “riribaltamento”: produrre di più in meno spazio

Meno spazio, più piante: come la rincalzatura migliora l'efficienza della coltivazione della cannabis

Secondo uno nuovo studio Guidato dai ricercatori dell’Università della California del Nord, il nuovo metodo di “restringimento” consente di produrre più piante di cannabis di alta qualità in meno spazio.

Secondo un recente studio dell'Università della California settentrionale pubblicato su HortScience, un nuovo metodo per produrre nuove piante di cannabis funziona altrettanto bene dei metodi tradizionali in un piccolo spazio. Il nuovo metodo, noto come “ripuntatura”, prevede il prelievo di talee da piante “madre” forti e esenti da malattie che sono state micropropagate in condizioni di laboratorio controllate.

"La rincalzatura ha il potenziale per produrre nove volte più piante in uno spazio simile rispetto alle talee di piante madri tradizionali", afferma Jessica Lubell-Brand, professoressa di orticoltura presso il College of Agriculture, Health and Natural Resources dell'Università della California settentrionale e ricercatore principale del progetto. "Questo metodo potrebbe aiutare le strutture di coltivazione a crescere di più in meno spazio mantenendo la qualità del prodotto finale."

Il team di ricerca, che comprendeva anche la studentessa di dottorato Lauren Kurtz, ha studiato la crescita delle piante in serra per determinare se ci fossero differenze tra tre metodi: micro-talee, talee di fusto e talee di radice.

I risultati suggeriscono che tutti e tre i metodi per far crescere nuove piante a dimensioni simili e presentano lo stesso profilo chimico. Anche il prodotto finale, che in questo caso è il fiore di cannabis, non differisce tra i tre metodi.

Sebbene i raccolti siano simili, il trapianto è il metodo che richiede il minor spazio di propagazione, consentendo ai coltivatori di coltivare più piante di avviamento nei loro allestimenti.

Oggi, la maggior parte delle operazioni di coltivazione della cannabis si basa su grandi piante madri coltivate in modo convenzionale e talee per produrre nuove piante identiche. Il problema è che le piante madri occupano molto spazio di crescita, accumulano malattie e perdono vigore nel tempo.

Le piante madri micropropagate utilizzate in questo studio sono state coltivate in laboratorio e hanno prodotto piante identiche, prive di malattie e vigorose. Vengono coltivate in piccoli contenitori in condizioni sterili, occupando meno spazio rispetto alla coltivazione convenzionale.

Utilizzando madri recentemente micropropagate per il nuovo metodo chiamato retipping, i ricercatori raccolgono talee da piante che sono state acclimatate a condizioni al di fuori del laboratorio. La rimozione può migliorare la resa del processo di micropropagazione utilizzando le piante come madri anziché e in aggiunta utilizzandole come piante di produzione per coltivare fiori.

"Non tutte le strutture di coltivazione hanno i mezzi per costruire un laboratorio e coltivare piante micropropagate", afferma Lubell-Brand. "Tuttavia, ci sono vivai con laboratori che possono intervenire per rifornirli, soprattutto quando la coltivazione della cannabis diventa legale in più stati." Questa strategia di catena di fornitura è comunemente utilizzata nel settore del vivaismo ornamentale”.

Il team di ricerca spiega che mentre la proibizione della cannabis, che dura da decenni, sta per finire in tutto il paese, c'è ancora molto da imparare.

tag: Tecniche di coltivazione e raccolta sostenibili
Maestro d'erba

L'autore Maestro d'erba

Emittente di Weed media e responsabile delle comunicazioni specializzato in cannabis legale. Sai cosa dicono? sapere è potere. Comprendi la scienza alla base della medicina della cannabis, rimanendo aggiornato con le ultime ricerche, trattamenti e prodotti relativi alla salute. Rimani aggiornato con le ultime notizie e idee su legalizzazione, leggi, movimenti politici. Scopri suggerimenti, trucchi e guide pratiche dei coltivatori più esperti del pianeta, nonché le ultime ricerche e scoperte della comunità scientifica sulle qualità mediche della cannabis.